Intelligenze Artificiali, fabbriche di informazioni false

Cassandra Crossing/ Per descrivere correttamente i pericoli delle false Intelligenze Artificiali servono descrizioni tecniche, ma semplificate il più possibile.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-04-2023]

cassandra ia

D'accordo, avrete ormai ben capito che Cassandra teme oggi le false Intelligenze Artificiali come, in un lontano passato, ha temuto i Greci e coloro che recano doni.

Purtroppo il dibattito che imperversa in ogni dove sulle false Intelligenze Artificiali, dai salotti televisivi alle pubblicazioni universitarie, impedisce la comprensione, e talvolta addirittura la percezione, del loro pericolo e della sua enormità. Tentiamo quindi di semplificare al massimo il discorso tecnico per farne emergere la sostanza, che è per fortuna molto semplice. Per favore, se siete arrivati fino qui, leggetemi fino in fondo.

Tanti, ma davvero tanti anni fa, per descrivere gli sforzi degli informatici di far progredire i computer di allora, fu coniato il fortunatissimo e oggi devastante termine di Intelligenza Artificiale. Un campo di ricerca che doveva migliorare la comprensione delle domande che gli umani ponevano ai computer, di permettere a questi ultimi di capire e rispondere in linguaggio naturale, e di generalizzare i problemi al fine di essere in grado di rispondere a qualsiasi domanda.á

Un tale obiettivo, molto remoto e probabilmente irraggiungibile, veniva identificato con il termine Intelligenza Artificiale Generale, per distinguerlo dai risultati, molto parziali e deludenti, che decenni di ricerca su questo tema avevano fornito.

Poi sono nate le reti neurali, e dopo molto tempo i supercomputer. Dall'unione di questi due progressi sono nate le tecnologie chiamate Deep Learning -  Apprendimento Profondo, altro termine fuorviante; ma lasciamo perdere per semplicità.

Queste tecnologie permettono, una volta che siano state fornite loro grandi moli di dati, di rilevare automaticamente certe caratteristiche e di estrarre alcune informazioni. Usando queste informazioni estratte sono in grado di produrre una risposta se vengono presentate ulteriori informazioni.á

Un esempio, molto abusato, è che, se all'Intelligenza Artificiale vengono fornite grandi quantità di foto di gattini e di altre cose, è in grado di calcolare la gattità o meno di una foto, e di dire se una nuova foto è di un gatto oppure no con un'alta probabilità di azzeccarci. Questo ha permesso di realizzare applicazioni che funzionano bene, ma solo se se usate in campi ristrettissimi, per esempio per classificare come tumorali o meno radiografie e immagini di RMN o TC.á

Successivamente sono state create applicazioni in campo grafico e linguistico, in grado di generare non semplicemente un si/no, ma una "risposta" grafica o testuale, a una domanda posta in linguaggio naturale.áSono sempre software che necessitano di grandi quantità di dati e di potenza di calcolo per essere "allenati", e vengono chiamati "modelli di linguaggio generativi".

Questi software deducono molto bene le regole grammaticali e sintattiche e altre caratteristiche dei vari linguaggi umani e perfino dei linguaggi per computer, e sono quindi in grado di "proseguire" una frase che venga loro fornita in ingresso, creando un discorso di grande verisimiglianza.áSe la frase iniziale è una domanda, forniscono una sequenza di parole, anzi un discorso molto ben formato, che ha spesso tutte le caratteristiche di una risposta credibile.

Ed è vero, ha tutte le caratteristiche di una risposta, tranne una, l'esattezza. La vogliamo chiamare "Verità"? La vogliamo chiamare "Conoscenza"?

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Sibille e Mentecatti Artificiali

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Se il robot sessuale diventa un terminator
Sostituzione dei volti in tempo reale sulla webcam
Le parole di Internet: morphing
In carcere arriva il secondino-robot
I robot-killer indistruttibili

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 53)

{j0e}
"Cogito Ergo Sum" (era l'intro del messaggio di ieri, ma è sparita :| )
31-5-2023 12:34

{j0e}
Quale espressione migliore per definire il nostro essere intelligenti? Un giorno, è bastata la mal i(n)spirazione, o meglio l'inalazione di sostanze strane, per elevare un semplice cellulare multifunzione, al rango di "smartphone". Dove abbia sostanza, la parte "smart", non mi è dato a capire. ... Leggi tutto
30-5-2023 21:47

{j0e}
Ho letto tutti i commenti fin qui e mi esprimo complessivamente come segue: 1) l'utilizzo della parola "Intelligenza", nella sigla "IA", è evidentemente pretenzioso, una mossa da venditori di fumo, giacché il suo significato include delle proprietà di cui questi algoritmi sono privi; alcuni... Leggi tutto
30-5-2023 19:26

Non Ŕ affatto un assurdo, ma la logica evoluzione della creazione delle fake news, sempre pi¨ comprensibili, chiare, esaustive, e finalmente anche ben confezionate. Insomma esattamente ci˛ che pretende il pubblico, che per problemi complessi (pandemia) ha sempre amato scoprire soluzioni semplici (fate i gargarismi con la candeggina).... Leggi tutto
11-5-2023 12:39

Ricorda che il gioco degli scacchi Ŕ basato su delle regole che potremmo definire meccaniche, i pezzi ed il terreno di gioco sono sempre gli stessi; le strategie non possono essere infinite ed un calcolatore ha dalla sua parte la velocitÓ di elaborazione per analizzare i possibili risultati di una mossa. L'intelligenza non Ŕ del... Leggi tutto
8-5-2023 10:23

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Se il telefonino Ŕ generalmente personale, spesso il tablet Ŕ condiviso in casa. E' cosý?
Ho un tablet e lo uso solo io.
Ho un tablet e lo condivido con i miei familiari.
Non ho un tablet ma utilizzo quello di un mio familiare.
Non ho un tablet.

Mostra i risultati (1963 voti)
Giugno 2023
Pirati del web in lutto: Rarbg chiude per sempre
Venti di tecnocontrollo in Spagna
Maggio 2023
Stack Overflow è la prima vittima della IA
WhatsApp, ora i messaggi si possono modificare dopo l'invio
HP e l'aggiornamento che rende inutilizzabili le stampanti
Windows 10 21H2, aggiornamento forzato in vista
Google Chrome dirà addio al lucchetto da settembre
WhatsApp accede di nascosto al microfono. Solo un bug di Android?
Western Digital agli utenti: gli hacker hanno i vostri dati
Il “Padrino della IA” lascia Google per avvertire il mondo dei pericoli
Aprile 2023
WhatsApp introduce il supporto a più smartphone
La UE metterà il naso negli algoritmi dei giganti del web
Con la vendita della Rete TIM avremo le tariffe più alte
Windows 11 in versione live
Western Digital violata, sottratti 10 Tbyte di dati
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 5 giugno


web metrics