Lo smartphone 5G con Android, Linux e tastiera fisica

Astro Slide è praticamente un laptop in miniatura.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-04-2020]

astro slide 01

Nell'era degli smartphone completamente touch, in cui i produttori sembrano fare a gara per eliminare anche gli ultimi pulsanti fisici e connettori, c'è una piccola azienda che va controcorrente.

Si tratta della britannica Planet Computer, i cui prodotti di punta sono dispositivi che ricordano i vecchi Pda, ma rivisti e aggiornati per le esigenze attuali e in grado di competere con gli smartphone tradizionali, ma offrendo anche qualcosa in più.

L'ultimo nato si chiama Astro Slide 5G Transformer. È un telefono che supporta le reti mobili di quinta generazione dotato di uno schermo da 6,5 pollici che, fatto scorrere, rivela una tastiera Qwerty e si trasforma praticamente in un minuscolo laptop.

Per certi versi ricorda i suoi predecessori Gemini Pda e Cosmo Communicator, ma questi erano dispositivi "a conchiglia", mentre la decisione di adottare uno slider, ossia il sistema a scorrimento che svela la tastiera, è una caratteristica peculiare di Astro.

All'interno troviamo il SoC octa-core MediaTek Dimensity 1000 che, stando a quanto dichiara il produttore, «offre prestazioni doppie rispetto agli altri chipset 5G con un consumo energetico sensibilmente ridotto» ed è accompagnato da 6 Gbyte di RAM e 128 Gbyte di memoria interna (espandibile via microSD).

Lo schermo offre una risoluzione di 2340x1080 pixel mentre le fotocamere montano sensori da 48 megapixel (quella posteriore) e 5 megapixel (quella anteriore).

Non mancano due slot per le Sim tradizionali né il supporto alle eSim, e c'è anche il jack da 3,5 millimetri per gli auricolari, un'opzione che va scomparendo sugli smartphone moderni.

Per quanto riguarda il sistema operativo, Astro Slide monta Android 10 ma, come altri prodotti di Planet Computer, prevede la possibilità di installarvi una distribuzione Linux: così, e grazie alla possibilità di inclinare lo schermo una volta che lo si è fatto scorrere, si può davvero trasformare lo smartphone in un computer portatile di dimensioni ridottissime.

Come i suoi predecessori, Astro Slide diventerà realtà grazie a una raccolta fondi su Indiegogo che, al momento in cui scriviamo, ha già superato l'obiettivo.

Planet Computer prevede di iniziare a consegnare i primi esemplari tra un anno, ossia nel marzo del 2021. L'offerta speciale (e limitata) per chi sottoscrive la campagna consente di aggiudicarsene uno per 491 euro, mentre il prezzo ufficiale sarà superiore ai 700 euro.

Qui sotto, il video di presentazione e alcune immagini.

astro slide 02
astro slide 03
astro slide 04
astro slide

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Da Samsung uno smartphone a conchiglia
Lo smartphone con Linux in dual boot e tastiera completa

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

Io non ho resistito, ed anche se i tempi correnti consiglierebbero prudenza, l'ho ordinato sul backorder promo. E non vedo l'ora che arrivi marzo 2021. Ho avuto (ed ho ancora ;-) lo Psion 5Mx, il Nokia communicator 9300, il Motorola Milestone, il SonyEricsson X1... In pratica appena mettono una tastiera, è amore a prima vista! Spero... Leggi tutto
29-4-2020 12:20

In effetti è piuttosto intrigante... :wink:
23-4-2020 11:13

Io che odio gli smartphone e ancora non ne possiedo uno, sono affascinata da questo prodotto. :shock: :lol:
23-4-2020 01:55

A dirla tutto il prezzo di lancio su Indiegogo è addirittura assai allettante: 500 € per un dispositivo del genere, se veramente raggiungerà il mercato, non sono molti in fondo... ovviamente penso resterà un prodotto di nicchia.
22-4-2020 19:13

Il costo è in linea con quelli che allora erano i Nokia Communicator, o ancora prima con gli PSION (per chi se li ricorda) comunque il fatto che abbiano tecnologie radio sempre più complesse da gestire e brevetti da pagare oltre tastiera fisica trovo che il presso sia onesto. Ricordiamo anche che non hanno un sistema di produzione... Leggi tutto
2-4-2020 12:16

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1252 voti)
Agosto 2020
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Tutti gli Arretrati


web metrics