L'app che spoglia nude le donne in pochi secondi

Con DeepNude i ''deepfake'' ora sono a portata di tutti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-06-2019]

deepnude main

Si chiama Deep Nude ed è un'app che Vice Motherboard, il sito che per primo l'ha individuata, ha già definito «spaventosa».

Ciò che fa è semplice da descrivere: a partire dalla foto di una donna (per ora con gli uomini non funziona, ma gli sviluppatori ci stanno lavorando) crea un'immagine che ritrae la stessa persona, ma completamente nuda.

Per farlo utilizza le ormai famose tecniche di intelligenza artificiale, sfruttando le reti neurali per creare una foto che sembri il più possibile simile a come dovrebbe apparire il soggetto dell'immagine se davvero si facesse ritrarre nudo.

Il grado di successo dell'operazione è variabile: negli esempi facilmente trovabili in Rete spesso si nota chiaramente come la foto risultante sia un fake o, per la precisione un deepfake.

Se però la foto è oggetto soltanto di un'occhiata rapida, o viene pubblicata in bassa risoluzione, si può senza troppa difficoltà venire ingannati.

Sondaggio
Qual è il momento tra questi in cui avverti il maggior bisogno di privacy?
Leggo gli annunci di lavoro in ufficio
Spio un/una mio/a ex sui social network
Utilizzo i social network in ufficio
Consulto l'online banking
Guardo foto o filmati a luci rosse
Invio o guardo foto private
Faccio shopping online

Mostra i risultati (1519 voti)
Leggi i commenti (4)

È quindi chiaro perché Vice ha bollato in quel modo DeepNude: gli abusi cui l'app si presta sono certamente più numerosi degli usi e, qualora venisse usata nei confronti di personalità fragili (come quelle degli adolescenti, che sono sempre i primi a provare questo genere di novità), potrebbe anche portare a conseguenze molto serie.

Dopotutto, le false foto pornografiche delle celebrità già esistono; DeepNude "democratizza" il processo di produzione di questo tipo di immagini e lo mette nelle mani di chiunque. Allo stesso modo, chiunque può diventare vittima.

gadot motherboard
Deepfake di Gal Gadot generato (e censurato) da Motherboard con DeepNude

«È assolutamente spaventoso» ha commentato Katelyn Bowden, fondatrice di Badass, un'associazione che si batte per le vittime del revenge porn. «Adesso chiunque può diventare una vittima del revenge porn, senza che nemmeno esista una foto che lo ritrae nudo. Questa tecnologia non dovrebbe essere a disposizione del pubblico».

Anche se l'immagine è costruita e non ritrae veramente il corpo del soggetto, chi la vede pensa di aver davvero visto nuda quella persona; l'effetto psicologico non è per nulla diverso da quello che scaturirebbe da una fotografia scattata per davvero.

DeepNude, il cui sito al momento in cui scriviamo è offline in quanto è stato preso d'assalto, esiste sia per Linux che per Windows ed è disponibile in due versioni: una gratuita, l'altra a pagamento (costa 99 dollari).

In entrambi i casi all'immagine elaborata viene sovrapposta una filigrana che la identifica chiaramente come fake. Nella versione gratuita, la filigrana copre una buona porzione dell'immagine; in quella a pagamento, invece, è relegata in un angolino e non sembra troppo difficile da togliere per gli esperti di Photoshop.

natalie motherboard
Deepfake di Natalie Portman generato (e censurato) da Motherboard con DeepNude

In fondo, è la versione tecnologica - e, fino a un certo punto, funzionante - degli occhiali a raggi X che un tempo si trovavano pubblicizzati sui giornali (e che, ovviamente, non funzionavano). Solo che le immagini che crea possono facilmente diventare di dominio pubblico e avere gravi conseguenze.

Quanto al suo creatore - che si fa chiamare Alberto e ammette di essersi ispirato proprio a quegli occhiali - egli si difende: «Non sono un guardone, sono un appassionato di tecnologia. Sto continuando a migliorare l'algoritmo. Di recente, anche a causa di fallimenti precedenti (altre startup) e di problemi economici, mi sono chiesto se potessi ottenere un ritorno economico da questo algoritmo. È per questo che ho creato DeepNude».

