Tim Berners-Lee: privacy necessaria per democrazia digitale

Il web può realizzare una democrazia ''universalmente partecipata'' se i governi rinunciano a controllare e spiare i cittadini.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-03-2013]

tim berners lee

È stato Tim Berners-Lee, "padre" del World Wide Web, l'ospite d'onore degli ICT Days 2013 che si sono tenuti a Trento dal 20 al 23 marzo, a cui anche Zeus News ha partecipato.

Nella giornata di venerdì, sir Timothy ha avuto modo di affrontare diversi temi, tutti centrati intorno all'evoluzione della sua invenzione e all'influenza presente e futura sulla società, soffermandosi su quali siano le attenzioni da avere perché il cambiamento sia in positivo e a vantaggio di tutti.

«Il web» - ha spiegato a Zeus News sir Berners-Lee - «è per sua natura collaborativo, e tale collaborazione in un futuro prossimo sarà in grado di modificare la democrazia, rendendola maggiormente partecipativa»; tutte le interazioni con i governi saranno online e le elezioni stesse si potranno tenere via Internet (con un gran risparmio sui costi di organizzazione): «in futuro arriveremo alle elezioni online se i governi non vengono tentati dall'usare Internet per controllare o spiare i cittadini».

In quest'ottica, sarà necessario creare degli uffici preposti ad aiutare coloro che non si trovano a proprio agio con i PC ma dovranno comunque interagire col resto della comunità.

Quest'ultimo appunto è un indizio di come la preoccupazione principale di Tim Berners-Lee sia assicurarsi che il web resti al servizio di tutti, evitando i soprusi che possono nascere, in un'era in cui pressoché ogni informazioni finisce online, dal possedere i dati altrui.

È dunque certamente necessario potenziare la trasparenza con le iniziative che vanno sotto il nome di open government e open data - ossia mettere online i dati di cui sono in possesso le amministrazioni - ma anche, spiega il padre del web, arrivare a un open personal data in cui ognuno può accedere ai propri dati disponibili in Rete.

Grazie all'evoluzione tecnologica gli oggetti saranno infatti sempre più connessi e in grado di raccogliere dati: Tim Berners-Lee stesso, durante l'incontro, portava un braccialetto conta-calorie che raccoglieva dati sul suo stato fisico. È facile prevedere che in futuro tutti gli oggetti collezioneranno dati, e tali dati potranno fare gola ad alcuni; anzi, già adesso, in realtà, tutta una serie di nostri dati personali sono già online: si tratta di capire come vengono e come verranno gestiti.

S'innesta qui il vasto tema della privacy, che Berners-Lee affronta con un esempio. Prendiamo il numero di scarpe: può essere molto comodo che sia a disposizione e accessibile via Internet in un mondo in cui tutto è connesso, cosicché andando a comprare un nuovo paio di calzature non sia nemmeno necessario indicare quale sia.

Sondaggio
Secondo te Internet...
E' stata la più importante innovazione tecnologica degli ultimi anni.
Ha reso le relazioni umane troppo impersonali.
Ha reso più facile la vita di tutti i giorni.
E' stata un toccasana per l'economia mondiale.
E' riuscita a facilitare le relazioni umane.
Ha contribuito a confondere le identità dei popoli.

Mostra i risultati (2830 voti)
Leggi i commenti (12)

D'altra parte, prosegue Tim: «Il numero di scarpe è importante per chi ci vuole vendere delle scarpe; bisogna quindi riflettere su come questi dati, una volta raccolti, sono gestiti: restano nelle mani degli utenti o vengono inviati ad agenzie che poi propongono oggetti o servizi da acquistare? È importate che sia il titolare dei dati stessi a decidere come questi siano utilizzati».

«L'accento va posto sull'uso appropriato dei dati. I dati che un'altra entità raccoglie mi aiutano a organizzarmi oppure vengono usati per controllarmi? Entra in gioco il concetto del benefit, fermo restando che esistono comunque dati che non devono essere usati».

Il web risulta quindi estremamente prezioso, ma su di esso incombe una minaccia, che «può venire dal controllo politico ed economico che se ne fa. L'indipendenza della stampa, della circolazione delle informazioni, è ciò che più garantisce la democrazia».

La direzione in cui si va è la trasformazione del web in una piattaforma partecipativa o, meglio ancora, «universalmente partecipata»: «Abbiamo visto che cosa è successo in Egitto quando la gente è stata disconnessa. Il web può essere al contrario utilizzato per rendere ancora più libero il mercato e ancora più partecipativa la democrazia».

Grazie all'estensione della fibra ottica e al calo dei prezzi degli schermi, si apriranno nuove esperienze di "telepresenza": «I pixel diventeranno sempre meno costosi e ci saranno più pixel» ha affermato sir Timothy, prevedendo «schermi più grandi che permetteranno di partecipare a chatroom e videoconferenze in maniera molto più affidabile rispetto a qualche anno fa, dando l'impressione di essere davvero presenti sul posto e facendo anche risparmiare sul carburante che oggi viene consumato per gli spostamenti».

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Il mondo deve essere ''open''

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 11)

{dbp}
Non sono d'accordo con mda e il suo commento per Zievatron: "Anche perchè con i linguaggi ad Oggetti (nei prodotti hardware è la standardizzazione) oramai non esiste più l'inventiva di come fare una cosa ma solo l'inventiva del prodotto, l'idea di un nuovo prodotto! " Quell'anche presuppone che prima volevi dire un'altra cosa... Leggi tutto
16-5-2013 01:12

{dbp}
scusate, ma non saranno 4 anni e mezzo che vi dico che bisogna usare il Software Libero e sistemi operativi 100 per cento Software Libero, per essere realmente liberi ? Non ve l'ho già detto decine di volte ? Credo dunque che non sia sto detto nulla di nuovo, Tim Berners-Lee ha parlato di programmazione Javascript, ebbene, si sappia che... Leggi tutto
16-5-2013 00:55

@Zievatron Anche perchè con i linguaggi ad Oggetti (nei prodotti hardware è la standardizzazione) oramai non esiste più l'inventiva di come fare una cosa ma solo l'inventiva del prodotto, l'idea di un nuovo prodotto! Dunque il Close è diventato inutile in se stesso... Salvo NASCONDERE le pecche o scopiazzature, se non di peggio! Ciao
14-4-2013 06:56

Concordo pienamente sulla equivalenza "Necessità di Fiducia = Debolezza". Più che mai se una cosa è pubblica, è indispensabile che il relativo progetto sia pubblico. L'Open Source è l'anima della democrazia.
13-4-2013 18:00

@{Bepi} Da informatico il voto elettronico lo considero NON FATTIBILE, perché non siamo in grado di mettere abbastanza occhi con interessi contrastanti a sorvegliare il tutto... IMO il voto elettronico si può usare solo *abbinato* a quello tradizionale per confronto, un modo da rendere più difficile il voto di scambio: questo per... Leggi tutto
29-3-2013 13:57

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (778 voti)
Luglio 2022
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 2 luglio


web metrics