Microsoft pronta a lanciare Cloud PC, il desktop in streaming



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-04-2021]

microsoft cloudpc luglio

Meno di un anno fa, Microsoft aveva lasciato trapelare alcune indicazioni sul proprio prossimo, ambizioso progetto: il Cloud PC.

Si tratta di una fetta di futuro che ha il sapore del passato. Molto in breve possiamo ricordare come un tempo, prima della diffusione dei personal computer, lo scenario informatico in ambito lavorativo fosse costituito sostanzialmente dall'accoppiata mainframe/terminali.

I terminali - usati dai singoli utenti - non disponevano né avevano necessità di grandi risorse computazionali, perché tutto ciò che facevano era connettersi al mainframe, ed era questo a eseguire le elaborazioni.

Poi sono arrivati i PC, e ognuno ha avuto a disposizione una macchina sufficientemente potente da eseguire molte delle operazioni che erano originariamente demandate ai mainframe. In molti casi, con l'andare del tempo, l'architettura mainframe/terminali è stata quindi sostituita da quella client/server, in cui il client dipende dal server per certe operazioni (per esempio, l'autenticazione degli utenti, la condivisione di certe risorse o applicazioni multiutente) ma è indipendente per altre, potendo eseguire applicazioni in locale.

Con l'avvento del Cloud PC, il vecchio schema torna in un certo modo a essere rilevante. L'utente non ha più bisogno di un vero e proprio personal computer per lavorare: gli basta nuovamente un terminale con le risorse sufficienti a connettersi a Internet e al servizio.

Sarà Microsoft, a quel punto, a permettergli l'accesso a un PC remoto - e virtuale - con le risorse necessarie (che varieranno in base all'abbonamento sottoscritto), che potranno essere molto superiori a quelle del dispositivo usato per accedere.

Sondaggio
Pensi che Bitcoin potrebbe sostituire l'oro come bene-rifugio?
Non sostituirà mai l'oro
Lo sostituirà in futuro
Lo ha già sostituito

Mostra i risultati (722 voti)
Leggi i commenti (15)

Al Cloud Pc si potrà accedere anche da un normale Pc, ma l'idea di fondo è che, poiché tutta l'elaborazione avviene sui server di Microsoft, non è più necessario acquistare un vero personal computer: basta qualcosa di meno potente, come per esempio un tablet o un portatile con Windows 10 X. Questo genere di dispositivi non può eseguire applicazioni Win32, ma collegandosi al Cloud Pc sarà il sistema remoto a farlo per loro.

Vista da un'altra angolazione, questa soluzione pare in fondo l'equivalente di Microsoft 365, declinata però su un intero computer: Microsoft 365 permette di accedere da remoto a determinate applicazioni, senza doverle installare in locale; Cloud Pc permette di accedere da remoto a un interno desktop, senza averlo davvero a disposizione.

Ebbene, dopo un anno di lavori, il Cloud Pc ora si appresta a debuttare ufficialmente: secondo Mary Jo Foley, di solito ben informata sulle strategia di Microsoft, il lancio è previsto per il prossimo mese di luglio.

È già stato attivato anche un dominio accedendo al quale si potrà utilizzare il servizio: cloudpc.microsoft.com. È richiesto un account Microsoft e, ovviamente, nulla è ancora attivo; ma il dominio già esiste.

Inoltre, da alcune indiscrezioni è possibile sapere quali saranno i piani di Cloud Pc disponibili. Pare che ci saranno tre livelli - Lite, Standard e Advanced - ognuno dei quali offrirà maggiori risorse rispetto al precedente e costerà di più.

Cloud PC Lite metterà a disposizione 2 CPU virtuali, 4 Gbyte di RAM e 96 Gbyte di spazio su SSD. Cloud PC Standard offrirà una configurazione sostanzialmente identica tranne che nella RAM, che ammonterà a 8 Gbyte. Cloud PC Advanced, infine, offrirà 8 Gbyte di RAM, 3 CPU virtuali, ma solo 40 Gbyte di spazio su SSD.

Bisogna ammettere che ci sono certe comodità in questa soluzione: poter lavorare in mobilità potendo comunque accedere a tutte le risorse che sarebbero disponibili in una postazione fissa, per esempio; o la possibilità di utilizzare il proprio ambiente indipendentemente dal dispositivo.

