Riflessioni di Cassandra/ Scrittore, giornalista, blogger o influencer?

Crisi di identità e confusione di ruoli per un menestrello di Internet.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-07-2019]

fedez chiara ferragni

Cassandra, lo ha già detto millanta volte, ha avuto così tanto dalla Rete che sente il fortissimo obbligo morale di darle qualcosa in cambio, anche cose piccole e semplici ma che possano davvero valere qualcosa per gli altri. Ad esempio articoli come Economia della scarsità o dell'abbondanza o ED-209 ci aspetta dietro l'angolo.

È per questo che, fin da tempi antichi e non sospetti, riversa ogni tanto in Rete qualche bit, parole o altro; ha iniziato ai tempi in cui chi voleva pubblicare qualcosa doveva farsi da solo una sua pagina web su un suo sito web; Cassandra prediligeva scriversi l'HTML direttamente con il notepad, e qualche volta, scontenta degli editor dedicati, lo fa ancora.

Poi ovviamente sono nati i blog, i forum, le riviste digitali, le comunità sociali, PLOS, e così via; i posti in cui praticare la diffusione della conoscenza si sono moltiplicati, ma anche complicati.

Capire se quello che si scriveva era apprezzato e utile in passato avveniva con relazioni dirette, al massimo mediate dalla mail; col tempo visitatori unici, visualizzazioni, like, indici bibliometrici e impact factor sono diventati popolari, per molti importanti e per alcuni, come i ricercatori scientifici e gli influencer, importantissimi, anzi vitali.

Come tutti, Cassandra si è dilettata e appassionata ad alcune di queste misurazioni di popolarità, fino a quando una percezione degli sforzi che compiva e del tempo crescente che gli dedicava l'ha spinta, lentamente ma inesorabilmente, verso un improvviso ripensamento.

Cioè se avesse un valore, o se addirittura fosse "sano" preoccuparsi dei, beh diciamo "ascolti", di quello che scriveva.

Un valore positivo ce l'aveva; il pubblicare su riviste elettroniche dotate di blog per ogni articolo fornisce senz'altro un'utile piattaforma per capire se quello che si pubblica viene apprezzato. Niente di strano, solo un sano feedback.

Ma poi una distorsione, anzi una piccola depravazione, si è inserita strisciando, quello di desiderare che gli ascolti salissero, di avere un pubblico maggiore e più soddisfatto.

"Perché una depravazione? Cosa c'è di negativo in questo?" diranno gli interdetti 24 lettori. Beh, non l'avrei saputo spiegare 10 anni fa, e ancora adesso è difficile separare i fatti dalla propria opinione, ma ci provo lo stesso.

Chi ha dato contributi alla Rete, piccoli o grandissimi, lo ha fatto, nella maggior parte dei casi, non come lavoro ma come libera scelta, in molti casi assecondando un sentito dovere morale. Poi ci sono coloro che, lavorando in Rete, della popolarità hanno fatto uno strumento di autopromozione e quindi di reddito.

Ora, non c'è assolutamente niente di negativo nel guadagnarsi la pagnotta o la Tesla grazie alla Rete; per certi versi chi ci riesce senza "perdere l'anima" è davvero un fortunato mortale. Figure molto diverse rientrano in questa categoria; i due poli estremi sono, a parere di Cassandra, i ricercatori scientifici e gli influencer.

Sondaggio
Pensi che i bitcoin possano funzionare come valuta?
Certamente! Ci ho anche investito.
Sì, purché vengano sottoposti a regolamentazione.
Forse in futuro.
No.
Non ho ancora capito che cosa sia un bitcoin esattamente.

Mostra i risultati (2308 voti)

Di nuovo, per un ricercatore, figura pura e positiva del nostro immaginario collettivo, non c'è niente di male nel cercare di alzare il proprio impact factor, è spesso una cosa essenziale per il proprio lavoro, mica tutti sono Albert Einstein nel suo annus mirabilis.

