Modalità incognito per i siti a luci rosse? Google e Facebook ti tracciano lo stesso



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-07-2019]

porno incognito

Quando si naviga nel web è bene assumere sempre che si sia tutt'altro che invisibili: le tecniche che permettono di tracciare gli utenti (per lo più a fini pubblicitari) sono varie e generalmente efficaci, dato che è proprio dalla pubblicità che i gigante del web traggono i propri guadagni.

A complicare la situazione c'è poi il fatto che molti utenti, per il solo fatto di usare la modalità Incognito del proprio browser, pensano di poter diventare irrintracciabili.

In realtà, ciò che la modalità Incognito sostanzialmente fa è non conservare alcun dato della navigazione sul computer (o sullo smartphone), evitando per esempio che le pagine viste appaiano nella cronologia. Impedire il tracciamento in Rete non è la sua funzione principale.

A dimostrare quanto sia facile venire seguire nei propri spostamenti digitali anche se si usa la modalità privata del browser arriva ora uno studio condotto da ricercatori di Microsoft, della Carnegie Mellon University e dell'Università della Pennsylvania.

Gli studiosi si sono concentrati sull'utilizzo più tipico della modalità Incognito, ossia la visione di materiale pornografico.

Analizzando oltre 22.000 siti porno con uno strumento chiamato webXray, i ricercatori hanno scoperto che il 93% dei siti colleziona dati sugli utenti, e che di tutti i tracker usati il 74% appartiene a Google, il 10% a Facebook e il 24% a Oracle.

Interessante è il fatto che tale tracciamento, in realtà, per lo più non avviene contro la volontà degli utenti: quando visitano il sito, infatti, accettano - di solito senza leggerla - l'informativa sulla privacy nella quale ciò che avviene ai loro dati viene spiegato, forse confidando proprio in una protezione che l'Incognito non può dare.

Sondaggio
Qual è il momento tra questi in cui avverti il maggior bisogno di privacy?
Leggo gli annunci di lavoro in ufficio
Spio un/una mio/a ex sui social network
Utilizzo i social network in ufficio
Consulto l'online banking
Guardo foto o filmati a luci rosse
Invio o guardo foto private
Faccio shopping online

Mostra i risultati (1545 voti)
Leggi i commenti (4)

Tutto ciò spiega le perplessità di quegli utenti che visitano i siti porno credendo di non essere notati e poi magari si trovano pubblicità esplicite su siti assolutamente normali: ciò avviene perché il tracciamento non è mai cessato.

Pone però anche un problema di privacy: secondo lo studio, le avanzate capacità di tracking mostrate dai giganti del web possono portare a individuare, di ciascun utente, dati sensibili quali il genere, le preferenze sessuali e gli interessi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Bug in Chrome impedisce di cancellare la cronologia
Google personalizza i risultati anche se si naviga in incognito
La Modalità Incognito non è poi così sicura

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 11)

Molto utile, lo avevo in passato su FF ma poi quando passai a Vivaldi non funzionava, seguendo il tuo link l'ho riprovato con Vivaldi ed ora funziona perfettamente. Thanks Leggi tutto
27-7-2019 13:56

E oltretutto costano anche centinaia di migliaia di euro alle aziende oneste che, per rispettare le leggi, devono comunque adeguarsi... vedi GDPR. :blackhumour: Leggi tutto
27-7-2019 13:54

IMHO solo l'industria del porno ha l'interesse, le capacità tecniche, la lungimiranza e le spalle abbastanza larghe (leggi poter ungere le ruote quando serve) per salvarci dai ladri di dati. Speriamo solo che si muovano!
25-7-2019 19:18

Come fai? Sputa il rospo! :)
23-7-2019 23:23

Ma non sono comunque sicuri, infatti permettono di essere identificati in modo univoco Does your browser protect from fingerprinting? ✗ your browser has a unique fingerprint Il mio gli alza il medio e infatti gli manda il test in infinite loop :lol: Leggi tutto
23-7-2019 23:22

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I bambini sempre più spesso entrano in contatto con la tecnologia a una tenera età (per giocare, comunicare e cercare informazioni), anche grazie alla diffusione di smartphone e tablet. Quale dovrebbe essere la maggiore preoccupazione dei genitori?
Potrebbero visionare materiale inappropriato o visitare siti inopportuni.
Potrebbero comunicare con sconosciuti o persone non ritenute affidabili.
Potrebbero essere vittime di cyberbullismo, sui social network o altrove.
Potrebbero spendere denaro online senza che i genitori lo sappiano, anche a causa delle app che richiedono acquisti online durante i giochi.
Potrebbero diffondere dati personali (compresi foto e filmati) senza essere coscienti dei rischi.
Potrebbero incorrere in difficoltà a relazionarsi con amici dal vivo, nascondendosi dietro relazioni disintermediate dal mezzo informatico.

Mostra i risultati (1282 voti)
Settembre 2019
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Il bug di Windows 10 che tinge di rosso gli screenshot
Antibufala: le foto di raggi spaziali che causano incendi nei boschi
Lo smartphone etico attento alle persone e al pianeta
Storie di hacker, campeggi e libertà
USB 4 è ufficiale e raggiunge i 40 Gbit/s
5 consigli (più uno) per non farsi lasciare a piedi dal PC
La lotta al ransomware procede silenziosa ma con successo
La maledizione dei connettori USB
Agosto 2019
GIMP è un insulto: sviluppatori ribelli fondano il fork Glimpse
Sextortion, il malware che registra davvero chi guarda video a luci rosse
Misteriosa malattia colpisce i fumatori di sigarette elettroniche
L'analisi del sangue che predice quando moriremo
Tutti gli Arretrati


web metrics