Kim Dotcom fonda il Partito di Internet

Il creatore di MegaUpload e di Mega si candida alle elezioni in Nuova Zelanda con il suo Internet Party.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-03-2014]

kim dotcom internet party

Internet Party, il Partito di Internet: così si chiama la creatura politica fondata da Kim Dotcom.

Il fondatore di Mega ha infatti deciso di entrare in politica nel Paese che ha scelto come nuova patria, la Nuova Zelanda.

Con il suo Internet Party parteciperà alle elezioni che si terranno il prossimo settembre e proponendosi quale «movimento per la libertà di Internet e della tecnologia, per la privacy e la riforma politica».

Il lancio ufficiale del partito, su cui Kim lavora da qualche mese, è avvenuto il 27 marzo: ora dispone di un proprio sito che contiene anche i link per scaricare le app ufficiali e di un account Twitter.

La presentazione è avvenuta nello stile istrionico tipico di Kim Dotcom e comprende anche un video in cui egli sembra ricevere la visita del presidente americano Barack Obama e di quello neozelandese John Key. L'articolo continua dopo il video.

Il programma o, meglio, la «missione» del partito è illustrata sul sito.

Comprende innanzitutto Internet a basso costo e illimitato per tutti, un piano per l'innovazione e i posti di lavoro, un'attenzione particolare alla libertà della Rete, alla riforma del copyright e all'introduzione di una moneta digitale sponsorizzata dal governo.

Sondaggio
Secondo te in quale settore si faranno sentire maggiormente gli effetti positivi dell'Agenda Digitale?
La comunicazione
La scuola
L'accesso alle informazioni e ai contenuti culturali
La modalità di interazione con la Pubblica Amministrazione
Il Servizio Sanitario
La qualità dell'ambiente e dell'aria
La qualità della vita
Il costo della vita
La vivibilità delle grandi metropoli con la creazione di Smart City
La trasparenza
Risparmi per lo Stato e per il cittadino
Riduzione del digital divide
L'Agenda... de che?

Mostra i risultati (1100 voti)
Leggi i commenti (7)

Al di là dei temi tecnologici, il partito di Kim Dotcom si concentra su questioni "nazionalistiche" che riguardano la Nuova Zelanda, sottolineandone l'indipendenza e la difesa degli interessi nazionali; non mancano l'attenzione all'ambiente e alle scuole.

Per riuscire a entrare in Parlamento l'Internet Party dovrà ottenere per lo meno il 5% dei voti.

Dal canto suo Kim Dotcom non potrà candidarsi direttamente, essendo ancora in possesso della cittadinanza tedesca; soltanto un dettaglio marginale in questo panorama sembrano le questioni legali con gli USA, che vorrebbero l'estradizione di Dotcom per processarlo e condannarlo a un massimo di 20 anni di prigione.

D'altro canto, il fondatore di Megaupload non è l'unico "pirata" a gettarsi in politica: anche Peter Sunde, cofondatore di The Pirate Bay, sta per fare lo stesso in Europa.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Fondatore Pirate Bay candidato alle Europee

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Kim Dotcom fonderà l'Internet Party negli Stati Uniti
Kim Dotcom trombato alle elezioni in Nuova Zelanda
Mega approda in borsa, vale 180 milioni di dollari
Kim Dotcom: "Blitz MegaUpload causato da donazione a Wikileaks"
Per Google Kim Dotcom non esiste
Kim Dotcom rivendica brevetto doppia autenticazione

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

Il mio miglior in bocca al lupo a Peter anche se, il fatto che sia tutt'ora a piede libero mentre il suo amico Gottfrid Svartholm passa da un carcere ad un altro processo, mi fa venire qualche dubbio: o è molto più furbo o è sceso a patti con qualcuno...
16-4-2014 19:20

Auguroni anche a Peter. Speriamo che gli riesca di far ragionare l'Europa sul copyright e sul file sharing. A proposito. Le elezioni europee si avvicinano. Si conoscono le "squadre" e le loro propensioni in materia di internet e dintorni? (oltre che per altre cose, ovviamente)
15-4-2014 16:27

Eh già, la Nuova Zelanda, è proprio in tutto e per tutto ai nostri antipodi. FORZA KIM!!!! :wink: Leggi tutto
1-4-2014 19:29

Anch' io: lunga vita a KIM :ola: Leggi tutto
30-3-2014 23:02

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
iPad/iPhone, Android, Windows Phone hanno servizi che localizzano gli utenti. La privacy è violata?
Sì, almeno potenzialmente.
No, è tutta una bolla di sapone.
Non so.

Mostra i risultati (3155 voti)
Novembre 2020
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
Tutti gli Arretrati


web metrics