H&M e i vestiti fatti con gli scarti di cibo

Attenzione all'ambiente o mossa pubblicitaria?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-04-2019]

hm conscious exclusive 2

L'azienda svedese di abbigliamento H&M ha dei modi originali di dimostrare il proprio attaccamento all'ambiente.

Lo scorso anno strinse un accordo con una centrale elettrica per fornirle capi di vestiario da bruciare per produrre energia elettrica. Quest'anno s'è messa invece a realizzare vestiti con frutta e alghe.

La nona edizione della linea Conscious Exclusive, infatti, è stata sviluppata in collaborazione con aziende tessili specializzate nel trasformare gli avanzi di cibo in fibre e tessuti.

Troviamo così la pelle vegana di Piñatex, fatta di foglie d'ananas, oppure l'alternativa alla seta costituita da bucce d'arancia e ideata da Orange Fiber, senza dimenticare le suole per scarpe fatte con le alghe ideate da Bloom Foam.

Sono questi i materiali con cui sono realizzati i capi della collezione, che in apparenza è completamente eco-compatibile ma in realtà nasconde un lato meno positivo.

Le varie fibre derivate dagli scarti vengono comunque trattate con agenti chimici allo stesso modo con le fibre usuali, per evitare che col tempo si biodegradino: così però il loro impatto sull'ambiente, da questo punto di vista, non è diverso da quello dei materiali adoperati normalmente, e una volta usate per i vestiti non possono più essere riciclate.

Resta la buona volontà di recuperare quei materiali che altrimenti finirebbero nelle discariche, operazione che evita il consumo di altre risorse naturali.

Sondaggio
I sacchetti biodegradabili sono più innovazione o più ecobufala?
Innovazione: faranno risparmiare petrolio e calare l'inquinamento.
Ecobufala: costano di più e per l'ambiente non cambia niente.

Mostra i risultati (3462 voti)
Leggi i commenti (20)

I critici, d'altra parte, sottolineano come l'intera linea d'abbigliamento dichiarata eco-sostenibile sia in realtà più che altro una mossa pubblicitaria: ben vengano i vestiti fatti di foglie d'ananas ma, se si volesse convertire l'intera produzione a questo materiale, non ci sarebbero abbastanza ananas al mondo da soddisfare la domanda.

Per questo motivo esperti come Linda Greer, del Natural Resource Defense Council, sostengono che questo genere di iniziative siano poco efficaci: ciò che serve cambiare è la mentalità legata al mondo della moda, in cui in media un vestito viene indossato solo cinque volte prima di venir gettato.

«Le aziende devono concentrarsi su ciò che importa maggiormente e smetterla di sprecare tempo su queste iniziative dilettantesche che non funzioneranno mai in un'economia di scala» ha concluso Linda Greer. «Non fanno altro che cercare di solleticare la nostra fantasia».

hm conscious exclusive 1
hm conscious exclusive 3
hm conscious exclusive 4
hm conscious exclusive 5

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

Mi sa che però stanno sbagliando direzione di fuga, qua, fra un, temo che si starà anche peggio. :roll:
24-4-2019 19:02

Verissimo, ma quanti seguono la finanza? E certe cose le impari solo quando sei a caccia di notizie finanziarie. Ma tanto, almeno in Italia, l'acriticità dilaga, meglio risparmiare i neuroni, quindi tutti si bevono felici la favolina che le multinazionali portano progresso e gli africani scappano dalle guerre. Io che ho un fondo di... Leggi tutto
23-4-2019 22:35

@etabeta Mi sembra un ottimo esempio dell'aiutiamoli a casa loro... ad impoverirsi ulteriormente e renderli sempre più disperati. :twisted:
23-4-2019 19:08

Lo spero anch'io ma la domanda allontana dalla verità. Semplice mossa per ridurre ulteriormente i costi di produzione abbattendo il costo delle materie prime. Il costo della manodopera lo hanno già ridotto spostando la produzione dalla ormai troppo costosa Cina (anche i cinesi iniziano a pretendere) sfruttando i più economici... Leggi tutto
23-4-2019 08:33

Oso sperare che la domanda fosse semplicemente pleonastica... Leggi tutto
22-4-2019 15:36

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1326 voti)
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
La truffa del cosmonauta bloccato nello spazio
Windows 11, inizia la seconda fase degli update
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 29 novembre


web metrics