D'altra parte, si tratta di un'ennesima soluzione su abbonamento. L'utente è sempre meno padrone degli strumenti che usa, ma li affitta dal fornitore e può utilizzarli fintanto che è in regola con i pagamenti, anziché pagare una volta e avervi accesso praticamente per sempre.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Windows 365 apre l'era del PC in streaming
Windows 11, l'ISO del sistema finisce in Rete
Il nuovo Windows 10 si svela a fine mese
Annunciata la prossima generazione di Windows
Windows 10, l'aggiornamento di maggio adesso è disponibile
Se l'FBI, zitta zitta, si mette a patchare i server altrui
Che mondo sarebbe senza data center?
Direttori del personale: il telelavoro è destinato a restare
Luna, i videogiochi in streaming secondo Amazon
Da Microsoft un Office senza abbonamento nel 2021
Oculus Infinite Office
Adobe, un aggiornamento cancella tutte le foto da Lightroom
LibreOffice 7.0, ancora più compatibile con Microsoft Office
Bmw vara le auto con gli optional sbloccabili
Office 365 cambia nome e punta alle famiglie
Microsoft porta la stampa nel cloud con Universal Print
Il laptop più pericoloso del mondo va all'asta online
Microsoft: Non comprate Office 2019
Gru, escavatori e bulldozer hackerabili da remoto
Samsung Remote Access permette di controllare il Pc dalla Smart TV
Project xCloud, il gioco in streaming secondo Microsoft
Google lancia i videogiochi in streaming con Project Stream
Ubisoft: ''Le console sono destinate a sparire: ancora una generazione e poi basta''
Ruba una BMW, la polizia lo chiude dentro da remoto
La polizia ti perquisisce l'hard disk da remoto

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 17)

{al}
tempi duri per citrix
28-5-2021 21:11

Si, in realtà ci provano continuamente, se vai su azure te la puoi fare la macchina virtuale Windows 10 è che se ne hai un uso continuativo di costa un capitale, probabilmente loro vogliono infilarlo dentro un abbodamento ulteriore di office365. La virtualizzazione degli ambienti di lavoro comunque non è una novità, oltre a citrix, ho... Leggi tutto
29-4-2021 14:36

Qui quotone doppio! :ola: Leggi tutto
25-4-2021 11:14

Direi proprio di no, il mainframe era sotto il controllo dell'azienda, anzi, di solito era proprio in azienda, qui regali tutto a M$. Non posso che quotare tutti coloro che mi hanno preceduto nell'enumerare gli aspetti negativi di questa soluzione ed io, personalmente, di positivi proprio non ce ne vedo... Leggi tutto
25-4-2021 11:13

{giampix}
Ci avevano già provato alcuni anni fa: mi sembra fosse Next con i suoi computer minimali da collegare in rete, e non ha avuto successo. Visto che Microsoft è una delle aziende Prism che collaborano col governo statunitense per spiare tutto lo spiabile (anche a fini commerciali per favorire le aziende americane) mi auguro... Leggi tutto
23-4-2021 13:19

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Se il telefonino è generalmente personale, spesso il tablet è condiviso in casa. E' così?
Ho un tablet e lo uso solo io.
Ho un tablet e lo condivido con i miei familiari.
Non ho un tablet ma utilizzo quello di un mio familiare.
Non ho un tablet.

Mostra i risultati (1863 voti)
Luglio 2021
Windows 10, svelato l'aggiornamento 21H2
Zitto zitto, il Parlamento Europeo vara la sorveglianza di massa di tutte le email
La UE ci riprova col caricabatterie unico
Stuxnet, il virus informatico più distruttivo della storia
Windows 11, niente update da Windows 7 e 8.1
Falla critica nel sistema di stampa di Windows, e la patch ancora non c'è
Un assaggio del nuovo Office, riprogettato per Windows 11
Giugno 2021
Windows 11, il mio PC riuscirà a eseguirlo?
Windows 11, non abbiate fretta di installarlo
Un blackout informatico molto, molto canadese
Windows 11 sarà più veloce di Windows 10
Windows 11, l'update da Windows 7 e 8 sarà gratis
Windows 11, l'ISO del sistema finisce in Rete
Windows 11, i primi screenshot sfuggono in Rete
Tutti gli indizi che puntano a Windows 11
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 25 luglio


web metrics