Apple, restrizioni e tariffe speciali per le app esterne all'App Store

Apple si piega all'Unione Europea e concede il sideloading su iPhone e iPad, ma alle sue condizioni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-01-2024]

apple sideloading dma ue restrizioni commissioni

Con l'entrata in vigore del Digital Markets Act il prossimo 7 marzo gli utenti europei dei prodotti Apple potranno per la prima volta installare sui propri iDevice anche applicazioni provenienti da piattaforme alternative all'App Store (sideloading), come richiesto dalla direttiva europea.

Sin dal lancio del primo iPhone, Apple ha consentito l'installazione di applicazioni sugli iPhone, gli iPad e gli iPod unicamente tramite l'App Store; dal prossimo marzo, gli utenti dovranno poter installare anche applicazioni provenienti dall'esterno dello store di Apple.

L'azienda della Mela ha sempre giustificato questa limitazione affermando che essa serve a garantire la qualità delle app e la sicurezza dei dispositivi: poiché ogni app deve essere preventivamente approvata da Apple stessa prima di entrare nell'App Store, le possibilità che software pericolosi approdino sui dispositivi degli utenti dovrebbe essere davvero minima.

La UE ritiene però che Apple, così facendo, intenda limitare la concorrenza, e perciò con il DMA le ha imposto di garantire la possibilità di installare app "straniere".

Pur protestando, Apple si adeguerà; lo farà però approfittando dei margini di manovra che le sono consentiti per rendere l'esperienza quanto più sgradevole possibile.

Stando a quanto riporta il Wall Street Journal, infatti, «l'azienda si riserverà la capacità di esaminare ogni app scaricata dall'esterno dell'App Store. Apple progetta inoltre di raccogliere commissioni dagli sviluppatori che offrano la possibilità di scaricare le app dall'esterno dell'App Store».

Insomma, sebbene la possibilità di installare software che non hanno ottenuto il benestare per entrare nell'App Store sia nominalmente garantita, Apple manterrà comunque un controllo sulle app permesse; gli sviluppatori inoltre dovranno sborsare una certa somma di denaro se vorranno evitare l'App Store: ciò chiaramente ha l'intento di scoraggiare la fuga dall'App Store stesso.

Quanto riportato dal Wall Street Journal è frutto di indiscrezioni ma è anche credibile. È facile immaginare che, nei primi tempi, Apple intenda testare la risoluzione della UE nel garantire il rispetto della sua direttiva, e queste vociferate limitazioni potrebbero andare proprio in questo senso.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
UE, dopo il brevetto sui broccoli arriva quello sui peperoni
Ue, accuse a Motorola per abuso di posizione dominante
UE, nuova maximulta a Microsoft
UE, multa miliardaria al cartello dei tubi catodici
Microsoft, l'UE approva l'acquisizione di Skype
UE: "Microsoft viola la concorrenza"
Motorola e Rim in guerra per i brevetti

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

Per effettuare le analisi potrebbe essere sufficiente che il SO installato invii a Cupertino una serie di dati ed informazioni predefiniti da chi il SO lo ha progettato quando rileva l'installazione di un app non presente nell'App store, non dovrebbe essere difficile da fare senza neppure dover accedere al dispositivo, del resto M$ già... Leggi tutto
30-1-2024 18:28

Il software che gira sul dispositivo ha ovviamente accesso al dispositivo, ma non è automatico che Tim Cook, possa vedere da Cupertino cosa faccia la signora Maria con il suo iPhone! :evil: Quindi se da Cupertino vedono cosa faccia ed installa la signora Maria sul suo iPhone, esso è un accesso illegale! :wink:
30-1-2024 16:29

Un dispositivo funziona attraverso l'OS e qualsiasi OS (anche il piu' libero) ha un totale accesso al dispositivo e al software. Altrimenti non potrebbe funzionare niente. E non hanno bisogno "di accedere", in quanto sono gia' dentro. . Leggi tutto
28-1-2024 10:02

Quale? Della Apple o della Loren?
27-1-2024 09:50

Fino al momento che qualcuno non si stufa e comincia ad usare maniere spiccie per risolvere il problema...... Leggi tutto
26-1-2024 18:57

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te è giusto che sia obbligatoria l'assicurazione per i conducenti di monopattini elettrici?
Sì, serve l'assicurazione obbligatoria perché i monopattini elettrici sono equiparabili per pericolosità agli scooter.
Sì, serve l'assicurazione obbligatoria sia per i monopattini elettrici, sia per le biciclette elettriche, perché entrambi i tipi di mezzo sono equiparabili agli scooter.
No, non serve l'assicurazione obbligatoria perché i monopattini elettrici sono equiparabili alle biciclette elettriche.

Mostra i risultati (978 voti)
Giugno 2024
Il viaggio verso Marte rischia di devastare i reni degli astronauti
2030, Mastercard elimina il numero della carta di credito.
HP, un BIOS difettoso rende inutilizzabili i ProBook
Adobe, utenti in rivolta contro i nuovi Termini d'Uso
Napster compie 25 anni
Tre libri
Maggio 2024
Chatbot, fallimenti a ripetizione
Imparare l'hacking
Il passaporto elettronico si farà alle Poste, anche nei comuni più grandi
Google infila la IA dappertutto
Il reddito universale di base secondo OpenAI
Windows 11 24H2 cripta tutti i drive all'insaputa dell'utente
L'app per snellire Windows 11 rimuove anche la pubblicità
Netflix, utenti obbligati a passare agli abbonamenti più costosi
Aprile 2024
La fine del mondo, di silicio
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 19 giugno


web metrics