Le scuole americane accusano: i Chromebook non sono fatti per durare

A ricambi introvabili e costosi si aggiunge una data di morte arbitraria che li rende troppo presto inutilizzabili.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-04-2023]

chromebook scuola obsolescenza

All'apice della pandemia da Covid-19, con le scuole chiuse e gli studenti messi nella necessità di dover acquistare PC o tablet per seguire le lezioni a distanza, i Chromebook di Google hanno ottenuto una notevole popolarità.

Economici, leggeri e già dotati dei software spesso adoperati dalle scuole per la didattica in remoto (ossia gli strumenti messi a disposizione proprio da Google), sono diventati una soluzione popolare sia per i singoli studenti che per le scuole stesse, che spesso ne hanno acquistati diversi per poterli fornire agli alunni.

Ora, a circa tre anni di distanza da quel momento, stanno iniziando a emergere le prime magagagne, che si possono riassumere in un'unica considerazione: i Chromebook non sono fatti per durare.

A farlo notare è innanzitutto lo US Public Interest Research Group (PIRG) che ha di recente pubblicato un rapporto in cui evidenzia tutti i punti deboli che rendono i Chromebook poco adatti come soluzioni di lungo periodo.

Il PIRG sostiene che, poiché il grosso delle funzionalità dei Chromebook viene dal web, non sarebbe dovuto essere complicato crearli in maniera modulare e facilmente riparabile; sebbene ciò sia effettivamente possibile, però, l'esperienza mostra che riparare un Chromebook (eventualità tutt'altro che rara, soprattutto per un portatile finito nelle mani di uno studente) è un po' un incubo.

Il primo problema è la difficoltà di trovare certe parti di ricambio, in perché modelli virtualmente identici a volte differiscono per piccolissimi particolari che rendono impossibile adoperare il componente del modello "A" con il modello "B". Per esempio i Samsung Chromebook 11 XE500C12 e XE500C13 sono praticamente uguali ma il foro per la webcam posto nella cornice in una versione è tondo e nell'altra quadrato: pertanto, le due cornici non sono intercambiabili.

Analogamente, il Dell 11 3100 e il Dell 11 3110, ancora praticamente identici, mostrano minuscole differenze che consistono nella presenza di piccole indentature nella parte bassa della cornice del modello più recente, e nella mancanza di alcune clip sul retro; come risultato, anche qui le cornici non sono intercambiabili.

Il risultato è che non è possibile "cannibalizzare" un Chromebook e riutilizzarne le parti per tenerne in vita un altro, una pratica che nei reparti IT delle scuole non è certo rara; l'unica soluzione è comprare ricambi nuovi che, ammesso che si possano trovare, possono costare anche quasi la metà di quanto speso per l'intero computer (è il caso delle tastiere).

Poiché i ricambi non si trovano facilmente e, anche quando si trovano, sono costosi, alle scuole generalmente non resta che sostituire l'intero computer quando un componente solo, ma critico (come per l'appunto le tastiere) non è più funzionante.

Scegliere di puntare ancora sui Chromebook, però, potrebbe non essere una buona idea perché, al di là dei problemi hardware, le scuole si stanno rendendo conto dell'arbitrarietà delle date AUE (Auto Update Expiration), ossia il giorno a partire dal quale non sono più disponibili aggiornamenti per quel dato modello.

Sebbene Google abbia deciso di allungare la vita utile dei Chromebook, portandola da cinque anni a otto, le scuole in particolare vedono l'imposizione di una data di scadenza come una scelta del tutto arbitraria, non giustificata da motivi tecnici reali, e che le espone al rischio di un ciclo continuo di esborsi per mantenere aggiornato il parco macchine sulle quali non hanno un vero controllo.

«L'hardware non è cambiato poi così tanto negli ultimi sette anni» - ha dichiarato il responsabile di un reparto IT scolastico al PIRG - «e le date AUE sono arbitrarie». Le scuole che comprano Chromebook meno recenti pensando di risparmiare, poi, sono particolarmente nei guai, perché rapidamente si ritrovano tra le mani un prodotto non più aggiornabile.