Ma se questo da forma al proprio lavoro, se in casi estremi porta a plagi o falsificazioni, è la strada che porta alla perdizione.

Diverso ma alla fine simile è il caso di un influencer, qualcuno che cerca la popolarità, particolarmente sui social, esclusivamente per monetizzarla, vendendosi come pubblicità. Fornendo al proprio "pubblico" informazioni non vere spontanee ma imposte e manipolate.

Decenni or sono un nuovo conoscente che diceva di fare il pubblicitario, interrogato su cosa facesse esattamente mi rispose: "Io sono uno di quelli che avvelenano la vostra mente per obbligarvi a fare quello che altri ci chiedono di farvi fare". Me lo ricordo ancora adesso. No, non fa proprio per me.

Questi due esempi sono quanto di meglio posso fare per spiegare perché Cassandra ritiene questi comportamenti una delle tante sfaccettature del Male; come sempre affascinante, seduttivo e magari premiante, ma che porta inevitabilmente alla corruzione sia propria che altrui e alla perdita di sé stessi.

Cassandra ci ha messo anni per accorgersi che questa fascinazione la stava corrompendo; se ne è resa conto quando ha cominciato a controllare prima ogni tanto e poi con insistenza le visualizzazioni dei propri video artigianali.

Percepire la convergenza tra sé stessa, Fedez, Aranzulla e Flora è stato improvviso e devastante. Una improvvisa "percezione dell'abisso".

La reazione, ve lo giuro, è stata immediata, radicale e semplice. E' avvenuto quello che il primo Freud diceva della nevrosi; quando un malato si rende contro della propria nevrosi, questa sparisce. Freud si accorse poi che le nevrosi, purtroppo, non funzionano così ma nel mio caso ha funzionato.

Questo flash di consapevolezza mi ha lasciato anche in dote la capacità di accorgermi di questi comportamenti, propri e di altri, e di rifiutarli immediatamente.

Certo, Cassandra ha la fortuna di poter semplicemente "rifiutare"; di non dipendere dai propri articoli per la pagnotta, e quindi potersi permettere una reazione radicale.

La risposta "giusta" resta comunque di questo tipo per tutti coloro che si riconoscessero in questo identikit; la consapevolezza di star facendo qualcosa di "sbagliato" e da evitare sempre, quanto e come possibile.

Sulla questione, in occasione dell'ultimo San Valentino, Cassandra si è pubblicamente confessata a riguardo e ha fatto ammenda; per fortuna pochi l'hanno guardata... ;-)

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Siate i follower di voi stessi
Lavoro in Italia: soddisfatti o rassegnati?
Bug nel Blocco Note di Windows consente di eseguire codice da remoto

Commenti all'articolo (1)

{sacozzasa}
Incidentalmente, basta guardare la foto nell'articolo, con il bambino pixelato, per capire che viviamo in una società con problemi profondi, Calamari. Le masse sono come un pendolo: oscillano da un eccesso a quello opposto, con tempi più o meno lunghi. Anche questo finirà.
9-7-2019 19:59

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual è il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google è veramente brutta! Più che un auto è un'ovovia.
Ci toglierà il piacere di guidare e la nostra vita sarà un po' più triste.
Avrà un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarà maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi più lunghi o più lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non è chiaro di chi sarà la responsabilità civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
Sarà esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocità o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno più: già immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (1983 voti)
Aprile 2021
Aggiornamento Windows 10, problemi di tutti i tipi
Se l'FBI, zitta zitta, si mette a patchare i server altrui
Colpevoli di ransomware
Tutti gli home banking sono a rischio, se usi Facebook
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Robot assassini crescono
Tracker nelle app: cosa sta succedendo in Rete?
Recupero IVA: oltre il 50% non viene rivendicata
Quiz: sei in una zona senza copertura cellulare
Bitcoin, un dilemma etico
Hackerate 150mila videocamere di sorveglianza, tra cui quelle di Tesla
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 21 aprile


web metrics