Mai più secondi intercalari: i sistemi informatici ringraziano

L'Ufficio Internazionale dei Pesi e delle Misure ha deciso di abolire la pratica di allineare periodicamente il tempo UTC alla durata del giorno solare medio.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-11-2022]

bipm abolisce secondo intercalare

L'Ufficio Internazionale dei Pesi e delle Misure> (BIPM) ha deciso: non veraranno mai più adottati secondi intercalari per allineare il tempo universale (UTC) con la durata della rotazione terrestre.

Il motivo su cui si basa questa presa di posizione è lo stesso portato avanti da tempo da diversi soggetti, per lo più protagonisti del panorama informatico, ultima tra i quali anche Meta appena lo scorso anno: il fatto è che l'aggiunta di un secondo di tanto in tanto crea più problemi di quanti ne risolva, mettendo a rischio il buon funzionamento dei sistemi informatici e di telecomunicazione.

È dunque per lo meno dal 2013 che si parla di abolire la pratica, introdotta negli anni '70 di modificare il computo del tempo universale aggiungendo, quando necessario, un secondo extra per mantenere UTC allineato al giorno solare medio, ossia al tempo UT1, entro una differenza di 0,9 secondi.

La possibilità di interferenze con i sistemi informatici non è solo un'ipotesi: è già accaduto, nel 2012 (mandando in crash diversi server Linux in tutto il mondo), nel 2015 (quando i danni furono minori) e ancora nel 2016, quando Cloudflare si trovò a fronteggiare un'interruzione di servizio dovuta proprio al secondo intercalare.

A spingere il BIPM sulla strada dell'abolizione del secondo intercalare c'è poi un altro fatto: le oscillazioni della durata della rotazione terrestre avrebbe richiesto di correggere il tempo UTC, per la prima volta, non aggiungendo un secondo, ma togliendolo.

Si tratta di un'operazione che non è mai stata fatta e per affrontare la quale con ogni probabilità i vari sistemi sparsi per il mondo non sono attrezzati: si rischierebbero problemi, crash e paralisi dei servizi ben più gravi di quelli avvenuti sinora.

Così, cogliendo la palla al balzo, durante la ventisettesima Conferenza Generale il BIPM ha preso la drastica decisione, avviando allo stesso tempo i lavori per introdurre un «nuovo valore massimo per la differenza UT1-UTC che assicuri il continuo funzionamento di UTC per almeno un secolo».

Ciò avverrà senza fretta: una risoluzione in merito sarà sottoposta a votazione soltanto nel 2026, in occasione della ventottesima conferenza, e già s'è detto che ci sarà tempo fino al 2035 per indicare un nuovo valore massimo.

Nel frattempo, gli amministratori di sistema di tutto il mondo potranno dormire sonni tranquilli.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

Non capite, questione di versioning: hanno abolito il secondo intercalare in previsione di introdurre il terzo... :jump:
28-11-2022 18:38

Quando fu inserito il secondo intercalare (conosciuto anche come 61 secondo) da inserire ogni 18 mesi circa, e comunque ogni volta che si abbia una differenza superiore a 0.9 secondi tra il UTC e il UT1, una pratica che va avanti dal 30 giugno del 1972, quindi tutti i programmatori informatici sono a conoscenza di questa pratica da... Leggi tutto
28-11-2022 18:36

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quando cerchi un brano musicale, o un intero Cd, cosa fai pi spesso?
Scarico il brano o il Cd su iTunes: costa poco ed legale.
Scarico l'Mp3 con Torrent o eMule o altro servizio simile.
Ascolto la canzone in streaming (per esempio su Youtube), anche se non posso scaricare l'Mp3.
Vado nel mio negozio di dischi o maxistore preferito.
Altro.

Mostra i risultati (3599 voti)
Dicembre 2022
La settimana lavorativa di quattro giorni è un successo
L'app open source per vedere YouTube senza seccature
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 9 dicembre


web metrics