Spiccioli di Cassandra/ La Tv nuova

Da una nuvola di fumo... una storiella, due consigli e varie considerazioni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-01-2019]

tv bar

E' davvero cominciato tutto con una nuvola di fumo. Acre, di bachelite bruciata, canto del cigno del trasformatore di alta tensione, evento che decenni or sono era un guasto tipico delle Tv a tubo catodico. Un guasto allora facilmente riparabile... con un economico ma ormai irreperibile pezzo di ricambio.

Ahimè, non è più un mondo per cose vecchie, e quindi Cassandra si è dovuta rassegnare all'acquisto della sua prima SmartTv, ovviamente meno smart e impicciona possibile.

Non è stato difficile. Il periodo natalizio, una serie di filtri e un paio di controlli tecnici hanno portato a una scelta molto veloce, grazie a un ben noto (anche troppo) sito di commercio elettronico.

Requirement: assenza di microfono, assenza di telecamera, 39 pollici e dimensioni geometriche specificate al millimetro per essere sicuri dell'incastro nella libreria, risoluzione Full Hd (no 4K), SAT e DVB2.

Risultato: non tanti modelli e solo 3 marche, specialmente a causa della dimensione obbligata di 39", che rende inutili i 4K.

Una googlatina in giro; solo una delle marche pare avere un'assistenza italiana contattabile sia via numero verde che email. Prezzo incredibilmente basso, ordine. Meno di un'ora in tutto.

Malgrado il Natale incombente, dopo pochi giorni arriva il paccone. La rimozione e riciclaggio del cadavere dello scorso millennio, dei box per il SAT e per lo streaming (questa è un'altra storia), del gorillaio di cavi relativi e annessa polvere secolare hanno richiesto un paio d'ore; il montaggio del nuovo 30 minuti, il setup circa un'ora, anche a causa della incapacità di Cassandra di capire come fare, nella selva di menu, per passare da SAT a DTV.

Relativamente onesto il setup; dice, in maniera abbastanza chiara, che il televisore funzionerà solo se si risponde di sì alla licenza d'uso, e che tutti i dati di utilizzo, incluso quelli di eventuali app, saranno utilizzati anche dal fabbricante. Così è se vi pare.

In attesa che la Comunità Europea renda illegali (se mai lo farà) questi comportamenti universalmente diffusi, procediamo a minimizzare il danno. Nessuna applicazione aggiuntiva installata, collegamento alle rete non via cavo ma via Wi-Fi, su una rete guest appositamente creata che può solo uscire su Internet.

Sondaggio
La televisione in tre dimensioni... (completa la frase)
è la nuova frontiera dell'intrattenimento domestico.
è inutile e in più fa male alla vista.
serve solo a vendere nuovi televisori e decoder.

Mostra i risultati (4981 voti)
Leggi i commenti (11)

Quando Cassandra avrà tempo, snifferà i nomi dei server che il televisore cerca di contattare e ne renderà impossibile il contatto, o lo reindirizzerà su IP locali fake. Per ora quindi non solo Netflix ma anche il fabbricante del televisore sapranno quando e cosa guardo in streaming.

Ooops, RaiPlay, tanto per cambiare, si pianta in continuazione, in particolare sul Paradiso delle Signore, che per l'appunto la mia signora esige di poter vedere.

Il firmware si aggiorna over the air, ed è aggiornato. Con un cattivo presentimento vado sul sito del fabbricante e invio una richiesta di intervento. Aspetto a chiamare il numero verde e, dopo diversi giorni, ricevo una mail di richiesta di ulteriori informazioni. Le invio, e segue ancora il silenzio.

Con lo stato d'animo di chi, come ultima risorsa, si reca dallo sciamano, telefono al numero verde e, miracolo, dopo poche decine di secondi sono in linea con un'operatrice. Malgrado la segnalazione già fatta, mi fa riempire un'anagrafica. Poi finalmente mi chiede la descrizione del problema, e chiude promettendo un contatto.

Nel pomeriggio altro miracolo. L'operatrice mi richiama davvero, ripeto, mi richiama lei per sapere una oscura sottoversione del firmware, che prontamente le fornisco.

Qualche altro giorno di silenzio e poi una mattina arriva la mail del servizio tecnico con il link per scaricare un nuovo firmware, e dettagliate istruzioni su come farlo. Nel giro di mezz'ora, incluso il reset completo della Tv, tutto funziona. Commovente.

