Windows 11, la patch per AMD peggiora i problemi

Dovrebbe riportare le prestazioni in linea con quelle di Windows 10, ma ottiene l'effetto opposto.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-10-2021]

windows 11 amd prestazioni patch peggiora

Bisogna ammettere che Microsoft s'è mossa con celerità per affrontare i problemi di prestazioni rilevati quando si usa Windows 11 con i processori AMD, tant'è che una patch è già stata rilasciata insieme al primo update cumulativo.

Il guaio è che, come di tanto in tanto accade, la cura è peggiore del male.

Il già citato primo aggiornamento cumulativo per Windows 11, distribuito anche ai PC ufficialmente incompatibili, infatti non migliora le prestazioni dei sistemi con processore AMD, ma addirittura le peggiora.

I vari test mostrano che la latenza nell'accesso alla cache di terzo livello è aumentata, non diminuita: le prove di TechPowerUp hanno rivelato una crescita della latenza da 17 nanosecondi a 31,9 nanosecondi; lo stesso sistema, equipaggiato con Windows 10, mostrava una latenza di appena 10 nanosecondi.

Risultati simili sono stati ottenuti dalla tedesca Heise che, mettendo alla prova un AMD Ryzen 5 5600G ha ottenuto 12,4 nanosecondi con Windows 11, 30 nanosecondi con la prima versione di Windows 11, e 40 nanosecondi con la versione "corretta".

A questo punto, le speranze risiedono in una ulteriore patch, più mirata nel risolvere i problemi di accesso alla cache L3 e prodotta direttamente da AMD, il cui rilascio tramite Windows Update è fissato per il prossimo 19 ottobre.

Due giorni dopo AMD rilascerà, sempre tramite Windows Update, un'altra patch che punta a risolvere i problemi legati non alla cache ma alla scelta del core, altro bug che affligge l'accoppiata Windows 11 + CPU AMD.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
Windows 11 rallenta i processori AMD fino al 15%
iPad mini, il jelly scrolling è del tutto normale
Microsoft svela i nuovi Surface già dotati di Windows 11
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Windows 10, calano le prestazioni dopo la patch per PrintNightmare
Windows 11 sarà più veloce di Windows 10
Windows 10, arriva l'Eco Mode per far tornare scattante il Pc
Hard disk a confronto con SSD nei data center
Hard disk da 18 TB a registrazione magnetica assistita da energia
iPhone 12 e pacemaker, meglio che stiano lontani
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone

Commenti all'articolo (4)

Perché M$ fa ancora beta testing? Cmq la storia della marchetta ci sta sempre... Leggi tutto
17-10-2021 10:54

Direi meglio: come quasi sempre accade con le patch di M$ da parecchi anni a questa parte... :roll: Leggi tutto
17-10-2021 10:52

Non oso pensare se al posto di un ryzen testano uno della serie A o altra poco potente..
16-10-2021 09:04

{utente anonimo}
ma tutti i mesi di beta testing non sono serviti a niente? non se ne era accorto nessuno? O è una marchetta di MS a intel con cui invece ha accuratamente programmato i nuovi processori alder lake?
15-10-2021 01:12

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i benefici maggiori che deriverebbero da una politica e una pubblica amministrazione più aperta e trasparente ai cittadini?
I giornalisti potrebbero informarsi più facilmente sulle attività di politici e amministratori e l'informazione al pubblico sarebbe più ampia e dettagliata.
Politici e amministratori renderebbero maggiormente conto ai cittadini del loro operato.
La qualità dei servizi in generale migliorerebbe.
L'opinione pubblica avrebbe più peso nelle decisioni amministrative e politiche.
In generale i nostri rappresentanti avrebbero elementi per prendere decisioni più appropriate.

Mostra i risultati (870 voti)
Dicembre 2021
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 8 dicembre


web metrics