Linus Torvalds: ''La frammentazione blocca la diffusione di Linux sui Pc''

Ma la situazione cambierà grazie ai Chromebok e ad Android.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-12-2018]

linus torvalds desktop linux frammentazione

Non si può dire che Linux non abbia successo: ha il dominio nel mondo dei server e, se ci si ricorda che Android usa il kernel Linux, anche in quello degli smartphone.

Android in particolare dimostra che al di sopra del cuore di Linux si può costruire un ambiente che gli utenti possono usare facilmente, sfatando il mito secondo il quale Linux «è difficile».

Davanti a questo scenario viene però da chiedersi perché mai, allora, Linux non sia molto più usato anche sui Pc desktop.

Quanti negli anni si sono posti questa domanda si sono dati diverse risposte, come la mancanza di versioni Linux di software indispensabili realizzati solo per Windows, ma secondo Linus Torvalds allo stato attuale il problema è un altro: la frammentazione.

Tutti i diversi ambienti, le diverse interfacce, le diverse filosofie di sviluppo hanno portato a un panorama ricco, ma confusionario.

In un'intervista il padre del sistema del pinguino ha affermato: «Tuttora mi piacerebbe che fossimo più bravi a creare un desktop standard che funzioni su tutte le distribuzioni... Non è un problema di kernel. È più che altro un fastidio personale il modo in cui la frammentazione dei diversi produttori ha, io credo, rallentato un po' la diffusione sui desktop».

Chi difende la varietà presente tra i desktop per Linux sostiene, a ragione, che in questo modo ciascuno può trovare ciò che meglio funziona per lui, ma bisogna ammettere che per l'utente comune, abituato ad avere un pacchetto completo con Windows, la varietà di distribuzioni e configurazione può essere scoraggiante.

Ci sarà mai un giorno in cui Linux su desktop sarà più diffuso? Secondo Linus Torvalds non è impossibile, ma il successo in questo campo passerà dai Chromebook e da Android: «Sembra che i Chromebook e Android siano il percorso che porterà al desktop» ha infatti dichiarato.

Sondaggio
Che cosa ti trattiene dall'installare Linux?
Tutti quelli che conosco hanno Windows: con chi potrei scambiare dati e software?
Non ho voglia di imparare un nuovo sistema operativo e dei nuovi programmi.
Alcuni miei componenti hardware non vengono riconosciuti.
Ci sono alcuni software che utilizzo sotto Windows che mi sono indispensabili.
Semplicemente non sento l'esigenza di passare a Linux.
Ho intenzione di farlo nel prossimo futuro.
Nessun motivo mi impedisce di passare a Linux, infatti già lo utilizzo con soddisfazione.

Mostra i risultati (11048 voti)
Leggi i commenti (123)

I Chromebook, in effetti stanno iniziando ad ampliare le proprie possibilità, trasformandosi dall'essere un limitato giardino cintato a diventare una vera incarnazione di "Pc con Linux".

Prima dell'estate, infatti, Google ha annunciato l'intenzione di supportare nei Chromebook le applicazioni Linux, installabili con i comandi tipici di Debian e derivate (apt-get e soci): gli utenti di questi portatili potranno quindi più facilmente abituarsi al mondo Linux nel suo complesso.

Android, invece, è un caso noto. E sebbene sia noto che Google sta lavorando sull'alternativa Fuchsia OS, al momento gli smartphone sono il mezzo più efficace per dimostrare che anche Linux può essere facile da usare.

Qui sotto, il video della breve intervista.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Android ha i giorni contati: Fuchsia OS lo soppianterà entro cinque anni

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 30)

:shock: è questo da dove ti è uscito, troppo alcol durante le feste? :roll: Leggi tutto
7-1-2019 12:38

La diffusione deve essere fatta ponendo l'accento sulla facilità e disponibilità del software. bisogna capire che la maggior parte degli utenti desktop vuole una cosa con comandi standardizzati che deve servire da piattaforma per le applicazioni che deve usare- Purtroppo ancora l'ambiente, spesso a torto, è visto come per smanettoni,... Leggi tutto
6-1-2019 13:23

{ice}
da utente Linux dai tempi dei Kernel 2.4, posso solo dire che ho sempre biasimatol'apporccio di UBuntu, che da una parte ha aiutato la diffusione, ma dall'altra ha creato un sacco di problemi di compatibilità coi suoi inutili tentativi (poi TUTTI abortiti) di reinventare l'acqua calda con DE alternativi a gnome o... Leggi tutto
3-1-2019 08:10

A cosa servono le app? Io ho sostituito il fake file manager stock di Google visto che lo hanno tolto dal launcher delle applicazioni e andarselo a pescare dove lo hanno messo fa perdere tempo. Sostituito l'app macchina fotografica stock per averne una che ti fa lo zoom aprendo indice e medio. Messo un lettore multimediale free... Leggi tutto
1-1-2019 12:06

@etabeta Grazie tante...ma quante app esistono per quegli OS? Se mi dici che le app di Android sono compatibili allora va bene. Altrimenti se non ci sono le app tanto vale prendermi il 3310 che almeno come batteria va avanti molto di più. Alla fine è morto pure Windows Phone, per mancanza di app. Per non parlare dei vecchi BlackBerry.
1-1-2019 02:40

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hanno suscitato polemiche in Abruzzo alcuni manifesti pubblicitari con una ragazza in bikini e la scritta: "La diamo a tutti... l'Adsl dove non c'è". Alcuni hanno proposto di farli rimuovere perché lesivi della dignità della donna. Cosa ne pensi?
Sono contrario al ritiro dei manifesti perché sono incisivi e divertenti.
Li trovo volgari ma non credo che si possano proibire.
Bisogna farli rimuovere perché sono vergognosi.
Non penso che aumenteranno gli abbonamenti Adsl, anzi...
Altri gestori hanno fatto di peggio.

Mostra i risultati (3222 voti)
Gennaio 2019
Il sito Torrent distribuito e impossibile da censurare
Un futuro senza chiavette USB
Facebook sotto accusa: giochini per ''spennare'' gli utenti più giovani
Pubblicata la ''master list'' degli hacker
Il Pc con schermo e tastiera dentro il mouse
Non è reato filmare una donna nuda in casa sua se non usa le tende
Sei consigli per difendersi dal ransomware
Windows 7 riconosciuto come contraffatto dopo le ultime patch
IoT sotto attacco: ora tocca alle vasche idromassaggio
Apple taglia la produzione di iPhone: l'obsolescenza programmata non funziona più
Il primo computer quantistico progettato per applicazioni commerciali
Il bat-sonar Microsoft usa gli altoparlanti intelligenti per mappare intere stanze
Otter Browser, il vero successore di Opera Classic
Mozilla sperimenta gli spot in Firefox. Gli utenti insorgono
Richard Stallman fa i complimenti a Microsoft
Tutti gli Arretrati


web metrics