Lenovo, portatili ThinkPad a rischio incendio per colpa di una vite non avvitata

Il richiamo dei modelli X1 Carbon è già in corso.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-02-2018]

thinkpad x1 carbon vite incendio

Lenovo sta richiamando tutti i ThinkPad X1 Carbon prodotti prima del 1 novembre 2017 perché la batteria rischia di surriscaldarsi e addirittura di prendere fuoco.

Fin qui sembra trattarsi di un "normale" richiamo: per quanto spiacevole, la presenza nei prodotti elettronici di difetti che possono mettere a rischio la salute degli utenti è un'eventualità che ormai non è più eccezionale. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Cosa manca nel tuo notebook attuale e vorresti che fosse presente? Aggiungi eventualmente la risposta nei commenti.
Una maggiore risoluzione del display
L'uscita VGA
Un processore più veloce
Più memoria Flash
La possibilità di utilizzare una batteria più capace
La porta LAN
Almeno una porta USB supplementare o una USB 3.0
Più memoria RAM
Il touchscreen

Mostra i risultati (1777 voti)
Leggi i commenti (18)
Ciò che è davvero interessante è però la causa prima del problema: pare infatti che la colpa di tutto sia di una vite non avvitata.

Tale vite, relativamente libera di muoversi all'interno del portatile, può finire con il danneggiare la batteria agli ioni di litio, provocando un corto circuito in una delle celle.

È questo fenomeno che porta al surriscaldamento e alla possibilità che la batteria prenda fuoco (sebbene casi di incendio ancora non siano stati segnalati).

Considerata la natura della causa, la soluzione è molto semplice: basta eliminare la vite. Questa in realtà non ha una sede propria in cui può essere riavvitata: invece è stata lasciata all'interno dei portatili dal processo di produzione per errore, un po' come succede quando un chirurgo dimentica una pinza all'interno di un paziente.

L'operazione di rimozione della vite viene eseguita gratuitamente da Lenovo. L'azienda raccomanda di non utilizzare i ThinkPad X1 Carbon fino a che il problema non viene rimosso.

Di seguito riportiamo la dichiarazione di Lenovo sul richiamo di ThinkPad X1 Carbon:

In collaborazione con la U.S. Consumer Product Safety Commission (CPSC), Lenovo sta mettendo in atto un’azione di richiamo volontaria di un lotto di laptop ThinkPad X1 Carbon di quinta generazione prodotti fra dicembre 2016 e ottobre 2017. Lenovo ha valutato che un numero limitato di macchine possa contenere una vite non correttamente avvitata che potrebbe danneggiare la batteria causando surriscaldamenti, con un potenziale rischio di incendio.

Nell’interesse della sicurezza dei propri clienti, con effetto immediato, Lenovo offre verifiche gratuite su tutti i laptop ThinkPad X1 Carbon interessati, prodotti tra le date indicate sopra.

I dettagli del richiamo sui ThinkPad X1 Carbon di quinta generazione sono disponibili qui. Comunicato U.S. Consumer Product Safety Commission: qui.

La sicurezza dei clienti è la nostra priorità. Siamo spiacenti per qualsiasi inconveniente che questa azione di richiamo possa causare.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
I nuovi MacBook Pro sono così potenti che si surriscaldano. E rallentano drasticamente
Fujitsu richiama i portatili a rischio incendio
La falla nei Pc di Lenovo che regala le password agli hacker
HP richiama i portatili: la batteria rischia di prendere fuoco
Il laptop di Lenovo che si arrotola come un tappetino
Perché gli smartphone prendono fuoco?
Intel ritira lo smartwatch che può ustionare l'utente
Canon richiama 70mila fotocamere: irritano la pelle
Da Lenovo un ThinkPad robusto da usare in classe
Sony richiama un milione e mezzo di televisori

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

@SverX Hai ragione o, meglio, avresti ragione se la scelta ci fosse sempre e a pari opportunità e caratteristiche. In realtà io vedo che il mercato viene molto pilotato dai produttori che, per favorire le proprie scelte, orientano quelle dei consumatori/clienti/vacche da mungere nella direzione a loro preferita diminuendo o rendendo... Leggi tutto
14-2-2018 18:57

Purtroppo avete tutti ragione
14-2-2018 12:01

In realtà funziona un po' al contrario. I portatili tendono ad avere batterie NON rimovibili perché in fase di progetto tengono conto che sono proprio pochi quei clienti che, quando la batteria sarà inservibile, vorranno rimpiazzare solo quella e non l'intero computer. A quel punto ha senso (in ottica commerciale intendo - io non... Leggi tutto
14-2-2018 10:11

Eh già, è obsolescenza programmata anche questa. :incupito: E questo avrebbe anche potuto evitare il danneggiamento della batteria dall'interno del dispositivo dal momento che le sedi delle batterie sostituibili sono completamente carterate.
13-2-2018 19:15

Direi che concordo in pieno con ilmanowar - ormai la logica è che butti e cambi.
11-2-2018 22:49

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (400 voti)
Aprile 2021
Aggiornamento Windows 10, problemi di tutti i tipi
Se l'FBI, zitta zitta, si mette a patchare i server altrui
Colpevoli di ransomware
Tutti gli home banking sono a rischio, se usi Facebook
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Robot assassini crescono
Tracker nelle app: cosa sta succedendo in Rete?
Recupero IVA: oltre il 50% non viene rivendicata
Quiz: sei in una zona senza copertura cellulare
Bitcoin, un dilemma etico
Hackerate 150mila videocamere di sorveglianza, tra cui quelle di Tesla
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 22 aprile


web metrics