Falle multiple nel Bluetooth, migliaia i dispositivi vulnerabili

Vulnerabili non solo smartwatch e serrature intelligenti, ma persino i pacemaker.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-02-2020]

falla bluetooth

Il protocollo Bluetooth è ormai usato in una gran quantità di dispositivi, dagli smartphone alle tastiere per Pc, dagli auricolari agli smartwatch e via di seguito.

Esso fornisce una gran comodità in quanto evita di dover fare affidamento su cavi e cavetti ma, come hanno scoperto alcuni ricercatori di Singapore, contiene anche alcuni serie vulnerabilità.

Gli esperti hanno individuato ben 12 exploit - collettivamente indicati come SweynTooth - presenti nel protocollo Bluetooth Low Energy (Ble), ampiamente usato nei dispositivi della Internet of Things e nei cosiddetti smart device che hanno bisogno di mantenere al minimo i consumi per preservare la carica della batteria.

«A prima vista» - spiegano i ricercatori - «la maggior parte delle falle influisce sulla disponibilità dei prodotti in quanto consente di riavviarli da remoto (mandandoli in crash), bloccandoli o facendo in modo che la sicurezza venga aggirata. In molti casi, quando si verifica un blocco, l'utente deve spegnere manualmente il dispositivo e poi riaccenderlo per ripristinare le comunicazioni via Ble».

Le vulnerabilità si trovano nei chip prodotti da diverse aziende - tra cui Texas Instruments, NXP, Cypress, Dialog Semiconductors, Microchip, STMicroelectronics, e Telink Semiconductor - che poi vengono venduti ai produttori dei dispositivi: gli apparecchi contenenti chip fallati sono quindi molto numerosi.

Il lato positivo della vicenda è che, prima di annunciare al mondo le proprie scoperte, i ricercatori di Singapore hanno contattato le aziende interessate e la maggior parte di loro ha già messo a disposizione delle patch; si tratta ora di fare in modo che le correzioni arrivino ai singoli prodotti.

Se infatti alcuni apparecchi sono sempre connessi a Internet e ricevono automaticamente gli aggiornamenti (come per esempio gli Amazon Echo), altri hanno bisogno di un intervento manuale dell'utente.

Ciò è particolarmente vero nel caso di molti dispositivi smart per la domotica, che generalmente vengono configurati all'inizio del loro servizio e poi dimenticati, almeno fino a che non capita un malfunzionamento. A causa di SweynTooth, tale malfunzionamento può anche concretizzarsi in un'intrusione (virtuale o reale) da parte di quale malintenzionato.

Tra i dispositivi vulnerabili ci sono prodotti noti come gli smartwatch Fitbit Inspire, i sistemi Eve Smart Home, i Samsung Galaxy Fit e le serrature intelligenti August Smart Lock. A questi bisogna aggiungere diversi dispositivi medici, dai glucometri ai pacemaker: la gravità di falle in questi apparecchi è evidente.

A mitigare le preoccupazione c'è il fatto che chi volesse portare un attacco - a causa del segnale Ble, la cui portata è limitata - deve molto vicino al dispositivo preso come bersaglio.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Falle nei dispositivi medici, così gli hacker possono fermare un pacemaker
L'uomo "infettato" dal virus per computer
Microsoft: tatuaggi per chi porta il pacemaker
Pacemaker a rischio hacker

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te il Codice della Strada dovrebbe proibire di indossare i Google Glass mentre si guida?
Sì, perché rappresentano una distrazione peggiore degli SMS, e quindi un pericolo.
No, perché come tutte le cose possono essere utilizzati bene o male. Altrimenti dovremmo vietare anche i navigatori GPS.
Ho un'altra opinione (la illustro nei commenti qui sotto)

Mostra i risultati (905 voti)
Aprile 2020
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Tutti gli Arretrati


web metrics