Virtual/Mente - Memorie di un Avatar fatto in casa (4)

Risveglio. Sono passate dieci ore dal mio ultimo autoriconoscimento biometrico: quell'Avatar biologico dove la mia Coscienza è ospitata fa partire un veloce scandisk del sistema nervoso.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-07-2011]

ragazza virtuale

Articolo multipagina, leggi la prima parte

Sono brandelli di sogno e non trailers della prossima prima TV. Me ne rendo conto riprendendo coscienza prima di aver ripreso controllo del corpo ovvero quell'Avatar biologico, dove la mia Coscienza è ospitata e che fu assemblato da mia madre e da mio padre con una primitiva tecnica di modellazione per via sessuale.

La prima sensazione è dolore generico. Poi si sistema in categorie definite e diventa torcicollo, crampi ai polpacci, mal di testa. Cosa ho fatto prima dello stand by della mia macchina biologica che può giustificare questo? Trovo una "ragione ragionevole" solo per il mal di testa.

Poi trovo giustificazione al mio risveglio nel bisogno di far pipì. Incredibile come il condizionamento culturale a non pisciarsi addosso possa imporre comportamento al mio BIOS. Un veloce scandisk del sistema nervoso riorganizza un minimo di risorse atte a portarmi verso il cesso.

Passo davanti lo specchio che da sempre è il crudele monitor del mio decadimento e mi chiedo se per caso non ci sia qualcosa di sbagliato nelle sue regolazioni. Mi mostra una faccia molto più vecchia di quella che avevo visto nella sessione precedente!

Eppure sono passate solo.... uuuuhmmm vediamo, lancio l'occhio verso un orologio a muro... e calcolo che sono passate dieci ore dal mio ultimo autoriconoscimento biometrico. Non può essere che in solo dieci ore l'aspetto del mio corpo biologico abbia riportato tanti cambiamenti di segno negativo! Deve trattarsi di un errore percettivo oppure lo specchio è tarato malamente... forse un problema di driver; d'altra parte anch'io mi sento in modalità provvisoria.

Cerco i tasti per le impostazioni lungo i bordi del vetro dal fondo metallizzato senza trovarne. Stupida, primitiva tecnologia! Me ne frego e piscio. La vescica alleggerita libera ulteriori risorse disponibili per predisporre la preparazione di un confortante, profumato, eccitante caffè. Attentendo che il sublime infuso inizi a salire, accendo la prima sigaretta con l'altruistica convinzione che fumando contribuisco attivamente al bilancio sprecone e clientelare della mia nazione.

La casa è silenziosa, mia moglie è andata al suo bisettimanale appuntamento di lavoro precario sottopagato mentre io potrò godermi il tempo libero lasciatomi dal mio precario, sottopagato lavoro seguendo le mie idee che (diciamolo) oggi come oggi è un lusso che non possono permettersi nemmeno i Papi e i Re.

E ammetto a me stesso che non mi sento niente bene. Tossisco catarrosamente senza rinunciare a boccate di sigaretta fra un colpo di tosse e l'altro. E questo mi fa sentire ragionevolmente umano. Zucchero il caffè in modo sconsigliabile da ogni norma di buonsenso e mi avvio, tazzina in mano, verso la postazione di lavoro.

I cinquanta decibel di rumorosità relativa del mio trappolone digitale equipaggiato con Pentium IV Northwood, se non il miglior processore che l'ingegno Umano abbia mai concepito almeno il miglior trattore, mi ricordano che prima del mio crollo psicofisico non avevo fatto lo shutdown... porca miseria! Milioni di cicli di clock sprecati! Ho dormito con il PC acceso. Ho buttato Vita e Tempo macchina in uno stupido stato idle.

La barra delle applicazioni riporta il mio sistema nervoso allo stato "pre hybernate". Bevo una lunga sorsata di caffè e accendo una seconda sigaretta; sono quasi in full operative mode. Eppure sento un senso di disagio sottile non riconducibile a un immediato "causa-effetto".

Inizio ad agire riportando in primo piano le finestre e verifico la condizione di Osim attiva, client attivo, wan disponibile. Anche gli applicativi di sicurezza sono operativi e non segnalano anomalie. Una veloce occhiata ai processi attivi sembra dare una condizione di normalità.

