In carcere l'uomo che cercava di allungare la vita ai vecchi Pc



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-05-2018]

eric lundgren cd ripristino windows 7
Eric Lundgren (Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

Eric Lundgren è un trentatreenne americano, della California meridionale, che ha avuto un'idea meritoria per guadagnarsi da vivere: recuperare i rifiuti elettronici (e-waste) e dar loro nuova vita.

Le parti di computer, smartphone e apparecchi elettronici in generale che vengono buttati via possono spesso essere riutilizzate in modi innovativi, assemblandole per costruire nuovi apparecchi: per esempio è proprio utilizzando componenti gettati che Lundgren è riuscito a costruire un'auto elettrica in grado di superare la popolare Tesla di Elon Musk quanto ad autonomia.

Parte dell'attività di Lundgren, la cui azienda IT Asset Partners oggi dà lavoro a 100 persone e ricicla oltre 20.000 tonnellate di rifiuti elettronici ogni anno, riguarda il mantenimento in vita dei vecchi computer, che spesso sono ancora oggi perfettamente in grado di svolgere il lavoro da ufficio richiesto normalmente da un'infinità di aziende.

Per aiutare i possessori di Pc "anziani", Lundgren ha contattato un'azienda cinese e le ha commissionato la realizzazione di 28.000 copie del disco di installazione di Windows 7, lo stesso che è disponibile gratuitamente tramite il sito di Microsoft sotto forma di immagine Iso.

Sondaggio
Ora che la musica è soprattutto digitale, che cosa farai dei vecchi CD audio che non ascolti più?
Li butto via
Li vendo
Li regalo
Li "rippo" sul Pc
Li metto sul lunotto dell'auto per evitare gli autovelox
Ci tappezzo la stanza o ne faccio sottobicchieri

Mostra i risultati (1962 voti)
Leggi i commenti (43)

Si tratta di dischi che per chi non possiede un computer e una relativa licenza Windows sono inutili, in quanto il sistema operativo non può essere attivato né usato legalmente; ma per chi ha da qualche anno un Pc con legittima licenza, e purtroppo ha perso il Cd che inizialmente gli era stato fornito con la macchina, possono rappresentare la salvezza quando si tratta di dover procedere a una formattazione.

Non tutti, infatti, sanno che Microsoft mette a disposizione liberamente le immagini dei propri sistemi (anche quella di Windows 10 si può scaricare dal sito dell'azienda) o, se lo sanno, a volte pur sentendosi in grado di affrontare una formattazione non sanno come masterizzare dette immagini sui supporti.

Così Lundgren ha pensato di intervenire: il piano prevedeva di farsi spedire di dischi dalla Cina a un intermediatore in Florida, e quindi di vendere i dischi a 25 centesimi l'uno ai negozi che si occupano di fornire computer rimessi a nuovo, i quali potranno poi darli ai clienti.

I problemi sono iniziati quando, nel 2012, la dogana statunitense ha sequestrato una consegna di dischi e ha iniziato a indagare su di essi. Non solo: i doganieri si sono accordati con il mediatore della Florida perché questi si offrisse di acquistarne una parte e far così scattare una "trappola".

Non appena il mediatore ha inviato a Lundgren 3.400 dollari, entrambi sono stati accusati di associazione a delinquere, traffico di materiale contraffatto e violazione del diritto d'autore, accuse per le quali l'uomo della Florida ha patteggiato una pena di sei mesi di arresti domiciliari, concessigli grazie alla sua volontà di collaborare.

Lundgren, dal canto proprio, s'è dichiarato colpevole delle accuse ma ha sostenuto anche che il valore dei dischi in sé era pari a zero, e che pertanto nessuno veniva danneggiato dalla sua attività: né Microsoft, che non vende dischi di ripristino, né altri produttori di computer.

Secondo gli investigatori federali, invece, ogni disco aveva un valore di 299 dollari: per tanto Lundgren avrebbe causato a Microsoft perdite per 8,3 milioni di dollari.

Dopo la battaglia legale, che nei giorni scorsi è arrivata a conclusione, la cifra è scesa a 25 dollari per disco: 700.000 dollari in totale, che l'imprenditore californiano è stato condannato a pagare insieme a 50.000 dollari di multa. Inoltre dovrà passare 15 mesi in prigione.

Il calcolo del valore dei dischi è stato fatto tenendo in considerazione che quella indicata - 25 dollari - è la cifra chiesta da Microsoft a quanti commerciano in computer rinnovati; tuttavia, si tratta di un computo che include la presenza di una regolare licenza, di cui i dischi di Lundgren erano sprovvisti.

«Le vendita di questi sistemi operativi contraffatti hanno danneggiato le vendite di sistemi operativi originali che Microsoft avrebbe potuto fare» ha dichiarato l'avvocato del gigante di Redmond durante il processo, pur sapendo bene che le licenze non erano incluse.

Secondo Lundgren, il cuore dell'intera vicenda non è la vendita più o meno autorizzata di qualche Cd: è l'esistenza stessa di un mercato per i Pc ricondizionati.

