Kim Dotcom: "Blitz MegaUpload causato da donazione a Wikileaks"

Ventimila euro donati a Wikileaks: un contribuito a svelare i segreti sporchi del governo che non è piaciuto.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-11-2013]

kim

Sono quasi passati due anni dal blitz dell'FBI che portò alla chiusura di Megaupload.

Ora il libro The Secret Life of Kim Dotcom - Spies, Lies and the War for the Internet (La vita segreta di Kim Dotcom - Spie, bugie e la guerra per Internet), scritto da David Fisher, rivela alcuni dettagli interessanti circa quegli avvenimenti.

Secondo il fondatore di Megaupload c'è un motivo preciso se l'FBI ha scelto proprio quel giorno di gennaio 2012 per compiere il raid. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
La rete ha reso famosi due personaggi per certi versi simili anche se molto diversi: secondo te chi è il più grande?
Julian Assange. Prende informazioni dalle grandi aziende e dai governi e le rende pubbliche gratuitamente. È stato accusato - tra le altre cose - di terrorismo.
Mark Zuckerberg. Prende informazioni e dati personali e li vende alle grandi aziende e ai governi. È diventato l'uomo dell'anno.

Mostra i risultati (2066 voti)
Leggi i commenti (36)
Secondo Dotcom sarebbe dovuto alla donazione di 20.000 euro da lui fatta a Wikileaks tramite l'account britannico di Megaupload dopo l'uscita del video Collateral Murder nel 2010.

«È una delle donazioni maggiori che abbiano mai ricevuto» spiega Kim Dotcom. «Il mio nome dev'essere balzato all'attenzione di qualcuno».

Non ci sarebbe quindi la crociata contro chi viola il copyright alla base del raid dell'FBI, ma il desiderio di colpire chi rivela - o coloro che sostengono chi rivela - i segreti sporchi del governo.

kim dotcom book cover

Nel libro non ci sono dettagli o prove circa le affermazioni fatte da Kim Dotcom, ma stando alla ricostruzione fatta da quest'ultimo, questa è l'unica spiegazione plausibile.

Prima dell'intervento delle autorità americane, infatti, Megaupload sarebbe stato in buoni rapporti con i detentori del copyright: molti, tra cui Disney, avrebbero infatti iniziato a lavorare su accordi per una partnership con il servizio di file sharing.

Verso la fine del 2011, però, la RIAA e le case cinematografiche di Hollywood si sarebbero tirate indietro: secondo Dotcom, sapevano che cosa sarebbe successo di lì a poco.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Megaupload era pronta a entrare in Borsa
FBI chiude MegaUpload, Anonymous contrattacca

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Pensi che il carpool dinamico (passaggi a utenti che fanno lo stesso percorso organizzandosi via web o smartphone) sia una buona soluzione per diminuire il traffico e abbassare i costi?
E' una buona idea, a patto che sia sicuro, il costo sia basso e non si debba essere legati ad alcun utente.
Non credo che funzionerà in Italia.
Non ne sono sicuro, ma potrebbe funzionare.
Controllerei le referenze dell'autista designato prima di salire sulla sua auto. Ma utilizzerei il servizio.
Parteciperei volentieri perché è un'ottima idea!
Potrei usufruirne, anche per ridurre l'inquinamento, anche se ho la mia auto. Qualche volta potrei fungere da autista.

Mostra i risultati (1707 voti)
Giugno 2022
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 28 giugno


web metrics