La calcolatrice di Windows adesso gira su Android, iOS e sul web

Tutto grazie all'open source.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-07-2019]

calcolatrice windows uno

Nello scorso marzo, Microsoft rilasciò il codice della Calcolatrice di Windows con una licenza open source (la licenza MIT, per la precisione), invitando gli sviluppatori interessati a migliorarla.

La nuova politica diede subito qualche frutto, dato che già entro la fine del mese la calcolatrice aveva guadagnato la capacità di tracciare i grafici delle equazioni. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Qual è la cosa peggiore per un programmatore?
La modifica delle specifiche
I clienti
Debuggare
Scrivere documentazione
Il codice scritto da altri
La fase di test

Mostra i risultati (3738 voti)
Leggi i commenti (10)
La licenza MIT, però, garantisce molte altre libertà: consente non solo di usare e modificare ma anche di ridistribuire (e rivendere) il codice open source.

Così, la piattaforma UNO ha deciso di usare il codice della calcolatrice di Microsoft, scritto in C++, e portare il programma in linguaggio C#.

Come risultato, è stata in grado di rilasciare la calcolatrice in versione per iOS e Android, e una versione web (compatibile con qualsiasi browser moderno che supporti web assembly) è ospitata sul sito dell'azienda.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La Calcolatrice di Windows impara a tracciare i grafici
La calcolatrice di Windows ora è open source

Commenti all'articolo (2)

:roll:
10-7-2019 19:02

{IO}
"Un piccolo passo per un uomo, un grande passo per l'umanità"
5-7-2019 18:00

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Se fossi il passeggero in un'auto il cui conducente sta leggendo o inviando un Sms, protesteresti?
Sì, ma solo se sono in confidenza con l'autista. E comunque non mi sentirei molto tranquillo.
Sì, per la sicurezza di tutti.
No, se lo fa in un rettilineo o comunque in condizioni di sicurezza.
No, se il conducente è attento: non c'è motivo di protestare.
No, se sta solo leggendo. Sì, se sta inviando un messaggio.

Mostra i risultati (2275 voti)
Aprile 2021
Se l'FBI, zitta zitta, si mette a patchare i server altrui
Colpevoli di ransomware
Tutti gli home banking sono a rischio, se usi Facebook
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Robot assassini crescono
Tracker nelle app: cosa sta succedendo in Rete?
Recupero IVA: oltre il 50% non viene rivendicata
Quiz: sei in una zona senza copertura cellulare
Bitcoin, un dilemma etico
Hackerate 150mila videocamere di sorveglianza, tra cui quelle di Tesla
Personal killer robot
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 18 aprile


web metrics