Adulti e ragazzini pagati per lasciarsi spiare da Facebook

Venti dollari al mese per accedere a tutti i dati personali dallo smartphone.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-02-2019]

facebook vpn spia

La scoperta è stata fatta da TechCrunch: dal 2016 a oggi Facebook ha pagato gli utenti affinché installassero sui loro smartphone una VPN che raccoglieva ogni possibile dato su di loro.

Offerta agli utenti di Android e di iOS, la VPN Facebook Research prometteva fino a 20 dollari al mese alle persone - tra i 13 e i 35 anni - che si impegnavano a installarla e a consentire accesso praticamente illimitato alle loro informazioni personali. Altri 20 dollari si potevano guadagnare segnalando degli amici.

Chi accettava di partecipare non solo installava un'app che poteva consultare ogni dato conservato sullo smartphone e analizzare le comunicazioni, ma ogni tanto si sentiva richiedere di compiere altre azioni, come scattare uno screenshot degli acquisti fatti su Amazon.

Non solo: il programma - sostiene TechCrunch - non si presentava con il nome di Facebook in bella vista ma si nascondeva dietro ai servizi di beta testing Applause, BetaBound e uTest, mentre nella documentazione veniva indicato come Project Atlas.

Per funzionare all'interno dell'ecosistema iOS, poi, la VPN era registrata nell'Enterprise Developer Program, che però può essere adoperato unicamente per la distribuzione di app all'interno di aziende e organizzazioni: non è prevista la distribuzione a una vasta platea di utenti dei quali carpire i dati.

Non appena la notizia dell'esistenza di questo strumento si è risaputa e Apple ha verificato la violazione delle regole, la VPN è stata rimossa dall'App Store; in Google Play, invece, al momento in cui scriviamo è ancora presente.

Analizzata dall'esperto di sicurezza Will Strafach, l'applicazione è risultata essere sostanzialmente un aspirapolvere di informazioni personali: essa recupera senza difficoltà «messaggi privati nella app dei social media, chat dalle app di instant messaging, comprese le foto e i video inviati, email, ricerche nel web, navigazione nel web, e anche informazioni sulla posizione».

Sondaggio
Facebook è un gran bel social network, però...
... genera dipendenza e condiziona la mia vita reale.
... mi rende più ansioso o più depresso del solito.
... non c'è nessun "però".
... non lo uso.

Mostra i risultati (2190 voti)
Leggi i commenti (1)

Durante l'installazione, infatti, l'app chiede all'utente il permesso di «installare il root certificate», che è ciò che dà il completo accesso allo smartphone. Per 20 dollari al mese - che, soprattutto per i ragazzini, possono essere interessanti dato che in fondo sembra di poter guadagnare denaro per non fare nulla - i dati più intimi finiscono nella mani di Facebook.

Facebook, dal canto proprio, respinge le accuse, sostenendo che l'app «non spiava nessuno: per aderire, tutte le persone iscritte hanno dovuto affrontare un chiaro procedimento che chiedeva il loro consenso, ed erano pagate per partecipare. Inoltre, meno del 5% delle persone che hanno scelto di partecipare erano adolescenti: tutti hanno presentato moduli firmati per il consenso dai genitori».

TechCrunch, dal canto proprio, ribatte che nonostante le richieste di permesso da nessuna parte era indicata l'estensione dell'accesso da parte di Facebook ai dati dello smartphone e che, per quanto pochi siano stati gli adolescenti partecipanti, il programma coinvolgeva comunque dei minori.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Greenspan: ''Il 50 per cento degli utenti di Facebook è fake''
Facebook vuole unificare Instagram, Messenger e WhatsApp
Facebook sotto accusa: giochini per ''spennare'' gli utenti più giovani
La lista dei disastri di privacy di Facebook
Facebook per anni ha regalato i dati degli utenti a Microsoft e altri 150 partner
Facebook, mail interne descrivono trucchi per raccogliere dati su SMS e chiamate di nascosto
Facebook, nuove accuse: spiati SMS e telefonate degli utenti
Facebook pensava di finanziarsi vendendo i dati degli utenti
Mark Zuckerberg disse che non avrebbe venduto i dati degli utenti: "Certo che no!"
Facebook respinge le accuse: ''No, non è l'utente il nostro prodotto''

Commenti all'articolo (3)

Non sono d'accordo perché, come appare chiaramente anche dalla risposta di Fakebok (© zero), basta chiedere un consenso, che sarei curioso di sapere quanto completo e informato, e dare un ridicolo compenso e tutto diventa lecito. Se passa un precedente di questo tipo la caccia ai dati personali degli utenti diventa un Far West senza... Leggi tutto
3-2-2019 11:46

Già, averlo saputo lo avrei fatto pure io, con un device dedicato.. :twisted:
3-2-2019 10:26

Secondo me tra tutti gli scandali di facebook questo mi sembra il meno grave: di solito spia gli utenti gratis.... almeno questi -per quanto poco- li pagava....
1-2-2019 11:15

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il motivo principale che ti può far desistere (oppure no) dal compiere un acquisto online?
La scarsa accessibilità del sito di ecommerce.
I tempi di consegna non certi.
La scomodità di dover rimanere a casa o di dover concordare la consegna con il corriere.
La possibilità che il pacco vada perso, se la spedizione non è tracciata.
La poca fiducia riposta nel negozio online.
Il prezzo maggiore del prodotto.
Le spese di spedizione elevate.
Il sovrapprezzo applicato per la spedizione contrassegno.
La scomodità di dover rispedire il pacco qualora la merce ricevuta sia danneggiata o difettosa.
La maggior difficoltà a far valere le condizioni di garanzia.
L'impossibilità di trattare sul prezzo o di chiedere uno sconto.
La poca fiducia riposta nei sistemi di pagamento online disponibili.

Mostra i risultati (2151 voti)
Febbraio 2019
WinRAR, falla vecchia di 14 anni minaccia 500 milioni di utenti
Blu-ray in declino, Samsung cessa la produzione di lettori
Chiavette USB per rilevare eventuali cyberattacchi
Microsoft chiede agli utenti di non usare Internet Explorer
Cassandra Crossing/ Colore viola addio
Microsoft: Non comprate Office 2019
Storia di un attacco informatico a una banca
Lasciate Facebook per un mese: vi farà bene
Windows Update irraggiungibile, ma torna a funzionare cambiando i DNS
Prosecco italiano sotto accusa: distrugge le colline da cui nasce
Gennaio 2019
Cassandra Crossing/ Truffati o indotti in errore?
La lavastoviglie compatta che lava i piatti in 10 minuti
Microsoft azzoppa Windows Media Player in Windows 7
Facebook vuole unificare Instagram, Messenger e WhatsApp
Windows Lite farà piazza pulita delle ''piastrelle'' nel menu Start
Tutti gli Arretrati


web metrics