Con la condanna dell'imprenditore è stato quindi stabilito un precedente: qualsiasi altro produttore che voglia perseguire penalmente chi distribuisce Cd o Dvd di ripristino ha, se non proprio la strada spianata, almeno la via tracciata.

Dal punto di vista di chi vende Pc, ma anche di chi vende i sistemi operativi che sempre li accompagnano, è molto meglio che i modelli più vecchi svaniscano dal mercato, così che gli utenti continuino ad acquistare prodotti nuovi, piuttosto che lasciar circolare macchine sulle quali non possono più guadagnare niente. Il vero crimine di Lundgren, dunque, è aver cercato di estendere la vita dei computer.

«Mi sono intromesso nella loro agenda» ha dichiarato Lundgren. «Andrò in prigione, e l'ho accettato. Ma ciò che non mi sta bene è che la gente non capisce perché vada in prigione. Spero che la mia storia possa far luce sull'epidemia di rifiuti elettronici che abbiamo negli Stati Uniti. A che punto bisogna arrivare prima che la gente si alzi e dica qualcosa? Io non ho detto qualcosa, l'ho fatto e basta».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Tokyo 2020, le medaglie saranno di smartphone riciclati
Le vecchie batterie del notebook per dare energia alla casa
La batteria che dura vent'anni e si ricarica in due minuti
Realizzata stampante 3D con rifiuti elettronici
e-waste, Lombardia prima nonostante il calo
L'impianto sottopelle che si riassorbe col tempo
Un case di cartone per il PC
EcoATM trasforma i rifiuti elettronici in denaro
2008, addio laser in bianco e nero
Intel e Google collaborano col WWF

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 19)

In ogni caso i produttori - M$ e Apple in primis - sono ben contenti di alimentare i comportamenti delle cliccoscimmie per poter continuare a guadagnare e controllare mercato e, soprattutto, i dati che le cliccoscimmie forniscono continuamente ed in grandi quantità... Leggi tutto
14-5-2018 18:43

secure boot bloccato, immagino? beh mi spiace che l'hai buttato via - hai sprecato i tuoi soldi e contribuito all'enorme massa di rifiuti elettronici che produciamo - e peraltro forse adesso saresti riuscito ad usarlo comunque, firmando digitalmente il bootloader... comunque capisco che ne fai un problema di principio, e in questo ti... Leggi tutto
14-5-2018 10:31

Il problema è che i comportamenti deviati delle cliccoscimmie (Termine coniato dal Prof. Marcello Missiroli per il suo libro Linux da Zero) fomentano la produzione di hardware chiuso e controllato con la scusa della sicurezza, per le cliccoscimmie, quelle che "senza Windows il computer non si accende", non cambia niente, per... Leggi tutto
11-5-2018 20:06

Probabilmente dipende anche dal fatto che l'elettrodomestico difficilmente può portarlo a situazioni così critiche come può invece farlo un computer a parità di comportamento negligente o scarsamente informato. E' proprio il fatto di considerare il computer alla stregua di un elettrodomestico trattandolo allo stesso modo ed aspettandosi... Leggi tutto
10-5-2018 19:12

Il problema è che l'ignorante quando rimane bruciato dal computer anziché dare la colpa alla sua mancanza di volontà, al non aver voluto superare la propria ignoranza da la colpa al mondo che non c'entra un bel niente. :evil: Leggi tutto
9-5-2018 20:36

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai mai incontrato persone conosciute online?
Non è mai capitato, ma vorrei.
Non è mai capitato e non ne ho intenzione.
E' capitato, ma continuiamo a tenerci in contatto prevalentemente attraverso Internet.
E' capitato e ora la relazione è prevalentemente telefonica o dal vivo.
E' capitato, ma la delusione è stata tale che non ci sentiamo più.

Mostra i risultati (2464 voti)
Maggio 2018
Apple prepara tre nuovi iPhone per l'autunno, ma le vendite languono
La multa inflitta dal governo a Vivendi? La pagheranno i dipendenti Tim
Chrome, addio al lucchetto che indica i siti sicuri
Hacker distratti rivelano per sbaglio due falle finora sconosciute
Quasi 30 persone uccise dalle auto ''intelligenti'' senza chiavi
Come attivare la modalità riservata nella nuova Gmail
Google Drive cambia faccia per allinearsi a Gmail
Your Phone, l'app che porta iPhone e smartphone Android sui Pc con Windows 10
Veicolo autonomo di Uber investe e uccide: il software ha deciso di ignorare il pedone
Telegram alle strette rivela il rischio di avere dispositivi chiusi come gli iPhone
Windows 10, tutti i problemi dell'April 2018 Update (e come risolverli)
Sì, Cambridge Analytica ha chiuso. Ma è già rinata
In carcere l'uomo che cercava di allungare la vita ai vecchi Pc
Aprile 2018
Gmail, arriva il restyling: ecco come attivare subito le novità
Assemblea Tim, tutti d'accordo su scorporo rete e riduzione personale
Tutti gli Arretrati


web metrics