I peggiori 20 tipi di password

Nomignoli, animali domestici, parolacce e altro ancora: tutti li usano, ma sono il modo più rapido per farsi hackerare.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-02-2022]

20 peggiori categorie di password

Scegliere una password è un esercizio di equilibrio tra le varie esigenze: è infatti necessario fare in modo che essa sia sicura (ossia non la si possa indovinare facilmente) e al tempo stesso facilmente memorizzabile, ma è anche bene che non sia troppo corta, caratteristica che faciliterebbe il lavoro dei metodi a forza bruta.

Sappiamo d'altra parte che spesso queste esigenze non vengono rispettate: è fin troppo tristemente noto il fatto che le password più adoperate sono estremamente banali e variano da qwerty a 123456, passando per l'evergreen password e il ripetitivo 1111111. D'altra parte ci sono anche altre scelte che, quando si sta per adottare una password, è bene non fare.

Dojo, azienda che si occupa della gestione di sistemi di pagamento tramite carta, ha di recente condotto un'analisi su dati forniti dal britannico National Cyber Security Centre e ha stilato una lista delle 20 categorie di password peggiori: sono quelle cui più spesso ricorrono gli utenti che devono inventare una password ma sono anche quelle che più facilmente vengono compromesse.

Dallo studio, che ha coinvolto l'esame di oltre 100.000 "esemplari", è emerso che il tipo di password peggiore è quello che si basa sui nomi degli animali domestici e sui nomignoli affettuosi: se abbiamo l'abitudine di rispondere a chi ci chiama TrottolinoAmoroso, magari usare quel vezzeggiativo per comporre la propria password di Facebook non è una buona idea, nemmeno trasformandola in TrottolinoAmoroso63!.

Al secondo posto della classifica delle scelte peggiori ci sono i nomi di persona, facili da ricordare ma altrettanto facili da indovinare; pare che nel Regno Unito, per esempio, vada particolarmente di moda adoperare Sam, che ha quindi la sua parte di responsabilità nelle violazioni.

Poi ci sono i nomi di animale generici, come gatto o cane, le emozioni, i cibi, i colori, le parolacce e via di seguito: l'intera lista è disponibile sul sito di Dojo, accompagnata dal numero di danni che la scelta di queste categorie di parole hanno fatto per quanto riguarda gli account violati.

È peraltro interessante notare come l'elenco comprenda anche, al penultimo posto, la categoria social media: verrebbe da dire che chiunque scelga Facebook come password per accedere a Facebook stia andando consapevolmente in cerca di guai e si meriti di ritrovarsi l'account violato.

Dipinta così, la situazione complessiva sembra senza uscita: non c'è davvero nulla che vada bene per formare una password? Non esattamente: si può per esempio affidarsi a un gestore di password, indipendente o integrato nel browser (come offrono per esempio Vivaldi o Chrome), capace di suggerire password sicure che non è importante riuscire a tenere a memoria. Basta infatti ricordarsi l'unica password che consente di accedere a tutte quelle salvate, e concentrarsi nel fare in modo che quella sia equilibrata.

Oppure si può seguire la sempre valida raccomandazione di Xkcd: una password lunga, anche se composta da parole facilmente indovinabili, mette in crisi anche il più avanzato dei computer moderni che non riuscirà mai a indovinarla in tempo utile.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Per il quinto anno di fila, 123456 è la password più usata al mondo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 26)

@zeross La prova precedente l'ho fatta con il correttore ortografico di Vivaldi, questa invece con Chrome ma il risultato Ŕ stato lo stesso, la frase se io vengo da Roma, me la accetta senza sottolineature o suggerimenti di sorta. Ho anche provato, nelle impostazioni di Controllo ortografico, ad impostare sia Controllo ortografico di... Leggi tutto
3-11-2022 18:40

Questo succede usando chrome come browser, il che potrebbe dipendere da cosa usa come sorgente di dizionario. lo stessodifetto lo riscontro con Android che mostra comportamenti anomali con parole sostituite a casaccio in maniera per˛ casuale senza una logica apparente.
3-11-2022 11:17

Ho provato con il correttore ortografico del browser e la frase se io vengo da Roma, me la accetta senza sottolineature o suggerimenti di sorta, stessa cosa mi capita con il correttore ortografico di LibreOffice mentre entrambi sono in grado di rilevare una parola palesemente errata. In effetti mi sembra strano ci˛ che ti capita... Leggi tutto
2-11-2022 18:30

Infatti Ŕ fondamentale mantenere il controllo della correzione tramite suggerimento e conferma della correzione da parte dell'utente altrimenti si rischiano strafalcioni che possono anche travisare il senso della frase. In questo modo la cosa diventa accettabile anche se i tempi si allungano. Leggi tutto
2-11-2022 18:23

Magari ha a che vedere col fatto che in italiano da e dÓ sono forme ugualmente valide ma semanticamente diverse. Provato che succede con fa e fÓ? O la e lÓ? Leggi tutto
1-11-2022 07:57

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
In Parlamento una proposta di legge vorrebbe obbligare i nuovi esercizi pubblici (ristoranti, negozi e via dicendo) a mettere a disposizione gratis degli utenti la possibilitÓ di navigare col Wi-Fi in Internet. Secondo te...
╚ una novitÓ giusta e moderna.
╚ un obbligo (costoso) in pi¨, da evitare.
Ottimo, ma si dovrebbero prevedere degli sconti fiscali per l'esercente.
La connessione sarÓ lenta, e poi con gli smartphone il Wi-Fi chi lo usa oggi?
Non mi interessa.
Non saprei.

Mostra i risultati (2685 voti)
Giugno 2023
Pirati del web in lutto: Rarbg chiude per sempre
Venti di tecnocontrollo in Spagna
Maggio 2023
Stack Overflow è la prima vittima della IA
WhatsApp, ora i messaggi si possono modificare dopo l'invio
HP e l'aggiornamento che rende inutilizzabili le stampanti
Windows 10 21H2, aggiornamento forzato in vista
Google Chrome dirà addio al lucchetto da settembre
WhatsApp accede di nascosto al microfono. Solo un bug di Android?
Western Digital agli utenti: gli hacker hanno i vostri dati
Il “Padrino della IA” lascia Google per avvertire il mondo dei pericoli
Aprile 2023
WhatsApp introduce il supporto a più smartphone
La UE metterà il naso negli algoritmi dei giganti del web
Con la vendita della Rete TIM avremo le tariffe più alte
Windows 11 in versione live
Western Digital violata, sottratti 10 Tbyte di dati
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 7 giugno


web metrics