Apple licenzia centinaia di lavoratori che ascoltavano le conversazioni di Siri



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-08-2019]

cork licenzia
Il campus di Apple a Cork, in Irlanda

Finché la pratica di far ascoltare a delle persone le conversazioni captate da Siri passava sotto silenzio, tutto procedeva tranquillo.

Ora però che il caso è scoppiato, l'azienda di Cupertino - nei guai agli occhi dell'opinione pubblica tanto quanto Google, Amazon e Microsoft - ha deciso di agire, e di farlo con decisione maggiore rispetto alle "colleghe".

Se infatti gli altri tre giganti coinvolti hanno semplicemente sospeso l'ascolto e la revisione delle conversazioni, Apple ha voluto interromperlo completamente. Ovviamente, ciò ha delle conseguenze.

A farne le spese sono gli addetti alle revisioni, che sono stati licenziati: il Guardian parla di centinaia di persone che dall'oggi al domani in Europa hanno perso il lavoro, 300 dei quali nel solo Apple Campus di Cork, in Irlanda.

Sin dal 2 agosto scorso costoro - che non sono dipendenti diretti di Apple, ma di aziende cui Apple si rivolge - erano stati messi in aspettativa. Poi, la scorsa settimana è stato annunciato che il loro operato non era più necessario.

Le reazioni dei lavoratori sono miste. Da un lato c'è il risentimento per lo scarsissimo preavviso ricevuto prima del licenziamento, e una forte critica verso Apple, la quale «assumendo attraverso aziende terze in Irlanda non si assume alcuna responsabilità circa l'impiego di terzisti e il modo in cui questi vengono trattati sul lavoro», come hanno commentato alcuni di essi.

Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (403 voti)
Leggi i commenti

«Fanno ciò che vogliono» - continuano gli ex lavoratori - «e quando il progetto è finito o va a rotoli (com'è appena successo) dicono all'azienda di lasciarti a casa, e loro lo fanno. Hanno mai pensato a proteggere i loro dipendenti? O almeno la propria reputazione?».

Dall'altro lato c'è chi è contento che sia finita, perché il lavoro cominciava a turbarli. «Sono contento che si sia risaputo» afferma uno dei "revisori" riferendosi al fatto che ora tutti sanno ciò che veniva fatto delle registrazioni. .

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

@etabeta Mi sembra piuttosto evidente il livello dei dominati, ne abbiamo chiari esempi tutti i giorni e in praticamente tutte le nazioni del mondo... :umpf:
3-9-2019 19:15

E dominano il mondo! :shock: E se gente che non arriva all'asse del pane domina il mondo... figuriamoci il livello dei dominati. :roll: Leggi tutto
2-9-2019 19:57

Quelli fino lì arrivano, mica oltre... Leggi tutto
2-9-2019 19:10

Cristo il cervello lo ha dato a tutti. Se poi qualcuno ha perso il manuale d'uso e manutenzione... :roll: Hanno preso la palla al balzo per tagliare i costi, al solito quelli irrisori. :cry: Leggi tutto
1-9-2019 19:30

Bisognerà pure ingrassare gli azionisti e, se per fare ciò, chi ci va di mezzo sono i poveri lavoratori questo è solo un danno collaterale del quale agli azionisti ed ai manager non frega assolutamente nulla e non si preoccupano affatto. Un po strano suona il fatto che tante volte, invece, i poveri cristi che poi ci vanno di mezzo non... Leggi tutto
1-9-2019 15:25

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'app che permette di noleggiare un'autovettura direttamente dallo smartphone è molto contestata dai tassisti.
Non è necessario introdurre nuove regole per l'app. I tassisti hanno torto, perché il mondo si evolve ma loro ragionano come se Internet non esistesse, difendendo ciecamente la loro casta (che ha goduto di fin troppi privilegi negli ultimi anni).
I tassisti dovranno adeguarsi e mandare giù il boccone amaro, anche se un minimo di regolamentazione per l'app è necessaria.
L'app non va vietata del tutto, ma va limitata in modo pesante così da poter salvaguardare le esigenze dei tassisti.
L'app va completamente vietata: i tassisti hanno ragione a protestare, perché Uber minaccia il loro lavoro e viola leggi e regolamenti.
Non saprei.

Mostra i risultati (2096 voti)
Luglio 2022
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 2 luglio


web metrics