Xiaomi abbandona il marchio Mi con il nuovo top di gamma

Lo Xiaomi MIX 4 è il primo a montare la fotocamera frontale al di sotto del display.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-08-2021]

Xiaomi Mix 4

È servito per farsi conoscere al di fuori della Cina: era un marchio più facile da pronunciare e memorizzare di Xiaomi. Ma, ora, Mi non serve più.

Ha svolto bene il suo compito: negli anni trascorsi dalla sua introduzione, nel 2010, a oggi, Mi ha portato Xiaomi a diventare il secondo maggior produttore di smartphone al mondo, subito dietro a Samsung.

Il successo ottenuto ha fatto sì che ormai il nome dell'azienda cinese non sia più una parola misteriosa, ma un nome comunemente riconosciuto: pertanto, il vecchio e a suo modo glorioso marchio Mi può andare in pensione, e lasciare spazio al solo Xiaomi.

Il prodotto incaricato di inaugurare il nuovo corso è il successore dello smartphone Xiaomi Mi MIX 3, che si chiama semplicemente Xiaomi MIX 4: ha già debuttato in patria ed è atteso nelle prossime settimane anche da noi.

Il MIX 4 è il nuovo prodotti di punta di Xiaomi. Basato sul SoC Qualcomm Snapdragon 888+ con 8 o 12 Gbyte di RAM e 128, 256 o 512 Gbyte di memoria interna, offre uno schermo da 6,67 pollici con risoluzione Full HD+ e sistema operativo Android 11 con interfaccia MIUI 12.5.

Supporta la connettività 5G, Wi-Fi 6E e Bluetooth 5.2, è classificato IP68 per la resistenza all'acqua e alla polvere e monta una fotocamera posteriore il cui sensore principale è da 108 megapixel; a esso si accompagnano un sensore grandangolare da 13 megapixel e un sensore telescopico da 8 megapixel.

Degna di nota è la soluzione scelta per la fotocamera anteriore: il MIX 4 è infatti il primo smartphone di Xiaomi a implementare la soluzione denominata CUP, Camera Under Panel. In altre parole, l'obiettivo (con sensore da 20 megapixel) si trova al di sotto dello schermo, al quale quindi evita di sottrarre spazio.

Il corpo dello smartphone è in alluminio e il peso complessivo del prodotto è di 225 grammi. La batteria da 4.500 mAh supporta la ricarica rapida sia in modalità wireless (50 Watt) che in modalità cablata (120 Watt).

I prezzi in Cina partono da 4.999 yuan (pari a quasi 660 euro) per la versione con 8 Gbyte di RAM e 128 Gbyte di memoria interna e arrivano a 6.299 yuan (pari a quasi 830 euro) per la versione con 12 Gbyte di RAM e 512 Gbyte di memoria interna.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Xiaomi Mi A2 e Mi A2 Lite, chi ha detto che un buon smartphone deve costare tanto?
Mi Max, lo smartphone da 6,44'' di Xiaomi
Mi 5 di Xiaomi è lo smartphone cinese più interessante del MWC
Xiaomi è la nuova Samsung?
Dalla Cina arriva il simil-iPhone economico

Commenti all'articolo (2)

Mi sembra una prassi piuttosto comune da parte dei produttori di smartphone - a parte ovviamente Apple - di partire con proposte molto interessanti sia livello di funzionalità, caratteristiche e prezzo poi, una volto guadagnato il mercato, adeguare i prezzi alla fascia alta della concorrenza. Se non ricordo male anche Samsung partì in... Leggi tutto
28-8-2021 13:47

{upside down}
Ormai Xiaomi si è Samsunghizzata, ed ha smesso di essere interessante ai miei occhi. Via libera ai nuovi venuti, che ripercorrono la stessa strada, ma si trovano a livelli di prezzi non ancora ridicoli. Infatti è ridicolo che uno smartphone costi metà (o pìù) dello stipendio di buona parte della... Leggi tutto
26-8-2021 16:14

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è lo strumento di informazione di cui ti avvali di più?
I media tradizioniali (Tv, radio, stampa, ecc.)
Internet, soprattutto i siti autorevoli (Repubblica, Corriere, ecc.)
Internet, soprattutto i siti indipendenti o di controinformazione
Internet, soprattutto i social network (Twitter, Facebook, ecc.)
Non mi fido di nessun media e credo solo a quello che vedo

Mostra i risultati (3157 voti)
Luglio 2022
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 2 luglio


web metrics