Siate i follower di voi stessi

Cassandra Crossing/ Dove vanno a finire i palloncini, quando escono dalle dita dei bambini?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-03-2021]

palloncini

I 24 lettori di Cassandra (o almeno i superstiti) sono avvezzi alle periodiche crisi esistenziali della loro profetessa preferita; non faticheranno quindi a riconoscere qui uno di quei momenti.

La sopravvivenza dei bit, enunciata in varie forma dall'intimistico al globale, è stata oggetto di una numerosa serie di esternazione passate di Cassandra, ad esempio qui e qui.

Scorrendole, si può notare che fino a oggi Cassandra ha trattato la sopravvivenza delle informazioni da vari punti di vista: culturale, storico, tecnologico; mai dal punto di vista della vita quotidiana.

Certo, le considerazioni che seguiranno sono ovvie, ma non sono banali; probabilmente non sono né ovvie né banali per molte persone nate in mezzo al digitale, o approdate a esso in maniera acritica.

In ambedue i casi si tratta di persone che non possiedono, per vari motivi, risorse concettuali per inquadrare i loro stessi comportamenti in Rete e le relative conseguenze.

Cassandra mantiene la speranza che le suddette persone (che non ha assolutamente intenzione di offendere) non siano ricomprese interamente nella classe di persone che di certi problemi se ne strasbattono, quindi vi ruberà qualche minuto esternando a riguardo.

Vi capita mai di chiedervi cosa succederà domani di quello che scrivete oggi? E tra un anno? Tra dieci? Quando non ci sarete più? E se, come sospetto, quello che scrivete viaggia ormai soltanto su supporti immateriali, vi chiedete mai cosa succederà dei bit che codificano i vostri pensieri congelati?

E' un problema con cui gli scrittori di ogni epoca, anche non informatica, hanno dovuto confrontarsi. E oggi chiunque usa la Rete, anche solo per i social, è diventato potenzialmente uno "scrittore" le cui "opere" potrebbero potenzialmente durare in eterno come i bit che le costituiscono: non è forse giunto il momento di pre-occuparsene?

Cassandra pensa di sì: si è resa conto di quanto anche solo un post o una chat possa essere importante e quindi meritevole di conservazione; sia per questo che per una forma di autodisciplina, ha cominciato sistematicamente a correggere i propri errori di battitura (e qualche rara volta di grammatica) che vengono ahimè spesso tollerati quando di chat o simili si tratta.

La ragione, quasi banale, è il non voler seminare bit "brutti" o peggio errati, anche in posti così poco "durevoli" come una chat o un social. Continua a fare insomma quello che la signorina Pia alle elementari pretendeva: che qualsiasi cosa vergata su un foglio, anche una brutta copia, fosse corretta; anche a costo di correggere qualcosa di apparentemente inutile.

Lo si potrebbe vedere come una di quelle auto-discipline, come la calligrafia dei giapponesi, di cui persino la sottocultura hacker-nerd sente molto la mancanza.

Ma correggere gli errori di battitura in una chat è solo il primo passo in una direzione giusta. Sì, perché viene subito alla mente (almeno a Cassandra) che cosa succederà delle parole appena scritte. Ed è immediatamente evidente che le parole, i pensieri delle chat durano quanto le parole pronunciate al vento. Se la mente di qualche ascoltatore non le fissa, spariscono nell'entropia dell'infosfera "come lacrime nella pioggia".

Allora cosa fare per le parole riversate in Rete, oltre che cercare di far durare i bit che le compongono? Facile: evitare di riversarle dove la caducità è la regola. E soprattutto, evitare di riversarle là dove non solo spariranno per la gente, ma resteranno solo per chi le riverserà nei propri tossici database, dove saranno utilizzate per la sorveglianza, per allevare AI dalla dubbia etica, o semplicemente per accrescere il proprio potere economico.

Una ricetta semplice: scrivere meno in chat e social, e più in mailing list, forum e articoli. E se qualcosa di particolarmente meritevole è uscito dalle nostre dita, salvarlo anche in posti come Archive.org.

Se poi fosse del (buon) codice, la più pura espressione del pensiero, salvatelo nel GitHub Arctic Code Vault, se riuscite ad arrivarci. Se è veramente buon codice, forse qualcuno lo farà per voi.

Ma intanto non buttate al vento delle chat e dei social tutte le vostre parole. Custoditele, preservatele. Siate i follower di voi stessi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Facebook, niente foto negli ospedali
e-privacy: lasciateci la faccia
Whatsapp obbliga gli utenti a regalare i dati a Facebook
Yahoo Gruppi chiude per sempre: le alternative
Il telefonino che ti ascolta e ti manda pubblicità delle cose di cui parli
Facebook ti paga se disattivi l'account
La maglietta del Camp
Twitter, arrivano i messaggi vocali
Il virus del programmatore
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Hacking di quotidiani, occasioni perse e guadagnate
Facebook voleva uno spyware per spiare meglio gli utenti
Telelavoro, Zoom invia a Facebook i dati degli utenti
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Captatori e trojan
Episodio IX: hacker di droidi
La scena hacker italiana e il caso Richard Stallman
Storie di hacker, campeggi e libertà
Cassandra Crossing/ Congiuntivo, virgola e bit
Cassandra crossing/ Overload informativo, overload sociale
Riflessioni di Cassandra/ Scrittore, giornalista, blogger o influencer?
''Tutti noi zombie'' reloaded
Truffati o indotti in errore?

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Oddio sto diventando come Cassandra... :wink: In ogni caso evito i social, che odio visceralmente, e per le chat mi limito al minimo indispensabile per mantenere i contatti interpersonali. Lettore 22 Leggi tutto
3-4-2021 15:06

E chissà se quella t mancante è un errore di digitazione o una correzione automatica implementa da AI che apprendono su basi dati tratte da social... :malol: :malol: :malol: ...Disse colei che posta dallo smartphone con tastiera 4×3 e ancora cerca di addestrare il t9 al suo particolare lessico! (Dite pure ciò che volete, ma questo tipo... Leggi tutto
31-3-2021 20:04

soprattutto andrebbe scritto con quattro T :wink: Lettore n°23 Buona Pasqua ! Leggi tutto
31-3-2021 15:13

Ecco, spero che Cassandra corregga anche questo articolo, detto da uno dei suoi 24 affezionati lettori :D Leggi tutto
31-3-2021 12:19

Sottoscrivo tutto. Aggiungerei anche la tragica sparizione del punto interrogativo, sparizione per me irritante, quando addirittura non rende sibillina una frase ("stai chiedendo o me lo dici?"). E il punto interrogativo non sparisce solo dalle chat (dove c'è magari la - debole - scusante della fretta), ma anche dai messaggi... Leggi tutto
31-3-2021 12:02

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (376 voti)
Aprile 2021
Colpevoli di ransomware
Tutti gli home banking sono a rischio, se usi Facebook
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Robot assassini crescono
Tracker nelle app: cosa sta succedendo in Rete?
Recupero IVA: oltre il 50% non viene rivendicata
Quiz: sei in una zona senza copertura cellulare
Bitcoin, un dilemma etico
Hackerate 150mila videocamere di sorveglianza, tra cui quelle di Tesla
Personal killer robot
La “truffa alla nigeriana” è un classico. Del sedicesimo secolo
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 15 aprile


web metrics