Scorro la shell della Osim e vedo una coda di log che segnala attività che non ricordo di aver condotto. Per un attimo provo un apparentemente immotivato capogiro... poi realizzo di aver spento la seconda sigaretta e di averne accesa una terza ed arbitrariamente creo l'associazione fra le due cose.

Vado in bagno portandomi il cellulare su cui ho installato Poker 5 a cui adoro giocare durante le sedute di emissione scorie. Ritorno e la shell Osim che stava in stato di focus scorre velocemente mostrando variazioni al contenuto del DB. Curioso! Eppure non c'erano requests in attesa.

Sospetto un'intrusione (estremamente poco probabile) nella mia Sim e lancio la lettura del log del Band Width Monitor. Non c'è traccia di traffico esterno nelle ultime 14 ore, corrispondente a quanto ricordo di aver fatto. Focalizzo l'attenzione sul client Hippo Osim e perlustro i menù con il tacito assenso del mio Avatar.

Mi prende un colpo! Sangue gelido e stomaco stretto. Mi sale un moderato e inespresso conato di vomito. Spinto non so da quale ragionamento induttivo prima che deduttivo corro ad aprire la mappa della Sim e vedo che da una che era adesso sono nove. Freneticamente mi teletrasporto da una all'altra per scoprire che sono tutte realizzate con la stessa magica maestria che so di non avere!

Torno all'home del mio Avatar per scoprire, sempre più sorpreso, che la rozza costruzione che avevamo tirato su con l'altro me digitale è adesso una meravigliosa costruzione che difficilmente un buon architetto avrebbe potuto realizzare in Autocad.

Mi sento male! Chiudo tutto! Arresto il sistema e corro al bagno per vomitare. Nella corsa liberatoria verso la tazza mi cade l'occhio sullo specchio... sono passati circa sessanta minuti dall'ultima autovalutazione e sembro ancora più vecchio...

Ma quando stai affacciato sul water cercando di buttar fuori sostanze tossiche, tossine naturali e possibilmente quell'impalpabile ma disturbante sostanza detta anima, pure l'idea di essere invecchiato di cinque anni in un'ora diventa trascurabile.

Razionalizzo. Sono i postumi della sbornia, tutto questo non sta succedendo veramente. Adesso torno alla mia postazione e ne avrò la prova provata! Varco la porta dello studio e i cinquanta decibel di ronzio mi agghiacciano il sangue. Di nuovo è tutto acceso.

Indice
1 - Prima parte
2 - Seconda parte
3 - Terza parte
4 - Quarta parte
5 - Quinta parte e strepitoso finale

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Veleno Romano

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 17)

Simpatica ed "alienante" sta storia... vediamo come va a finire.... :wink:
25-7-2011 10:09

ps: fra l'attesa attesa del "botto finale" e la lettura linkata ho cambiato avatar :lol: (tanto per star "in tema travagli")
20-7-2011 16:47

:lol: grazie per averla linkata. non passo spesso da quelle parti ma ho iniziato a leggerla ed è alquanto interessante. Leggi tutto
20-7-2011 15:06

Salve sono l'autore del testo presentato. Anche se sono contentissimo del fatto che se ne sia fatto un thread a se stante devo segnalare che: 1- Effettivamente letto così può spiazzare il lettore; infatti era nato in un preciso contesto. 2- Manca la V puntata con il "gran finale" e la mia nota a concludere. Ma risolviamo... Leggi tutto
19-7-2011 02:03

è abbastanza vero e forse ancor più circoscritto. anche se alcuni si fanno delle idee incrollabili proprio dall'avatar, in base ai loro singoli pregiudizi. Leggi tutto
16-7-2011 14:43

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il tuo approccio nei confronti del navigatore satellitare?
Mi affido al navigatore solo in caso di necessità.
Sono diffidente e non mi baso totalmente sulle indicazioni del dispositivo.
Non mi metto al volante prima di aver acceso il magico schermo.
Non ne ho mai avuto uno.
Preferisco fermarmi a chiedere informazioni ai passanti.
Non mi interessano le indicazioni: in fondo a volte è bello anche basarmi sul mio istinto e nel caso sbagliare strada.

Mostra i risultati (3347 voti)
Ottobre 2019
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Tutti gli Arretrati


web metrics