Adesso ho una spia, ma molto miope e sorda, in salotto, e posso infine staccare il cavo HDMI di 10 metri che collegava il Pc al vecchio televisore, accrocco che dovevo utilizzare per vedere lo streaming. Questa sì che è stata una bella soddisfazione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Mirroid, l'app per controllare lo smartphone dal Pc

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 20)

Riguardo la chiavetta DVB-T, al suo interno è presente un sintonizzatore: senza quello non è possibile ricevere segnali in radiofrequenza (e questo te lo può dire qualsiasi radiotecnico) Se poi vuoi cercare a tutti i costi il pelo nell'uovo per non pagare il canone puoi rimanere nelle tue convinzioni Leggi tutto
1-2-2019 14:18

se stai pagando qualcuno per darti questi consigli mi sa che stai buttando i soldi (e spero ti costi meno che pagare 90€ di canone all'anno altrimenti non stai neanche risparmiando...) :? e comunque la pensi il tuo (o un generico) tributarista, la vedrei difficile in sede giudiziaria poi sostenere che tu NON sia tenuto a pagare il... Leggi tutto
1-2-2019 13:33

Ragazzi se non capite andate da un tributarista e pagatelo e sentiamo cosa ne dice. "Non sono .... computer .... senza sintonizzatore" a chiusura e per ulteriore chiarezza a me sembra chiarissimo. Il sintonizzatore non è un insieme di parti sparse su vari dispositivi ma un dispositivo tecnicamente ben definito. Addio!
1-2-2019 12:46

Infatti, mi sembra ben chiaro: l'apparecchio, qualunque esso sia, ti fa vedere i canali DVB (sia T che S)? - SI: paghi il canone - NO: non paghi il canone Quindi devi pagare il canone se? - hai un vecchio tv che riceve solo l'analogico? NO - hai un pc che vede i canali rai in streaming ma non ha l'antenna? NO - hai un televisore col... Leggi tutto
1-2-2019 10:49

perdonami etabeta, mi sembri troppo intelligente per essere uno che davvero non capisce - non hai detto tu per primo che hai una chiavetta DVB/T e che ci vedi la TV? come puoi sostenere di avere diritto di NON pagare il canone dopo che hai tutto l'hardware e il software necessario a ricevere/decodificare/fruire del segnale televisivo? ... Leggi tutto
1-2-2019 10:15

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi di questi 10 non ha meritato il premio Nobel per la Pace?
Elihu Root, segretario di Stato USA, vincitore nel 1912, indagato per la repressione degli indipendentisti filippini.
Aristide Briand, politico francese, vincitore nel 1926, nonostante molti sostengano che gli accordi da lui voluti abbiano portato la Germania a tentare la successiva espansione verso est.
Frank Kellogg, vincitore nel 1929: la sua idea per evitare le guerre fu sconfessata di lì a breve dalla politica tedesca.
Carl von Ossietzky, giornalista tedesco, vincitore nel 1935 per aver rivelato la politica tedesca di riarmo in violazione dei trattati. Meritava il premio, ma la tempistica fu pessima: venne deportato in un campo di concentramento.
Nessuno: nel 1948 il premio non venne assegnato. Sarebbe potuto andare a Mohandas Ghandi, ma era stato assassinato e il Comitato non permise che il premio fosse assegnato alla memoria.
Henry Kissinger e Le Duc Tho, vincitori nel 1973 per aver negoziato il ritiro delle truppe USA dal Vietnam. Il primo però approvò il bombardamento contro la Cambogia; il secondo rifiutò il premio.
Yasser Arafat, Shimon Peres e Yitzakh Rabin, vincitori nel 1994, sebbene gli accordi di Oslo abbiano avuto effetti molto brevi.
Kofi Annan e le Nazioni Unite, vincitori nel 2001, investigato nel 2004 per il coinvolgimento del figlio in un caso di pagamenti illegali nel programma Oil for Food.
Wangari Muta Maathai, vincitrice nel 2004, convinta che il virus HIV sia stato creato in laboratorio e sfuggito per errore.
Barack Obama, vincitore nel 2009, appena eletto presidente degli USA.

Mostra i risultati (1902 voti)
Giugno 2021
Windows 11, l'ISO del sistema finisce in Rete
Windows 11, i primi screenshot sfuggono in Rete
Tutti gli indizi che puntano a Windows 11
Gli hard disk al grafene sono 10 volte più capienti
Microsoft nasconde la fotocamera sotto lo schermo che forma il logo di Windows
Il nuovo Windows 10 si svela a fine mese
Nuova tecnica contro il ransomware: ingannare il sistema di pagamento
Maggio 2021
Malvivente condannato grazie a una foto delle dita pubblicata online
Annunciata la prossima generazione di Windows
Guidi male? Forse è un primo segno di demenza
Scarsità di chip, televisori più cari del 30%
Android 12: veloce, attento alla privacy e personalizzabile
Nella Tesla schiantatasi con “nessuno” al volante c’era qualcuno al volante
WhatsApp, funzionalità ridotte se non si vogliono regalare i dati a Facebook
La scorciatoia da tastiera che scongela il Pc
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 19 giugno


web metrics