I robot di Sony assemblano una PS4 in 30 secondi

Nella fabbrica giapponese di Kisarazu ci sono appena quattro operai. Il resto sono robot.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-07-2020]

ps4 robot 30 secondi

Quanto tempo ci vuole per produrre una PlayStation 4? Dopotutto si tratta di un apparecchio complesso pieno di componenti delicati: è ragionevole pensare che l'operazione sia tutto meno che istantanea.

Ebbene, le cose non stanno per niente così. Secondo quanto riporta Nikkei Asian Review, per mettere insieme una console partendo dai pezzi base bastano appena 30 secondi, a patto che l'assemblaggio avvenga nella fabbrica di Kisarazu, non lontano da Tokyo.

Operativo sin dal 2018, l'impianto ha qualcosa di unico al mondo: gli operai. Per la stragrande maggioranza si tratta infatti di robot altamente specializzati, in grado di compiere pressoché ogni operazione necessaria a unire i vari pezzi per farli diventare una PlayStation finita in appena mezzo minuto.

I pochi operai umani hanno compiti di contorno, per quanto importanti: un paio inseriscono le schede madri nella catena di montaggio (lunga 31 metri) e altri due impacchettano la console completa.

Sony va particolarmente orgogliosa dei suoi 32 robot, 26 dei quali sono dedicati alle operazioni più delicate, quali il collegamento dei cavi piatti alla scheda madre applicando la giusta pressione, con un'accuratezza che è generalmente considerata al di là della portata di un robot.

«Probabilmente non c'è alcun altro luogo capace di far muovere dei robot in questo modo» spiega uno degli ingegneri responsabile del corretto funzionamento degli automi. «La collaborazione tra robot ed esseri umani è ottimizzata accuratamente in base alla nostra priorità: avere un ritorno sull'investimento».

La velocità di produzione e la scarsità di esseri umani sono certamente dei grandi vantaggi per Sony dal punto di vista economico, nonostante le spese sostenute per la creazione della fabbrica, e il preludio di un futuro in cui i robot saranno in grado di svolgere anche i lavori manuali più delicati, che oggi richiedono operai umani specializzati.

Ce n'è abbastanza da aspettarsi una nuova ondata di luddismo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 26)

Certo ma, soprattutto, poveri noi in generale poiché con questi atteggiamenti il paese - che già se la passa maluccio - rischia di non avere un gran futuro...
30-8-2020 19:47

Ti capisco e non sei il primo che me lo dice, ed appunto in quella discussione su Reddit ho avuto conferma, ho visto molta arroganza, in questi neo laureati di oggi. E a pensare che saranno la prossima classe dirigente, poveri i successivi giovani... :(
30-8-2020 17:47

In effetti io mi riferisco principalmente ai laureati ma non perché non mi filo gli operai bensì perché noto negli operai una maggiore disponibilità ad imparare e a riconoscere la necessità della formazione. Nei laureati questi aspetti - che si basano anche solo su una certa umiltà e rispetto delle persone più esperte - sono meno... Leggi tutto
28-8-2020 18:33

Beh, non ho motivo per dubitare della tua esperienza personale. Anche se avrei bisogno di esempi pratici, per riuscire a capire di cosa parli. I lavori sono tanti, quelli più manuali (operai più o meno specializzati) e altri più di concetto (dagli impiegati ai quadri). Tempo fa su Reddit ho partecipato (più che altro lurkato) ad una... Leggi tutto
27-8-2020 12:28

Francamente a me lo scontro generazionale sembra più un'invenzione per separare e creare artatamente una contrapposizione che non è una realtà di fatto, il vero problema è che oggi ci sono giovani preparati e volenterosi che apprezzo molto nel mondo del lavoro ma sono in una percentuale assai inferiore anche solo a 20 anni fa e questo,... Leggi tutto
26-8-2020 14:27

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1321 voti)
Agosto 2022
WhatsApp, arriva il blocco degli screenshot
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 13 agosto


web metrics