In fondo «quello che si può fare con DeepNude si può fare anche con Photoshop, dopo alcune ore di tutorial». «La tecnologia è pronta (è alla portata di tutti/» spiega ancora Alberto. «Quindi, se qualcuno ha delle cattive intenzioni, l'esistenza di DeepNude non cambia poi molto... Se non l'avessi fatto io, l'avrebbe fatto qualcun altro entro un anno».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
No, Facebook non vuole che gli mandiate le vostre foto intime per bloccarle
Manderesti le tue foto osé a Facebook per prevenire il revenge porn?
Google elimina il revenge porn dai risultati
Google blocca le vendette osé
Twitter prende posizione contro il revenge porn
Il primo porno girato coi Google Glass
Lo smartphone con visione a raggi X
La videocamera a raggi X
Raggi X con un rotolo di scotch
La videocamera che spia sotto i vestiti
Quelle maliziose gonne trasparenti giapponesi

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 14)

@Molok Giusto ciò che dici, la colpa non è del programmatore e io non gli do colpe dirette, ma dell'uso che potrebbe essere fatto della sua applicazione che, peraltro, immagino fosse prodotta comunque per permettere a lui di guadagnare soldi. Con le dovute cautele e proporzioni lui è innocente come chi ha studiato la fissione nucleare,... Leggi tutto
13-7-2019 14:01

è vero, c'è gente fragile al mondo, ma non puoi dare la colpa a questo programmatore, dai! L' effetto devastante e tragico, se mai ci dovesse essere, non sarebbe colpa del fotomontaggio o del software o del suo creatore, ma dei milioni di pecoroni che gli darebbero importanza. Scagliatevi dunque contro i pecoroni! contro chi inoltra... Leggi tutto
13-7-2019 04:18

Se permetti si. Se mettono la mia (brutta) faccia, su una tizia, che si sgrilletta a gambe aperte mi darebbe fastidio, e molto. Vorrei che il/la tizio/a che lo ha fatto crepasse, magari impalato/a lentamente. Con tutta la pornografia che c'è disponibile a cosa serve, se non per danneggiare la reputazione altrui? E poi si chiedono,... Leggi tutto
12-7-2019 00:13

@Molok A me quello che preoccupa di un'app del genere è l'effetto devastante e, potenzialmente, tragico che potrebbe avere sulle persone eventualmente colpite da un suo uso volontariamente distorto e diffamatorio. Non tutti reagirebbero allo stesso modo alla pubblicazione di una propria immagine senza veli ancorché fake, e ricordiamoci... Leggi tutto
11-7-2019 18:58

Ciao Maary79 :) :ciao: :ciao: se dobbiamo prendercela per tutte le inutilità che vengono prodotte o pensate ogni giorno, stiamo freschi! Il Tamagochi a suo tempo si diffuse molto più di questa app, ed era proprio quello che dici (la seconda riga che ho citato, per essere precisi) e si pagava!!! Voglio dire, oggi giorno esiste... Leggi tutto
11-7-2019 18:00

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi fa la coda fuori dal negozio per acquistare il nuovo iPhone / iPad / iPod il primo giorno è...
Un vero appassionato
Un fanatico
Un iDiota

Mostra i risultati (11814 voti)
Luglio 2019
Auto elettriche, arriva l'obbligo che facciano rumore
Modalità incognito per i siti a luci rosse? Google e Facebook ti tracciano lo stesso
WhatsApp, la truffa passa attraverso i file multimediali
Galileo fuori uso da quattro giorni, forse è colpa di un guasto in Italia
Lo pneumatico senz'aria di Michelin e GM
Track This inganna gli algoritmi pubblicitari (aprendo 100 schede!)
L'app che spoglia nude le donne in pochi secondi
Giugno 2019
Quattordicenne crea malware che rende inutilizzabili i dispositivi IoT
Fusione TIM e Open Fiber, un'operazione senza alternative
Apple richiama i MacBook Pro: rischiano di prendere fuoco
Falla zero-day in Firefox, gli hacker la stanno già sfruttando
Libra, la criptovaluta di Facebook, ufficialmente al via con il wallet Calibra
Se anche Sky usa i sottotitoli pirata
Il CERN lascia Microsoft e passa all'open source
VLC, corrette 33 falle grazie alle ricompense UE
Tutti gli Arretrati


web metrics