Da Intel i processori con gli optional a pagamento

La quarta generazione di CPU Xeon offrirà funzionalità aggiuntive da attivare separatamente tramite l'iniziativa Intel On Demand.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-11-2022]

intel on demand xeon

La prossima generazione di processori Intel Xeon Scalable, nota con il nome in codice Sapphire Rapids, sarà diversa da tutte quelle che l'hanno preceduta, e non soltanto perché includerà nuove funzionalità: sarà infatti anche la prima a offrire degli "optional sbloccabili", come certe BMW, da pagare a parte.

Al momento in cui scriviamo non c'è ancora un annuncio ufficiale ma il sito di Intel già ospita una pagina che descrive l'iniziativa Intel On Demand, che è poi il nome commerciale di ciò che internamente viene chiamato Software-Defined Silicon (SDSi).

In sostanza, ogni processore Xeon Scalable di quarta generazione disporrà di tutta una serie di funzionalità aggiuntive rispetto a quelle di base che saranno però inizialmente bloccate: per poterle utilizzare l'acquirente dovrà pagare a parte in base al numero e al tipo di funzioni che deciderà di adoperare.

L'elenco di tali funzionalità comprende Software Guard Extensions (per proteggere i dati conservate in registri crittografati), Quick Assist Technology (che velocizza la crittografia dei dati), Dynamic Load Balancer (un load balancer interno al processore progettato per le applicazioni di telecomunicazione), In-Memory Analytics Accelerator (per velocizzare la compressione e la decompressione dei dati), e Data Streaming Accelerator (per velocizzare le comunicazioni tra i core della CPU, la cache, la memoria e i dispositivi di memorizzazione). Le ultime tre sono funzioni finora inedite, che debuttano insieme ai processori Sapphire Rapids.

Due sono i modelli offerti da Intel On Demand.

Nel primo, l'utente attiva una volta per sempre la funzionalità di cui ha bisogno, seguendo un procedimento composto di sei passaggi distinti alla fine del quale la funzione in questione sarà disponibile fino alla fine della vita utile del processore.

Il secondo è invece un modello "a consumo": le funzionalità richieste di Intel On Demand vengono attivate in base alle esigenze dell'utente e per un tempo limitato; quando non sono più necessarie, vengono nuovamente disattivate. Il prezzo dovrebbe evidentemente essere inferiore rispetto a quello dell'attivazione perpetua, anche se ovviamente il costo finale dipenderà dalla frequenza di utilizzo delle funzioni "opzionali".

La gestione delle attivazioni avverrà tramite piattaforme come GreenLake di HP. Il supporto a Intel On Demand è già garantito da Lenovo, Supermicro, Inspur, H3C, phoenixNAP, Variscale e, naturalmente, anche dal Datacenter Solutions Group di Intel stessa.

In una precisazione inviata a The Register, Intel ha scritto: «Gli utenti non saranno obbligati a pagare per ottenere le funzionalità tramite Intel On Demand».

«Al contrario» - prosegue il gigante dei chip - «On Demand offre agli utenti la flessibilità di scegliere SKU premium, completi di tutte le funzionalità, o la possibilità di scegliere le caratteristiche che sono maggiormente importanti per la loro attività in qualunque momento del ciclo di vita del processore Xeon».

Intel afferma insomma che si tratta di un modo per venire incontro alle esigenze degli utenti, e si potrebbe anche crederle sulla parola se non fosse per il fatto che Pat Gelsinger, CEO dell'azienda, qualche tempo fa aveva dichiarato di voler aumentare il modo significativo le entrate derivanti da software e servizi, e Intel On Demand sembra proprio essere il mezzo adatto per raggiungere quell'obiettivo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
33 anni fa nasceva il microprocessore

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 23)

@al Bravo hai colto il senso. @Maary79 E' possibile che rimuovano tutte le soluzioni che non risultino convenienti alla azienda. Si è sempre fatto indipendentemente da questo sistema. Già ci sono vari Low-Energy che sono fatti con questo metodo senza dirlo agli utenti. Quando scegli tra differenti velocità, memorie cache, o numero di... Leggi tutto
1-12-2022 09:27

Ovviamente se al mondo esitesse solo Intel, questo discorso avrebbe un senso, ma dato che si tratta di un offerta non da limitazioni tecniche ( la litografia al laser ultravioletto su maschera 3D risulta più accurata al centro del disco e via via sempre più critica avvicinandosi alla parte esterna del disco, per cui una volta effettuato... Leggi tutto
28-11-2022 19:19

Improbabile: primo, perché così i costi di produzione inferiori potrebbero lievitare dovendo implementare componenti inutilmente più costosi; secondo, perché ad agire in forma tanto speculativa si aprirebbe il fianco alla concorrenza (AMD) che offrirebbe processori "tradizionali" più vantaggiosi; terzo, perché se tutti ce... Leggi tutto
28-11-2022 12:18

{Murdock}
Ok la riduzione dei costi e l'offerta "mirata" (come le cpu bloccate o sbloccate di alcuni anni or sono). Ma qui', a differenza del passato dove potevi trovare una cpu con moltiplicatore sbloccato, lo sblocco avviene da remoto in tempo reale (dopo aver pagato). Non sono certo che possa avvenire con un codice, ma... Leggi tutto
28-11-2022 09:57

Leggendoti ho pensato ad uno scenario ancora peggiore, tutte le cpu low cost (i vari Pentium e Celeron) tolti dal mercato per produrre solo questi a 'optional sbloccabili' ad un prezzo maggiore ma pur sempre inferiore a quel prodotto completamente sbloccato. Leggi tutto
27-11-2022 19:01

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai cambiato fornitore di banda larga (ADSL o fibra ottica) negli ultimi 5 anni?
Sì, una volta
Sì, più di una volta
No, ma lo farò nei prossimi 12 mesi
No, e non lo voglio fare

Mostra i risultati (1752 voti)
Dicembre 2022
La settimana lavorativa di quattro giorni è un successo
L'app open source per vedere YouTube senza seccature
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 9 dicembre


web metrics