La papera robot che fa compagnia ai bambini in ospedale



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-09-2018]

papera robot

Papere robot: è questa l'ultima idea degli ospedali statunitensi per rendere un po' più confortevole la permanenza dei bambini ricoverati.

L'idea è stata presentata ufficialmente allo scorso CES di Las Vegas, dove la Aflac ha svelato per la prima volta i curiosi automi, che hanno già preso servizio presso l'Aflac Cancer and Blood Disorders Center of Children's Healthcare di Atlanta.

Per l'occasione è stata indetta una caccia al tesoro, durante la quale i bambini hanno percorso i corridoi dell'ospedale alla ricerca di un compagno tecnologico con il quale passare il resto della degenza.

Nel corso di settembre la stessa iniziativa verrà proposta al Palmetto Health Children's Hospital di Columbia, nella Carolina del Sud, ma la prospettiva è di ampliare ulteriormente la diffusione delle papere robot - il cui nome ufficiale è My Special Aflac Duck - al maggior numero possibile di ospedali pediatrici.

L'Aflac Duck è progettata per essere «educativa e terapeutica» con una particolare attenzione verso le esigenze dei bambini malati di cancro. Sul petto offre lo spazio per un'emoji (in un dispositivo dotato di tecnologia Rfid) che il piccolo paziente può scegliere a piacimento per indicare il proprio umore, al quale il robot reagirà di conseguenza.

Sondaggio
Ad alta quota, secondo te, qual è il comportamento più fastidioso?
Il passeggero della fila avanti che reclina lo schienale, senza nemmeno girarsi e avvisarti gentilmente.
Il passeggero della fila dietro che punta le piante dei piedi (o le ginocchia) nella parte alta del sedile.
I bambini che urlano ripetutamente o infastidiscono gli altri passeggeri, senza che i genitori intervengano.
Il passeggero che puzza di sudore.
Il passeggero che ascolta la musica ad alto volume.
Il passeggero che si ubriaca in volo.
Il passeggero che cerca di psicanalizzarti... per tutto il viaggio.
Il passeggero che si allarga sui braccioli del vicino.
I passeggeri che amoreggiano durante il volo.
Il passeggero che cerca di rimorchiare.

Mostra i risultati (2407 voti)
Leggi i commenti (17)

Se per esempio il bambino sceglierà l'emoji che esprime tristezza, la papera abbasserà la testa e si lascerà sfuggire un piccolo lamento.

La tecnologia Rfid implementata in un'apposita porta consente inoltre ai bambini di fingere di somministrare al robot la chemioterapia, mentre i genitori possono usare l'app collegata e consentire ai figli di fare il bagno, nutrire e dare medicine alla papera.

Secondo gli esperti tutte queste sono attività che restituiscono ai pazienti il senso di poter controllare quanto sta succedendo loro durante la terapia: molti, infatti, alle sofferenze psicologiche della malattia aggiungono quelle fisiche dovute al trovarsi in una situazione su cui sentono di non avere alcun controllo.

Qui sotto, il video di presentazione del progetto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Facebook, niente foto negli ospedali
Personal killer robot
Come difendersi da un robot di Boston Dynamics
L'iPad? Per i bambini è come un sedativo
L'app che risolve le emergenze pediatriche
Allarme per i laptop "tostapane"
Un Sms per un portale per i bambini malati
Un messaggino per il Pronto Soccorso dei Bambini
Pediatria online

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Con quale delle seguenti affermazioni, tutte relative a siti che vendono coupon e buoni sconto online, concordi di più? (Se vuoi dare risposte multiple utilizza i commenti)
Sono un cliente abituale dei siti di coupon e in generale posso dichiararmi soddisfatto delle promozioni attivate tramite questo mezzo innovativo.
Apprezzo i coupon soprattutto per provare quelle strutture dove non sono mai stato, o servizi che non ho mai utilizzato prima.
Acquisto talvolta i coupon ma purtroppo molte volte non riesco a utilizzarli prima della loro scadenza, pertanto penso di diminuire questa attività o di continuare a farlo saltuariamente.
Acquisto i coupon soprattutto per usufruire dello sconto e raramente acquisto nuovamente un servizio o torno in una struttura a "prezzo pieno".
Solitamente acquisto un coupon soltanto se conosco già la struttura o il servizio offerto, non voglio fregature.
Mi è capitato spesso di prendere delle fregature o di non essere servito alla stregua degli altri clienti, pertanto penso che non acquisterò più coupon.
Non ho mai acquistato un coupon.

Mostra i risultati (1678 voti)
Aprile 2021
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Robot assassini crescono
Tracker nelle app: cosa sta succedendo in Rete?
Recupero IVA: oltre il 50% non viene rivendicata
Quiz: sei in una zona senza copertura cellulare
Bitcoin, un dilemma etico
Hackerate 150mila videocamere di sorveglianza, tra cui quelle di Tesla
Personal killer robot
La “truffa alla nigeriana” è un classico. Del sedicesimo secolo
Hard disk a confronto con SSD nei data center
Sciami di router nelle nostre case conoscono la nostra posizione
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 10 aprile


web metrics