NSA, lo spionaggio istituzionalizzato non conviene più

L'agenzia vuole sospendere la sorveglianza di massa.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-04-2019]

nsa sospendere sorveglianza

Secondo quanto riporta il Wall Street Journal, la NSA s'è arresa: constatando l'esistenza di problemi «logistici e legali» nel continuare l'attività, cancellerà il programma di sorveglianza telefonica di massa.

Si tratta di quello stesso programma ideato in seguito agli attentati dell'11 settembre del 2001 e svelato al mondo nel 2013 da Edward Snowden, quando scoppiò il cosiddetto Datagate. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
La NSA non spiava solo i cittadini USA ma anche i governi di Francia, Germania e Italia. Qual è la tua reazione di fronte a questa notizia? (se vuoi dare risposte multiple o commentare ulteriormente, usa il forum)
Sono profondamente indignato: come si sono permessi?
Sono stupito che gli USA siano arrivati a questo punto.
In fondo lo fanno per prevenire gli attentati; quindi li giustifico, almeno parzialmente.
Non mi sorprende. E' da un po' che l'Europa non conta più un tubo.
Accidenti! Avranno ascoltato anche le telefonate con la mia fidanzata/o.
I nostri politici non hanno nulla di più importante di cui preoccuparsi?
Lo so perfino io che i telefoni sono spiati, figuriamoci i terroristi.
Avevano ragione quelli di Zeus News, quando già nel 2001 scrivevano di Echelon.

Mostra i risultati (3053 voti)
Leggi i commenti (15)
Non è chiaro quali siano di preciso i problemi rilevati dalla NSA, ma l'agenzia ammette che oggigiorno «le difficoltà superano i vantaggi per i servizi di intelligence», e che pertanto si può abbandonare l'intero sistema di raccolta d'informazioni.

La NSA non può decidere da sola di sospendere l'intera attività: l'agenzia ha infatti raccomandato la chiusura del programma alla Casa Bianca, cui ora spetta la decisione definitiva.

Ciò che davvero risulta strano in questa vicenda è come all'improvviso la NSA abbia cambiato idea: in questi anni ha resistito ad accuse e scandali, difendendo a spada tratta lo spionaggio istituzionalizzato di singoli cittadini statunitensi e governi stranieri.

Adesso ha deciso di mollare tutto: sarà davvero a causa di difficoltà ormai diventate insormontabili?

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Rinunciare allo smartphone
La NSA: fate come dice Microsoft e installate la patch per EternalBlue
Il monumento dedicato a Edward Snowden
Snowden: la CIA violava le SIM card già dalla fabbricazione
Datagate, gli agenti della NSA spiavano anche mogli e fidanzate
Il Datagate si estende anche alla posta tradizionale
Datagate, Twitter denuncia FBI e governo americano
NSA: Google e Facebook sapevano tutto
Datagate, basta un crawler per beffare la NSA
Come l'NSA ha tradito la fiducia del mondo
Tutti gli Stati spiano gli alleati
Datagate, spiato anche il governo italiano
La NSA può violare ogni crittografia
Letta e Tavaroli hanno passato i nostri dati agli americani?
Tim Berners-Lee attacca i governi del datagate

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)

@Cesco67 Se fosse come dici tu non potrebbero neanche venderli in Italia telefoni con Android posto che è una aperta violazione costituzionale. Comunque il Prof. mi conferma che non ha accettato niente e come io gli ho consigliato sfan...la ogni richiesta di attivazione di Google Play Service e anche sfanc... il telefono funziona.
19-5-2019 17:08

@etabeta Il tuo prof ha letto, per bene, tutte le condizioni d'uso di Google? Io ammetto di non averlo fatto, ma sono convinto che da una qualche parte è scritto che lo possono fare. E alla prima accensione del dispositivo viene chiesto di accettarle e se non lo fai non puoi usare il telefono... Consiglio per il prof: acquisto di un... Leggi tutto
19-5-2019 15:59

Non è che il Prof. con un articolo scritto così tanto per cazzeggiare, come lui stesso mi ha confessato, gli abbia definitivamente rotto le uova nel paniere? :roll: :lol: Leggi tutto
19-5-2019 15:11

Se lo fanno è perché hanno trovato metodi più efficaci e meno costosi per ottenere almeno lo stesso risultato, altrimenti non ci credo.
29-4-2019 16:47

{wdf}
E noi ci crediamo, infatti
29-4-2019 12:48

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (400 voti)
Gennaio 2022
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Il nuovo, vecchio e doppio laptop di Cassandra
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 24 gennaio


web metrics