La NSA può violare ogni crittografia

L'agenzia statunitense inseriva apposta delle vulnerabilità nei software e negli standard per la sicurezza in Rete.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-09-2013]

Edward Snowden

Ogni informazione immessa in Rete, per definizione, non è privata: fino a oggi si pensava che questa frase valesse soltanto per i dati che non venivano protetti tramite gli algoritmi di cifratura.

Stando a quanto rivelato dal New York Times e dal Guardian, in realtà nulla, ma proprio nulla, è al sicuro, anche se crittografato con le tecniche più avanzate: la NSA è in grado di decifrare ogni cosa.

La notizia si basa sui documenti riservati sottratti da Edward Snowden e che sono all'origine del cosiddetto datagate, secondo i quali sin dal 2000 l'Agenzia per la Sicurezza Nazionale USA ha speso miliardi di dollari per riuscire a fare breccia in ogni forma di crittografia.

Se da un lato l'Agenzia si muove dotandosi di mezzi avanzati e di elevata potenza di calcolo per forzare le protezioni, dall'altro i documenti rivelano come tra i piani ci sia «l'inserimento di vulnerabilità nei sistemi commerciali di crittografia, nei sistemi IT, nelle reti e nei dispositivi finali di comunicazione adoperati dagli obiettivi» e «influenzare le policy, gli standard e le specifiche per le tecnologie commerciali a chiave pubblica».

Pare che conoscere nel dettaglio le capacità della NSA fossero sinora poche persone, tra cui gli alleati inglesi, canadesi, australiani e neozelandesi: in particolare gli analisti britannici sarebbero rimasti «di sasso» - si legge in un documento - nello scoprire i risultati raggiunti dai colleghi statunitensi.

Tutto ciò conferma anche i sospetti che molti esperti nutrivano da tempo circa l'introduzione da parte della NSA di falle negli standard e nei software di sicurezza, ed è forse questo il particolare che più spaventa chi finora credeva alla "buona fede" delle autorità USA.

«Una backdoor è proprio il contrario di una sicurezza robusta» commenta Christopher Soghoian della American Civil Liberties Union.

Sondaggio
Secondo te come stanno cambiando gli attacchi informatici?
Ci sono sempre più attacchi automatizzati verso i server anziché verso gli individui.
Gli attacchi sono più globali, dall'Europa all'America all'Asia all'Australia.
L'impatto maggiore è sui conti aziendali e sui patrimoni medio alti.
Gli attacchi colpiscono istituzioni finanziarie di tutte le dimensioni.
Gli hacker sono sempre più veloci.
I tentativi di transazioni sono più estesi e più elevati.
Gli attacchi sono più difficili da rilevare.
E' aumentata la sopravvivenza dei server.

Mostra i risultati (1498 voti)
Leggi i commenti

«Le backdoor» - continua Soghoian - «espongono tutti gli utenti di un sistema che le ospita, non soltanto i bersagli dell'agenzia, al rischio elevato che i loro dati siano compromessi».

Sia al Guardian che al New York Times rappresentanti della NSA avevano chiesto di non divulgare queste notizie in nome della sicurezza nazionale, poiché avrebbero potuto spingere i bersagli stranieri ad adottare nuove forme di crittografia, non ancora violate.

I giornali hanno tuttavia deciso di procedere ugualmente, pur rimuovendo alcuni dettagli, perché convinti che un dibattito pubblico su queste azioni del governo - mirate appositamente a indebolire gli strumenti utilizzati per proteggere la privacy in tutto il mondo - sia indispensabile.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Microsoft migliora la cifratura delle email
Una backdoor minaccia i router Linksys e Netgear
Amnistia a Snowden, ma solo in cambio dei file
L'ipocrisia dei politici alle prese col Datagate
Datagate, spiato anche il governo italiano
La chat a prova di NSA viaggia sul torrent
NSA accede a TOR e agli smartphone
Contro Obama la Germania crittografa l'email
Chiude Lavabit, l'email usata da Snowden
Tim Berners-Lee attacca i governi del datagate
USA, così il governo spia gli utenti di Facebook, Google e Microsoft

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 27)

{SadButTrue}
nel copiare il commento mi sono perso delle parti... riscrivo qui quello che manca, se poi un moderatore ha voglia di risistemare il commento precedente tanto meglio ;) [...]per algoritmi asimmetrici come in questo caso si ottiene un livello di sicurezza "equivalente" ci vuole una chiave da 2048 bit. Nessun documento lo dice... Leggi tutto
27-2-2016 16:24

{SadButTrue}
Una precisazione: la lunghezza delle chiavi RSA è ben superiore a 128 bit: mentre questa grandezza può andar bene per algoritmi simmetrici, per algoritmi asimmetrici come in questo caso si ottiene un livello di sicurezza "e, ma dall'analisi dei file diffusi da Snowden si ritiene che l'NSA sia in grado di... Leggi tutto
27-2-2016 00:09

Violare per credere :ops:
6-12-2013 17:00

fileguard, ci sono svariate soluzioni ci cifratura, quella che hai postato tu mi sembra sia closed-source (e quindi inaffidabile per definizione) e per di più sviluppata da un gruppo che non ha manco un dominio personale, solo una mail di seznam.cz che è un portale della Rep. Ceca dello stesso genere dell'italico Libero.it non lo trovi... Leggi tutto
5-12-2013 09:34

provino a violare questo ! link :)
2-12-2013 17:18

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (351 voti)
Gennaio 2020
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Tutti gli Arretrati


web metrics