Energia dalle piante

La fotosintesi fornisce elettricità sufficiente per accendere lampadine, ricaricare telefonini e alimentare hotspot Wi-Fi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-06-2015]

power from plants

Nei Paesi Bassi c'è un'azienda che raccoglie energia dalle piante e la utilizza per alimentare caricabatterie per cellulari, hotspot Wi-Fi e anche per accendere 300 lampadine a LED.

Questa azienda si chiama Plant-e e già in una notte dello scorso novembre ha inaugurato il progetto Starry Sky (Cielo Stellato) dando dimostrazione di come l'elettricità ottenuta dalla vegetazione possa illuminare il cielo notturno.

L'idea di utilizzare gli "scarti" della fotosintesi per produrre elettricità non è nuovissima, ma è la prima volta che un'azienda si impegna per riuscire a portare questo sistema su scala industriale.

Per Starry Sky, Plant-e ha utilizzato delle piante fatte crescere in vasi di plastica di circa 0,2 metri quadrati di superficie. Il processo di fotosintesi, con il quale le piante producono glucosio, genera più zucchero di quanto sia necessario alla pianta stessa; l'eccesso viene smaltito nel terreno tramite le radici.

Il decadimento di questo eccesso rilascia protoni ed elettroni; Plant-e, con degli elettrodi inseriti nel terreno, raccoglie gli elettroni e li usa per alimentare le lampadine.

Sondaggio
Quanto spendi di elettricità ogni mese?
Meno di 30 euro
Tra 30 e 50 euro
Tra 50 e 75 euro
Tra 75 e 100 euro
Tra 100 e 150 euro
Più di 150 euro

Mostra i risultati (2825 voti)
Leggi i commenti (8)

L'idea è promettente, ma nonostante le dimostrazioni pubbliche c'è ancora molto da fare. «Non riusciamo a produrre abbastanza energia per avere un prodotto commerciale affidabile. Ciò non significa però che non l'avremo mai. Siamo proprio agli inizi della ricerca» spiega Ramaraja Ramasamy, professore dell'Università della Georgia.

Marjolein Helder, cofondatrice di Plant-e, spiega quali siano le prospettive: una superficie di un metro quadrato è in gradi di produrre 28 kWh l'anno. Il consumo medio di una casa in Norvegia è di 3.500 kWh di elettricità l'anno. Ciò significa che un giardino vasto circa 125 metri quadrati potrebbe soddisfare il bisogno energetico di quella casa. L'articolo continua dopo il video.

La scelta della Norvegia non è casuale: spostandosi in altre nazioni, la superficie necessaria aumenta di molto. Il consumo medio di una casa statunitense è di circa 10.800 kWh: serve quindi un giardino di circa 380 metri quadrati per avere lo stesso risultato che in Norvegia si ottiene con 125 metri quadrati.

Plant e electricity from plants1

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

Peccato che la maggior parte di noi viva in condomini senza giardini o con giardini di dimensioni assai ridotte...
6-6-2015 14:53

{Claudio}
GRANDIOSO!!!!
5-6-2015 06:52

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una donna è stata querelata per una recensione negativa di un ristorante scritta su Trip Advisor. Quale di queste affermazioni trovi più vicina al tuo pensiero?
Non è giusto che un'opinione scritta su Internet sia considerata pari a un articolo su un giornale. Bisogna rivedere al più presto le leggi sulla difesa dell'onore e sulla diffamazione.
E' giusto che anche sui forum o su Facebook o sui siti di recensioni si applichino le leggi relative alla diffamazione. Un'opinione negativa può rovinare la reputazione di un locale.
Gli utenti devono poter esprimere con la massima libertà la propria opinione su ristoranti, alberghi, ma anche prodotti o servizi acquistati. Un'opinione negativa non dovrebbe essere considerata diffamazione.
Trovo che oggi più che mai sia necessario prestare la massima attenzione a quello che si scrive online.
Le recensioni su Internet sono in gran parte inaffidabili: quelle positive sono scritte dai proprietari, quelle negative dalla concorrenza. In ogni caso l'opinione dei pochi singoli onesti non è significativa.
Vorrei dire la mia sul forum di Zeus News ma temo che prima dovrei procurarmi un buon avvocato, non si sa mai.

Mostra i risultati (3976 voti)
Settembre 2022
La strana storia dell'utente HME2 di Arpanet
LibreOffice diventa a pagamento
2022, fuga dall'open source
Dati a spasso nel cloud
Di chi sono i tuoi dati quando muori?
Smartphone, l'UE vuole pezzi di ricambio disponibili per almeno 5 anni
Ex designer di Microsoft demolisce il menu Start di Windows 11
Auto Hyundai “hackerata”
Agosto 2022
Genitori indagati dopo aver mandato foto dei figli ai medici
DuckDuckGo, la protezione delle email è per tutti
Il computer portatile economico che fa a meno del monitor
Microsoft avvisa: attenzione all'aggiornamento KB501270
WhatsApp, arriva il blocco degli screenshot
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 26 settembre


web metrics