Emotet, il ritorno

Dopo 3 mesi e mezzo di assenza, torna una delle botnet più pericolose.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-09-2019]

emotet

Emotet, la consolidata botnet modulare scoperta per la prima volta nel 2014, è tornata a far parlare di sé nel panorama delle minacce email dopo un'apparente pausa estiva.

Di Sherrod DeGrippo, Senior Director of Threat Research and Detection di Proofpoint, ci informa che gli aggressori hanno lanciato una campagna di medie dimensioni (centinaia di migliaia di messaggi) il 16 settembre, indirizzata ad aziende attive in Austria, Svizzera, Germania, Spagna, Regno Unito, Italia, Polonia e Stati Uniti.

Emotet è già stata una delle minacce più dirompenti dell'ultimo anno con campagne su larga scala. Sebbene le esche utilizzate non fossero particolarmente sofisticate, erano localizzate e mirate a livello geografico.

Il malware, in origine un trojan bancario, è stato utilizzato più di recente per scaricare altri malware (compresi i banker) e distribuire spam con moduli per lanciare attacchi aggiuntivi e rubare credenziali.

Accade spesso che gli autori di minacce facciano delle pause per aggiornare gli strumenti, modificare i payload o semplicemente andare in vacanza, ma le interruzioni non sono in genere così lunghe.

Sondaggio
Quale tra queste tecniche diffusamente utilizzate dagli hacker ti sembra la più pericolosa?
1. Violazione di password deboli: l'80% dei cyberattacchi si basa sulla scelta, da parte dei bersagli, di password deboli, non conformi alle indicazioni per scegliere una password robusta.
2. Attacchi di malware: un link accattivante, una chiave USB infetta, un'applicazione (anche per smartphone) che non è ciò che sembra: sono tutti sistemi che possono installare malware nei PC.
3. Email di phishing: sembrano messaggi provenienti da fonti ufficiali o personali ma i link contenuti portano a siti infetti.
4. Il social engineering è causa del 29% delle violazioni di sicurezza, con perdite per ogni attacco che vanno dai 25.000 ai 100.000 dollari e la sottrazione di dati.
5. Ransomware: quei programmi che "tengono in ostaggio" i dati dell'utente o un sito web finché questi non paga una somma per sbloccarli.

Mostra i risultati (2146 voti)
Leggi i commenti (7)

Questa campagna, in particolare, si è rivelata di particolare interesse per l'aggiunta di Spagna e Italia, che in precedenza non erano tra gli obiettivi di Emotet.

Le email contenevano allegati di Microsoft Word o link collegati a documenti Word. I documenti stessi contengono macro che, se abilitate dalle vittime, scaricheranno e installeranno Emotet.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Scegli una risposta e poi leggi questa pagina.
E' nato prima il telefono
E' nato prima il fax

Mostra i risultati (1874 voti)
Gennaio 2020
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Tutti gli Arretrati


web metrics