La Norvegia spegne la radio FM

Tutte le trasmissioni saranno nello standard digitale DAB. Ma la popolazione protesta.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-01-2017]

norvegia dab fm

Sono passati meno di dieci anni dallo switch off, il momento in cui le trasmissioni televisive passarono dalla tecnologia analogia a quella digitale.

In quel periodo chiunque possedesse un televisore si affrettava a sostituirlo, acquistandone uno compatibile con il nuovo standard, oppure a dotarsi di un decoder per il digitale terrestre.

Dall'11 gennaio in Norvegia sta succedendo qualcosa di analogo, ma relativo alle trasmissioni radiofoniche: il Paese nordico ha infatti deciso di spegnere il segnale analogico FM per lasciare spazio unicamente alle trasmissioni DAB.

Le stazioni nazionali effettueranno il passaggio entro la fine dell'anno, mentre quelle private hanno cinque anni di tempo per adeguarsi.

La Norvegia è il primo Stato in cui le stazioni FM analogiche vengono spente, e per questo primato ci sono dei buoni motivi.

Le trasmissioni DAB permettono di abbattere i costi che le trasmissioni analogiche impongono per superare i molti ostacoli naturali che la conformazione dei Paese presenta: in altre parole, trasmettere in digitale costa meno.

Il governo norvegese, affermando che il segnale digitale raggiunge ormai il 70% delle case, ha deciso per lo switch off suscitando tuttavia parecchie proteste.

La copertura delle case è irrilevante - sostengono i critici - quando ancora ci sono oltre 2 milioni di automobili (in un Paese di cinque milioni di abitanti) non attrezzate per ricevere le radio DAB, e che oltre a ciò potrebbero trovarsi a transitare per zone non coperte.

Ciò è particolarmente grave poiché moltissimi norvegesi si affidano alla radio per ricevere le notizie in caso di emergenza, soprattutto in caso di maltempo in inverno.

Sondaggio
Qual è la tua piattaforma preferita per la Tv digitale?
Digitale terrestre "liscio"
Sky
Satellitare free to air
Mediaset Premium
Tv di Fastweb
Telecom Italia IpTv
Infostrada Tv
Altre (specificare nei commenti)

Mostra i risultati (4030 voti)
Leggi i commenti (21)

Se risolvere il secondo problema richiede investimenti da parte dello Stato o di privati, il primo sembrerebbe di soluzione più semplice: non si potrebbe fare come per i televisori e acquistare un decoder da aggiungere alla radio?

In teoria sì, solo che il prezzo di questi apparecchi supera le 1.000 corone (circa 100 euro), e cambiare l'intero apparecchio audio costa anche di più: i norvegesi non capiscono perché dovrebbero sborsare per una innovazione di cui non sentono il bisogno.

«La Norvegia non è preparata» spiega un rappresentante della Associazione delle Radio Locali Norvegesi. «Ci sono milioni di radio in case, villette, e barche che non funzioneranno più, e soltanto il 25% delle auto in Norvegia dispone di radio digitali o adattatori».

Intanto, nel resto d'Europa la situazione è più tranquilla. La Svizzera è l'unico Stato ad aver già programmato la transizione, fissandone l'inizio per il 2020 e la conclusione per il 2024.

In Italia le trasmissioni DAB sono realtà già da qualche tempo, ed entro la fine dell'anno la copertura dovrebbe raggiungere il 90 del territorio nazionale. Ancora non si parla, però, di uno spegnimento del segnale analogico.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Clubhouse, il social network della voce spopola: adesso preferiamo parlare?
Aiuto, la mia casa smart è stata posseduta via radio
La macchina che ricava elettricità dai segnali radio
Come prendere il controllo di uno smartphone via radio
L'autoradio dell'auto a noleggio infrange il copyright?
La radio alla clorofilla
La radio digitale da stappare
Attacchi alle connessioni radio e controllo droni
Android entra nell'autoradio
La lampada solare di Fujitsu con radiolina FM incorporata
Google rinuncia alla radio e chiude Audio Ads
La Sardegna spegne la Tv analogica
L'autoradio che si collega all'iPod e alle chiavette Usb
Dalle radio libere al peer to peer
La radio sull'iPod
La nostra radio preferita trasmette sul cellulare
La RIAA disegna la radio del futuro
Gigi D'Alessio insultato dal sito Isoradio RAI (*aggiornamento*)
Un sistema di trasmissione radio sicuro
Chiude la prima radio online
Resta solo la radio!
Radio e Internet
Radio anch'io!

Commenti all'articolo (4)

Beh, quelle non sono DAB ma ricetrasmissioni digitali; ricordo che la B di DAB sta per Broadcasting, e che tali trasmissioni sono analoghe alla tv digitale in cui su una frequenza ci possono essere più trasmissioni multiplexate Leggi tutto
15-1-2017 15:59

In Italia lo switch off dell'analogico televisivo fu fortemente voluto anche per favorire alcune aziende controllate da sodali dei politici allora al governo. Ora non so se in Norvegia ci siano le medesime spinte per la radio - francamente non lo credo - però una decisione così drastica e repentina mi sembra quantomeno sospetta e che... Leggi tutto
15-1-2017 14:55

{utente anonimo}
Il DAB è usato da anni per le trasmissioni di sicurezza in aziende, ospedali, zone militari, ecc., per la possibilità di essere facilmente criptato. Tuttavia trovo lo switch-off norvegese una decisione tutt'altro che intelligente, nonostante i risparmi. Ma non ci sono solo quelli, per esempio i disagi per la... Leggi tutto
13-1-2017 13:40

{umby}
Quindi se uno straniero entra in norvegia (col minuscolo apposta) gli si zittisce la radio. Perfetto. Tanto il norvegese non lo capisco e tanto meno la loro pubblicitá!
12-1-2017 15:16

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
E' corretto utilizzare i social network in ufficio?
Sì, perché offrono numerose occasioni per migliorare la propria produttività.
Sì, perché sono strumenti validi per condividere opinioni lavorative con amici e colleghi.
Sì ma con moderazione: una pausa di cinque minuti ogni tanto allenta la tensione e migliora la produttività.
No, perché la commistione tra aspetti privati e professionali generata dall'utilizzo di questi strumenti potrebbe causare problemi sul posto di lavoro.
No, perché non è corretto scambiare opinioni relative a questioni lavorative attraverso i social media.
No, perché hanno un impatto negativo sulla produttività.
Non saprei.

Mostra i risultati (2081 voti)
Settembre 2021
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Due parole sull’attacco informatico “terroristico” alla Regione Lazio
Windows 365 è già disponibile e costa meno di 30 euro al mese
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 19 settembre


web metrics