Telefonini a scuola: l'oggetto del desiderio?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-09-2017]

kids smartphones

Il ministro della Pubblica Istruzione, Valeria Fedeli, ha sostenuto l'opportunità dell'uso degli smartphone a scuola da parte degli studenti. Bufera! Da parte di chi? Dei soliti ignoranti che ammazzano la creatività delle giovani generazioni e li predispongono a clandestinità e asocialità.

Giudizio pesante il nostro, ma non potrebbe essere altrimenti perché, come tutti e molti, anche chi scrive è stato studente (quando a stento c'era la televisione) e ha un figlio altrettanto studente. Non solo, ma quest'ultimo è dotato di smartphone a cui è affezionato e che usa spesso durante la giornata, pur sottomettendosi con serenità ai divieti scolastici.

Come tante cose della vita, anche lo smartphone è strumento di creatività e compagnia, da usare come complemento per migliorare, tenersi informato, divertirsi, comunicare, prevedere, organizzare. Dipende dall'uso che se ne fa. E pensiamo che coloro che alzano oggi la bufera stiano commettendo lo stesso errore che fa lo Stato e molte famiglie nei confronti della droga: creano un mito, l'oggetto del desiderio, come la mitica mela di Eva nel Paradiso Terrestre dei religiosi.

Per "una società libera dalla droga", ci raccontano tutti i giorni, ma intanto i nostri figli e i nostri studenti e i loro amministrati si fanno canne a iosa, collusi e sostenitori della malavita organizzata che gliela fornisce. Viverci accanto legalizzandola, spiegare come si spiega per l'alcool e il tabacco? Troppa fatica, è più facile vietare. E i ragazzi si fanno canne... quando va bene.

Nella dovuta differenza, è la stessa cosa per lo smartphone. Con l'aggravante che quest'ultimo non è illegale e che - anche a detta di coloro che lo demonizzano ma che ce l'hanno in tasca sempre, usandolo anche in modo smodato e maleducato - è strumento di progresso, civiltà, congiungimento, legami, cultura.

Da cosa dipende? Come sempre dall'uso che se ne fa. Per le istituzioni bacchettone, regressive e con la vista corta, così come per alcune famiglie, è più semplice vietare che spiegare. Certo, è faticoso per una istituzione come la scuola, così come un genitore, stare dietro a un ragazzo e spiegare l'uso moderato, appropriato e di sviluppo di questo strumento: tempo, conoscenze appropriate, condivisione.

Sondaggio
Qual è il prodotto più obsoleto tra questi?
Il lettore DVD da salotto: sta per fare la fine del videoregistratore VHS.
L'iPod: ormai la musica si ascolta con lo smartphone.
Il Blackberry: ha pochissime app, ormai ha fatto il suo tempo.
Angry Birds: ormai la moda è passata.
Un telefonino che non sia smartphone: esistono ancora?
L'auricolare Bluetooth: è bruttissimo a vedersi.
Lo smartwatch, per lo meno quelli di prima generazione: brutti e limitati.
Il Nintendo Wii: non può competere con l'Xbox One e la PS4.

Mostra i risultati (1803 voti)
Leggi i commenti (8)

Ogni "grande/adulto" - istituzione o genitore che sia - ha da star dietro ai propri problemi, e il tempo che dedica ai ragazzi è rubato alle proprie preoccupazioni, che sembra debbano essere affrontate con l'ignorare i ragazzi. Non è un caso, per esempio, che il nostro Paese sia in coda a tutte le statistiche per investimenti nell'istruzione, mentre le nostre famiglie sono in cima ad altrettante statistiche che vedono i figli in casa in età ovunque impensabili.

È evidente che la lezione delle droghe non è servita (ed è evidente soprattutto perché non sono ancora legali). A questo oggi aggiungono un nuovo oggetto del desiderio, lo smartphone, che, così come sbagliando hanno insegnato ai nostri genitori, per essere bello non potrà che essere proibito.

Per chi ha voglia, queste riflessioni e aspettative crediamo che possano servire.

Vincenzo Donvito, presidente Aduc

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

Paragonare la legalizzazione delle droghe all'uso degli smartphone in classe mi sembra francamente molto avventuroso per non dire assolutamente inappropriato. Fatta questa considerazione di base che pone totalmente fuori questione il paragone direi che, come sottolineato da molti che mi hanno preceduto, il punto principale è che gli... Leggi tutto
20-9-2017 19:02

{Carlo}
Leonardo da Vinci e lo Smartphone... :) link
15-9-2017 21:00

{ViR}
Ma il divieto non dovrebbe essere implicito? Se sei in classe, sei per studiare e imparare quello che spiegano i professori (si spera, quando ero in classe il 90 per cento era per le interrogazioni), quello devi fare. Come non puoi giocare a pallone, lanciare palle di carta per aria, battere i piedi, cantare, fare le parole crociate e... Leggi tutto
15-9-2017 20:49

Come sempre è un problema di educazione. Il cellulare non è un male in sè per sè, ma dell'uso che se ne fa. (se non piace l'esempio della droga, facciamo quello dei coltelli) E in questo particolare caso, secondo me il bambino impara molto da come i genitori usano o gestiscono il cellulare. E una volta che anche pochi bambini lo usano in... Leggi tutto
15-9-2017 11:33

Che confusione che fa il presidente dell'ADUC a mischiare telefonini e droga per sostenere una tesi che non sta in piedi se non per ragioni politiche. Vogliamo provare a sbrogliare 'sto garbuglio? Spazziamo via la questione droga: l'ONU ha già affermato chiaramente che la "guerra alla droga" è persa, ed ha bruciato una marea... Leggi tutto
15-9-2017 11:04

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il motivo principale che ti può far desistere (oppure no) dal compiere un acquisto online?
La scarsa accessibilità del sito di ecommerce.
I tempi di consegna non certi.
La scomodità di dover rimanere a casa o di dover concordare la consegna con il corriere.
La possibilità che il pacco vada perso, se la spedizione non è tracciata.
La poca fiducia riposta nel negozio online.
Il prezzo maggiore del prodotto.
Le spese di spedizione elevate.
Il sovrapprezzo applicato per la spedizione contrassegno.
La scomodità di dover rispedire il pacco qualora la merce ricevuta sia danneggiata o difettosa.
La maggior difficoltà a far valere le condizioni di garanzia.
L'impossibilità di trattare sul prezzo o di chiedere uno sconto.
La poca fiducia riposta nei sistemi di pagamento online disponibili.

Mostra i risultati (2160 voti)
Aprile 2019
Galaxy Fold, lo schermo pieghevole si rompe quasi subito
È possibile rilevare telecamere nascoste in una camera d'albergo?
La falla in IE che vi ruba i dati anche se non lo usate
Windows, gli aggiornamenti di aprile bloccano i PC con Avast e Sophos
Arrestato Assange, il commento di Paolo Attivissimo
Assange arrestato: ecco cosa rischia
Windows XP, anche l'ultima versione supportata getta la spugna
Nessuno usa la rimozione sicura USB: cambia la policy di Windows
La VPN per chi non sa che cosa sia una VPN
Facebook, i dati di mezzo miliardo di utenti accessibili pubblicamente
Anche Nokia ha il suo smartphone col buco
Asus, utenti attaccati tramite aggiornamenti di sistema
Marzo 2019
L'estensione che ripristina i risultati censurati da Google
UE, approvata la riforma del diritto d'autore, compresi gli articoli 11 e 13
Tecnico IT licenziato si vendica cancellando 23 server
Tutti gli Arretrati


web metrics