La mano artificiale che fa ''sentire'' le dita

Si controlla in maniera naturale e restituisce le sensazioni perdute.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-06-2016]

SFU team with Letain

Le protesi artificiali che sostituiscono gli arti perduti hanno un ruolo importantissimo nel restituire autonomia a quanti sono costretti a indossarle. C'è però un limite: non riescono a far "sentire" le dita.

Ecco perché è tanto importante la ricerca condotta da alcuni studiosi della canadese Simon Fraser University, che ha portato alla creazione di una mano bionica, controllata dalla mente, dotata di sensori che emulano i polpastrelli.

Il dispositivo è stato chiamato MASS Impact (dove MASS sta per Muscle Activity Sensor Strip) ed è dotato di sensori che registrano il movimento dei muscoli rimanenti nel braccio di chi ha perso una mano. Il movimento viene poi passato a degli algoritmi che provvedo a tradurlo in istruzioni per l'arto robotico.

A fare la differenza rispetto alle alternative già esistenti è soprattutto il sistema di sensori montati sulle dita artificiali, che permette di avvertire la presenza delle dita stesse.

Danier Letain, ingegnere e sciatore paralimpico che nel 1980 ha perso la mano a causa di un incidente sul lavoro, ha contribuito a sviluppare la protesi e a testarla, confermandone la bontà.

Sondaggio
Per quale servizio collegato a un prodotto per la smart home saresti più disposto a pagare fino a 15 euro al mese?
Lo scongiurare dei guasti dei prodotti smart, per esempio lavastoviglie, connettendoli ai fabbricanti, in modo da identificarli e anticiparne qualsiasi problema.
Collegamento alla compagnia assicuratrice che interviene in caso di allagamento, intrusione o allarme quando non sono in casa.
Assistenza nella vita di tutti i giorni per gli anziani.
Collegamento dei dati relativi alla salute al medico o al reparto ospedaliero per il monitoraggio dei parametri vitali chiave.
Collegamento alla società di sicurezza che intervenga quando l'allarme si spegne.
Nessuno di questi

Mostra i risultati (1224 voti)
Leggi i commenti (8)

«Con questo nuovo sistema, ho davvero la sensazione di aprire e chiudere mano. Il momento più entusiasmante è stato quando ho avvertito l'indice sinistro e il mignolo per la prima volta dall'incidente» ha raccontato.

La mano è stata inoltre progettata per imparare e adeguarsi con il tempo alle abitudini dell'utente, così che controllarla diventi via via sempre più semplice e naturale: «Più dati le vengono forniti, più impara» spiega uno degli ingegneri che l'hanno creata.

SFU bionic hand

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Una splendida notizia per tutti coloro che hanno perso un'arto. il ritorno a una vita "normale" e sempre più vicino :0)
9-6-2016 10:16

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Annunci come quello di NVIDIA sull'appliance GRID per il Cloud gaming suggeriscono che il fenomeno stia acquisendo rilevanza, ma storie di insuccesso come OnLive sembrano indicare mancanza di trazione tra gli utenti. Hai qualche esperienza in merito?
Sì, e sono stato soddisfatto
Sì, ma sono rimasto deluso
No, ma penso che possa avere successo
No, e fallirà perché ci sono alternative più interessanti per videogiocare

Mostra i risultati (207 voti)
Febbraio 2023
L'Internet Archive adesso ospita anche le calcolatrici scientifiche
Facebook e Messenger scaricano intenzionalmente la batteria dello smartphone
Gennaio 2023
Windows 11, tre metodi per aggirare l'account Microsoft
Libero e Virgilio Mail offline da giorni, verso la risoluzione
Pesci da compagnia fanno acquisti sulla Switch all'insaputa del padrone
Il ritorno del Walkman
Invecchiare al tempo della Rete
Apache contro Apache
Cessa il supporto a Windows 7. Microsoft: “Non passate a Windows 10”
Lo smartphone con schermo e-ink da 6,1 pollici
Dicembre 2022
WhatsApp dal nuovo anno non funzionerà più su 47 smartphone
LastPass, la violazione è molto più grave del previsto
Netflix, giro di vite sulla condivisione delle password
Digitale terrestre: si spegne la TV in definizione standard
Disorganizzazione informatica fa desistere i cybercriminali
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 5 febbraio


web metrics