Tim Berners-Lee: privacy necessaria per democrazia digitale

Il web può realizzare una democrazia ''universalmente partecipata'' se i governi rinunciano a controllare e spiare i cittadini.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-03-2013]

tim berners lee

È stato Tim Berners-Lee, "padre" del World Wide Web, l'ospite d'onore degli ICT Days 2013 che si sono tenuti a Trento dal 20 al 23 marzo, a cui anche Zeus News ha partecipato.

Nella giornata di venerdì, sir Timothy ha avuto modo di affrontare diversi temi, tutti centrati intorno all'evoluzione della sua invenzione e all'influenza presente e futura sulla società, soffermandosi su quali siano le attenzioni da avere perché il cambiamento sia in positivo e a vantaggio di tutti.

«Il web» - ha spiegato a Zeus News sir Berners-Lee - «è per sua natura collaborativo, e tale collaborazione in un futuro prossimo sarà in grado di modificare la democrazia, rendendola maggiormente partecipativa»; tutte le interazioni con i governi saranno online e le elezioni stesse si potranno tenere via Internet (con un gran risparmio sui costi di organizzazione): «in futuro arriveremo alle elezioni online se i governi non vengono tentati dall'usare Internet per controllare o spiare i cittadini».

In quest'ottica, sarà necessario creare degli uffici preposti ad aiutare coloro che non si trovano a proprio agio con i PC ma dovranno comunque interagire col resto della comunità.

Quest'ultimo appunto è un indizio di come la preoccupazione principale di Tim Berners-Lee sia assicurarsi che il web resti al servizio di tutti, evitando i soprusi che possono nascere, in un'era in cui pressoché ogni informazioni finisce online, dal possedere i dati altrui.

È dunque certamente necessario potenziare la trasparenza con le iniziative che vanno sotto il nome di open government e open data - ossia mettere online i dati di cui sono in possesso le amministrazioni - ma anche, spiega il padre del web, arrivare a un open personal data in cui ognuno può accedere ai propri dati disponibili in Rete.

Grazie all'evoluzione tecnologica gli oggetti saranno infatti sempre più connessi e in grado di raccogliere dati: Tim Berners-Lee stesso, durante l'incontro, portava un braccialetto conta-calorie che raccoglieva dati sul suo stato fisico. È facile prevedere che in futuro tutti gli oggetti collezioneranno dati, e tali dati potranno fare gola ad alcuni; anzi, già adesso, in realtà, tutta una serie di nostri dati personali sono già online: si tratta di capire come vengono e come verranno gestiti.

S'innesta qui il vasto tema della privacy, che Berners-Lee affronta con un esempio. Prendiamo il numero di scarpe: può essere molto comodo che sia a disposizione e accessibile via Internet in un mondo in cui tutto è connesso, cosicché andando a comprare un nuovo paio di calzature non sia nemmeno necessario indicare quale sia.

Sondaggio
Secondo te Internet...
E' stata la più importante innovazione tecnologica degli ultimi anni.
Ha reso le relazioni umane troppo impersonali.
Ha reso più facile la vita di tutti i giorni.
E' stata un toccasana per l'economia mondiale.
E' riuscita a facilitare le relazioni umane.
Ha contribuito a confondere le identità dei popoli.

Mostra i risultati (2664 voti)
Leggi i commenti (12)

D'altra parte, prosegue Tim: «Il numero di scarpe è importante per chi ci vuole vendere delle scarpe; bisogna quindi riflettere su come questi dati, una volta raccolti, sono gestiti: restano nelle mani degli utenti o vengono inviati ad agenzie che poi propongono oggetti o servizi da acquistare? È importate che sia il titolare dei dati stessi a decidere come questi siano utilizzati».

«L'accento va posto sull'uso appropriato dei dati. I dati che un'altra entità raccoglie mi aiutano a organizzarmi oppure vengono usati per controllarmi? Entra in gioco il concetto del benefit, fermo restando che esistono comunque dati che non devono essere usati».

Il web risulta quindi estremamente prezioso, ma su di esso incombe una minaccia, che «può venire dal controllo politico ed economico che se ne fa. L'indipendenza della stampa, della circolazione delle informazioni, è ciò che più garantisce la democrazia».