Google, dal canto proprio, sostiene che «i vecchi dispositivi Chrome non possono ricevere aggiornamenti per sempre, al fine di poter usare i nuovi OS e le nuove funzioni del browser», e perciò è necessario indicare delle date oltre le quali, semplicemente, il dispositivo va sostituito.

Sembra proprio una difesa del concetto di obsolescenza programmata che tanto caro è per quelle realtà tecnologiche (e non solo) che già sfruttano il marketing per convincere gli utenti a passare al modello più recente del proprio prodotto anche se quello "vecchio", che magari ha appena un anno di vita, ancora funziona egregiamente.

Ciò che il PIRG chiede a Google, ma anche a tutti i produttori di Chromebook, è di creare laptop che si possano riparare facilmente, e che non costringano a sostituire intere porzioni del dispositivo quando si guasta un componente; e poi, allungarne il più possibile la vita utile, senza decessi forzati.

Il PIRG riconosce che non è Google soltanto a doversi accollare questa responsabilità, che riguarda anche i produttori di hardware e coinvolge in realtà anche i portatili "tradizionali" (riparare un MacBook, un modello di portatile che in media può essere aggiornato per soli sette anni, sta diventando sempre più complicato), ma Google è in una posizione che la mette particolarmente visibile, poiché s'è sostanzialmente imposta la missione di «fornire i portatili a centinaia di milioni di studenti in tutta la nazione» - come spiega Lucas Rockett Gutterman, del PIRG - e così facendo «s'è assunta la responsabilità di farlo bene, e di fare portatili che durino»

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Microsoft, la polarità delle batterie non è più un problema
VIA e l'ecologismo dei produttori di hardware

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

E anche alla riparabilità del dispositivo con bassi costi. Il concetto di queste macchine è che ti vendo un dispositivo a basso costo con l'obiettivo che, quando si rompe o quando lo decide il fabbricante, tu lo sostituisci con uno nuovo sempre a basso costo. Per un privato è una scocciatura ma forse non ci rimette nemmeno troppo ad... Leggi tutto
1-5-2023 15:20

In realtà qui si commette il grave errore di dimenticare il contesto in cui tre anni fa si adotto massicciamente i chromebook, ovvero la pandemia, per cui ad una urgenza immediata di avere un numero molto elevato ( diciamo milioni e milioni di pezzi) in poche settimane, Google rispose con una offerta generosa (cioè prodotti giacenti... Leggi tutto
27-4-2023 22:34

Molte iniziative partono se c'è qualcuno che le fa partire, le alternative a MS, Mac e Chromebook sono sconosciute al personale scolastico. In un PC rigenerato è più facile trovarci un sistema Windows, anche fuori supporto. Leggi tutto
26-4-2023 22:02

{utente anonimo}
Ma proprio non è possibile realizzare versioni portatili del raspberry Pi 400 che non costino molto più di un chromebook?
26-4-2023 17:07

{penzo}
@calamarim: sono d'accordo con te. Avendo lavorato un po' nel settore posso dire che il problema spesso riguarda la preparazione tecnica di chi gestisce le risorse, e quindi l'influenzabilità degli stessi da parte del personale commerciale delle aziende, le pressioni delle aziende informatiche a livello politico e... Leggi tutto
26-4-2023 12:17

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te, quale delle nuove console conquisterà gli utenti surclassando le altre?
Nintendo Wii U
Microsoft Xbox One
Sony PlayStation 4
Un'altra console (specificare nei commenti)
Nessuna: il tempo delle console è finito

Mostra i risultati (935 voti)
Aprile 2024
L'algoritmo di ricarica che raddoppia la vita utile delle batterie
Hype e Banca Sella, disservizi a profusione
Falla nei NAS D-Link, ma la patch non arriverà mai
La navigazione in incognito non è in incognito
Le tre stimmate della posta elettronica
Amazon abbandona i negozi coi cassieri a distanza
Marzo 2024
Buone azioni e serrature ridicole
Il piano Merlyn, ovvero la liquidazione di Tim
Falla nelle serrature elettroniche, milioni di stanze d'hotel a rischio
L'antenato di ChatGPT in un foglio Excel
La valle inquietante
La crisi di Tim e la divisione sindacale
La fine del mondo, virtuale
WhatsApp e Messenger aprono agli altri servizi di chat
Permainformatica
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 20 aprile


web metrics