L'equo compenso? Lo devono pagare tutti

Il TAR del Lazio respinge i ricorsi contro il decreto Bondi: anche le aziende devono pagare la tassa sui supporti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-03-2012]

tar equo compenso tutti

L'equo compenso deve essere pagato da tutti, senza eccezioni: il TAR del Lazio ha respinto tutti i ricorsi presentati contro il decreto Bondi che nel 2010 estese l'equo compenso.

L'equo compenso è quella maggiorazione (del 5%) che grava sul prezzo di tutti i dispositivi dotati di memoria, ossia che consentono in teoria di poter realizzare una copia privata di un'opera d'ingegno.

Nonostante la Corte di Giustizia Europea avesse già a suo tempo espresso le proprie perplessità, il TAR ha deciso che è giusto applicare l'equo compenso sui supporti ottici (DVD, CD e via di seguito) ma anche sulle chiavette USB, sui dischi rigidi, sui cellulari e su tutto ciò che integra una memoria.

La parte forse più interessante della sentenza del TAR è tuttavia quella che esplicita come, contrariamente a quanto dichiarato dalla SIAE nel 2010, l'equo compenso sia davvero una tassa e, in quanto tale, vada pagata da tutti, non soltanto da chi effettua copie private.

Resta tuttavia un particolare non indifferente ancora da chiarire: perché anche le aziende e i professionisti - che utilizzano le memorie non certo per copiare le opere ma per lavoro - devono soggiacere a questo balzello?

Sondaggio
I provider che filtrano il peer to peer
consentono a tutti gli utenti di usufruire della banda larga
ledono i diritti degli utenti che hanno acquistato un abbonamento a banda piena

Mostra i risultati (6065 voti)
Leggi i commenti (10)

A quanto pare, per ora sì, eppure i giudici del TAR scrivono che «La disciplina contenuta nel decreto impugnato, infatti, in linea con le disposizioni del diritto comunitario e nazionale, non impone alcuna prestazione patrimoniale con riguardo all'uso professionale del prodotto ma, al contrario, stabilisce espressamente la necessità di prevedere esenzioni con riguardo all'uso professionale dell'apparecchio».

Il punto meno piacevole di questa precisazione è però quello che indica nella SIAE l'ente che deve attivarsi per determinare le esenzioni; ed è su questo, almeno, che ci si augura una profonda revisione della normativa.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
SIAE, una picconata al monopolio
La tassa sull'equo compenso e il governo Renzi
Equo compenso, aumenta costo di Pc, smartphone e tablet
SIAE, l'equo compenso aumenta del 500%
Niente Siae per i giovani musicisti

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

@Zievatron: sono d'accordo però la tassa la facciamo pagare ai ghigliottinandi stessi e alle loro famiglie... :lol:
10-3-2012 15:40

Sono sempre più convinto che l'unica cura possibile sia la ghigliottina. :twisted: Però, occorrerà anche istituire la tassa sull'impiego di lama pubblica per i ghigliottinandi. :lol:
6-3-2012 10:42

{Federico}
Non ho tempo e soldi a sufficienza ma mi piacerebbe installare un intero armadio di dischi fissi per fare P2P. E quando arriva la Finanza dire che è tutto in regola. La tassa l'ho già pagata alla fonte alla SIAE...e poi andiamo davanti a un Giudice...
6-3-2012 10:20

Brava siae ingrassa, ingrassa come se non avessi fatto abbastanza danni.
5-3-2012 23:28

e te pareva... :incupito: Leggi tutto
5-3-2012 22:45

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Ogni quanto tempo il tuo Pc è affetto da malware?
Una o due volte l'anno.
Tre o più volte l'anno.
E' successo una volta e mai più.
Mai.

Mostra i risultati (2588 voti)
Novembre 2020
Flash muore ma i giochini sopravviveranno nell'Internet Archive
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
Tutti gli Arretrati


web metrics