Gli intellettuali contro il Datagate

Appello di scrittori di tutto il mondo contro lo strapotere degli stati e delle multinazionali che intercettano le comunicazioni di tutti: da Umberto Eco a Erri de Luca.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-12-2013]

Umberto Eco

Gli italiani Umberto Eco ed Erri de Luca, l'indiana Arundhati Roy e poi Gunter Grass; ma anche Ian McEwan e Don DeLillo, Petros Markaris e Javier Cercas.

Sono solo alcuni nomi dei 560 scrittori e intellettuali di tutto il mondo che hanno firmato un appello contro lo strapotere degli stati e delle imprese multinazionali che minacciano la privacy e la libertà di comunicazione di tutti i cittadini del pianeta.

Nell'appello gli scrittori affermano: "Una persona sotto sorveglianza non è più libera; una società sotto sorveglianza non è più una democrazia. Per mantenere una qualche autenticità i nostri diritti democratici devono valere nello spazio virtuale come in quello reale". L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
La NSA non spiava solo i cittadini USA ma anche i governi di Francia, Germania e Italia. Qual è la tua reazione di fronte a questa notizia? (se vuoi dare risposte multiple o commentare ulteriormente, usa il forum)
Sono profondamente indignato: come si sono permessi?
Sono stupito che gli USA siano arrivati a questo punto.
In fondo lo fanno per prevenire gli attentati; quindi li giustifico, almeno parzialmente.
Non mi sorprende. E' da un po' che l'Europa non conta più un tubo.
Accidenti! Avranno ascoltato anche le telefonate con la mia fidanzata/o.
I nostri politici non hanno nulla di più importante di cui preoccuparsi?
Lo so perfino io che i telefoni sono spiati, figuriamoci i terroristi.
Avevano ragione quelli di Zeus News, quando già nel 2001 scrivevano di Echelon.

Mostra i risultati (3095 voti)
Leggi i commenti (15)
L'appello prosegue:
- La sorveglianza viola la sfera privata, e compromette la libertà di pensiero e di opinione.
- La sorveglianza di massa tratta ogni cittadino alla stregua di un potenziale sospetto. Sovverte una delle nostre conquiste storiche, la presunzione di innocenza.
- La sorveglianza rende l'individuo trasparente, mentre lo stato e le grandi imprese operano in segreto. Come abbiamo visto questo potere è oggetto di abusi sistematici.
- La sorveglianza è furto. Questi dati non sono proprietà pubblica: appartengono a noi.

Concludono: "Facciamo appello agli stati e alle imprese perché rispettino questi diritti. Facciamo appello a tutti i cittadini perché lottino in difesa di questi diritti. Facciamo appello alle Nazioni Unite perché riconoscano l'importanza fondamentale della protezione dei diritti civili nell'era digitale e della creazione di una Carta internazionale dei diritti digitali. Facciamo appello ai governi affinché sottoscrivano tale convenzione e vi aderiscano.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (3)

Assolti Luciani e Ruggiero, ex manager di telecom Italia - See more at: http://forum.zeusnews.com/viewtopic.php?t=64463#sthash.McsVEu7W.dpuf
18-12-2013 05:43

{W3C_PDB}
A buffoni, arrivate solo ora ed esprimete pareri di questo genere ? una delle e-mailes inviate da Richard Matthew Stallman a me, come parte conclusiva dell'email: "Skype: No way! That's nonfree (freedom-denying) software. Use Ekiga or an ordinary phone call. NSA and FBI agents reading my email: consider whether defending the... Leggi tutto
13-12-2013 06:20

Il problema è che la maggior parte della gente di fronte a queste cose pensa "a me non importa nulla di tutta questa sorveglianza, tanto io non ho nulla da nascondere". E poi da lì viene il passo successivo, ovvero il sospetto che chi si batta per questioni fondamentali come libertà e diritti, lo faccia proprio perché in... Leggi tutto
12-12-2013 06:06

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Per quale motivo NON sei (più) sul social network più famoso?
Facebook mi ha stufato. Preferisco godermi Internet.
Non voglio che gli altri si facciano i fatti miei.
Ho da fare. Facebook mi fa perdere tempo.
Amo di più la vita reale.
Non voglio che si sappiano in giro i miei segreti.
Non ho testa per Facebook in questo momento.
A mia moglie (marito, fidanzat*, ragazz*) dà fastidio che io sia su Facebook.
Facebook vende i nostri dati e non rispetta la privacy.
Mi sono accorto che iniziavo a farmi sempre di più i fatti degli altri.
Facebook è morto. Io adesso uso Twitter (o Google+, Pinterest ecc.)

Mostra i risultati (4313 voti)
Dicembre 2022
La settimana lavorativa di quattro giorni è un successo
L'app open source per vedere YouTube senza seccature
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 7 dicembre


web metrics