La direzione in cui si va è la trasformazione del web in una piattaforma partecipativa o, meglio ancora, «universalmente partecipata»: «Abbiamo visto che cosa è successo in Egitto quando la gente è stata disconnessa. Il web può essere al contrario utilizzato per rendere ancora più libero il mercato e ancora più partecipativa la democrazia».

Grazie all'estensione della fibra ottica e al calo dei prezzi degli schermi, si apriranno nuove esperienze di "telepresenza": «I pixel diventeranno sempre meno costosi e ci saranno più pixel» ha affermato sir Timothy, prevedendo «schermi più grandi che permetteranno di partecipare a chatroom e videoconferenze in maniera molto più affidabile rispetto a qualche anno fa, dando l'impressione di essere davvero presenti sul posto e facendo anche risparmiare sul carburante che oggi viene consumato per gli spostamenti».

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Il mondo deve essere ''open''

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Solid, il web decentralizzato e distribuito di Tim Berners-Lee
Tim Berners-Lee attacca i governi del datagate
Il Partito Pirata alle elezioni comunali di Roma
Fatti smart! Il Garante privacy spiega come usare lo smartphone
Web Index, Italia soltanto ventitreesima
Tim Berners-Lee: l'Italia colmi il digital divide
Vent'anni di web con Tim Berners-Lee
Tim Berners-Lee: Facebook minaccia il futuro del web
Con Bernabè Oscar Cicchetti tornerà in Telecom

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 11)

{dbp}
Non sono d'accordo con mda e il suo commento per Zievatron: "Anche perchè con i linguaggi ad Oggetti (nei prodotti hardware è la standardizzazione) oramai non esiste più l'inventiva di come fare una cosa ma solo l'inventiva del prodotto, l'idea di un nuovo prodotto! " Quell'anche presuppone che prima volevi dire un'altra cosa... Leggi tutto
16-5-2013 01:12

{dbp}
scusate, ma non saranno 4 anni e mezzo che vi dico che bisogna usare il Software Libero e sistemi operativi 100 per cento Software Libero, per essere realmente liberi ? Non ve l'ho già detto decine di volte ? Credo dunque che non sia sto detto nulla di nuovo, Tim Berners-Lee ha parlato di programmazione Javascript, ebbene, si sappia che... Leggi tutto
16-5-2013 00:55

@Zievatron Anche perchè con i linguaggi ad Oggetti (nei prodotti hardware è la standardizzazione) oramai non esiste più l'inventiva di come fare una cosa ma solo l'inventiva del prodotto, l'idea di un nuovo prodotto! Dunque il Close è diventato inutile in se stesso... Salvo NASCONDERE le pecche o scopiazzature, se non di peggio! Ciao
14-4-2013 06:56

Concordo pienamente sulla equivalenza "Necessità di Fiducia = Debolezza". Più che mai se una cosa è pubblica, è indispensabile che il relativo progetto sia pubblico. L'Open Source è l'anima della democrazia.
13-4-2013 18:00

@{Bepi} Da informatico il voto elettronico lo considero NON FATTIBILE, perché non siamo in grado di mettere abbastanza occhi con interessi contrastanti a sorvegliare il tutto... IMO il voto elettronico si può usare solo *abbinato* a quello tradizionale per confronto, un modo da rendere più difficile il voto di scambio: questo per... Leggi tutto
29-3-2013 13:57

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i benefici maggiori che deriverebbero da una politica e una pubblica amministrazione più aperta e trasparente ai cittadini?
I giornalisti potrebbero informarsi più facilmente sulle attività di politici e amministratori e l'informazione al pubblico sarebbe più ampia e dettagliata.
Politici e amministratori renderebbero maggiormente conto ai cittadini del loro operato.
La qualità dei servizi in generale migliorerebbe.
L'opinione pubblica avrebbe più peso nelle decisioni amministrative e politiche.
In generale i nostri rappresentanti avrebbero elementi per prendere decisioni più appropriate.

Mostra i risultati (787 voti)
Gennaio 2020
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Tutti gli Arretrati


web metrics