Intel: la scarsità di chip continuerà almeno fino al 2023

Prepariamoci a un autunno di prezzi elevati.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-07-2021]

intel mancanza chip

Se dovete cambiare l'intero PC, o anche solo qualche parte di esso, sappiate che i prossimi mesi non vi faciliteranno l'operazione.

Da tempo il mercato dei componenti soffre di un'apparentemente cronica carenza di disponibilità e, a quanto pare, il panorama non è destinato a cambiare nel breve periodo.

Ad affermarlo è George Davies, CFO (Chief Financial Officer) di Intel, il quale ha dichiarato che ci vorranno ancora «diversi trimestri» prima che l'offerta ritorni a soddisfare pienamente la domanda.

Davies si esprime ad appena due giorni di distanza da Pat Gelsinger, che di Intel è CEO: anch'egli aveva pronosticato una lunga durata della mancanza di componenti, prevedendo che prima del 2024 non ne avremmo visto la fine.

In particolare, secondo il gigante dei chip, a soffrire le conseguenze di questa situazione sarà il mercato rivolto all'utenza domestica, mentre invece quella aziendale dovrebbe reggere un po' meglio il colpo.

È ben possibile, quindi, che nei prossimi mesi i prezzi di processori, schede madri e via di seguito prendano a salire a causa della scarsità.

Intanto, Intel non ha intenzione di restare con le mani in mano, anche se l'idea che ha in mente per migliorare il panorama servirà del tempo: è infatti interessata ad acquisire GlobalFoundries (con una spesa stimata di 30 miliardi di dollari), l'azienda nata dalla divisione di AMD nel 2009 e che si occupa della produzione di chip.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

Forse che i prezzi dei componenti erano scesi troppo e chi ha il controllo del mercato ha deciso di riguadagnarci di più? :? Certo che Intel abbia una strategia volta ad abbassare i prezzi dei componenti mi lascia piuttosto perplesso ed incredulo a meno che, cosa assai più probabile, il suo intento sia di diminuire di tanto i costi di... Leggi tutto
1-8-2021 11:24

{Sergio}
Prepariamoci a non sostitire materiale tecnologico inutilmente.
30-7-2021 19:16

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Se fossi il passeggero in un'auto il cui conducente sta leggendo o inviando un Sms, protesteresti?
Sì, ma solo se sono in confidenza con l'autista. E comunque non mi sentirei molto tranquillo.
Sì, per la sicurezza di tutti.
No, se lo fa in un rettilineo o comunque in condizioni di sicurezza.
No, se il conducente è attento: non c'è motivo di protestare.
No, se sta solo leggendo. Sì, se sta inviando un messaggio.

Mostra i risultati (2428 voti)
Dicembre 2022
L'app open source per vedere YouTube senza seccature
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
La truffa del cosmonauta bloccato nello spazio
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 4 dicembre


web metrics