Google cambia nome: nasce Alphabet

Big G cede tutti i progetti slegati da Internet alla nuova holding.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-08-2015]

google alphabet

È una piccola grande rivoluzione quella che investe Google in queste ore, con il cambio dell'assetto societario e la nascita di una nuova holding che raccoglie tutte le attività finora gestite da Google Inc.

Larry Page e Sergey Brin, fondatori del gigante di Mountain View, hanno deciso di riorganizzare l'impero creando Alphabet, una holding della quale Google Inc sarà una controllata; Page sarà l'amministratore delegato e Brin il presidente.

Il comando di Google va a Sundar Pichai, nuovo CEO, il quale eredita una società «un po' dimagrita» come spiegano i due fondatori: se prima ogni attività - dalle auto che si guidano da sole, i laboratori finora conosciuti come Google X, a Calico e via di seguito - faceva capo a Google, ora tutte queste divisioni che si occupano di progetti non direttamente legati a Internet saranno altrettante società controllate da Alphabet.

L'idea è che in questo modo ogni progetto possa essere sviluppato al meglio, con risorse proprie e potendo gestire da sé le priorità anziché dipendere da un'azienda che ha il proprio interesse principale altrove: Google «sta operando bene, ma pensiamo di poter fare meglio» sostiene Larry Page.

A Google resteranno tutti i prodotti collegati al motore di ricerca (Maps, Photos, Now e via dicendo) ma anche Android, Chrome, YouTube e i servizi legati alla pubblicità, come AdSense e AdWords.

Sondaggio
In quale di questi campi necessiti di maggiore aiuto per il tuo business online personale o aziendale?
SEO, ranking e analytics.
Link Html, generazione sitemap, metatag e generazione QR Code.
Logo, foto, grafica e temi.
Progettazione del sito e organizzazione.
Normativa fiscale.
Soluzioni di pagamento, Paypal e Google Merchant.
Business plan.
Creazione del negozio virtuale o dell'app.
Pagina Facebook collegata.
Pagine di affiliazione.

Mostra i risultati (400 voti)
Leggi i commenti (2)

Cambia quindi l'intera struttura aziendale di Google, cambiano i dirigenti, e probabilmente nuovi progetti partiranno sotto l'ombrello di Alphabet: in questo senso, la rivoluzione è grande.

Per l'utente comune, quello che usa il motore di ricerca, ha uno smartphone Android, cerca i video dei gattini su YouTube e sogna di andare al lavoro dormendo perché l'auto nel frattempo sta guidando al posto suo, per lui non cambia niente: tutto (per ora) continua come prima.

Google Alphabet grafico cnn
Il grafico elaborato dalla CNN spiega il nuovo assetto di Alphabet e Google

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Steve Jobs nel testamento: vendete Apple a Google
Google rinuncia ai droni a energia solare
Campane a morto per Google Fiber
Google è la società che vale di più al mondo
Google resuscita i Glass con Project Aura
Google sfida la morte con Calico

Commenti all'articolo (1)

{Ivan}
Chissà chi dirigerà queste "nuove" compagnie, che Paesi ne trarranno maggior beneficio? Io non sono un indovino però...
12-8-2015 07:49

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (400 voti)
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 30 novembre


web metrics