La falsa app di Squid Game che nasconde un malware

Il ben noto Joker sottoscrive servizi a pagamento e sottrae messaggi e contatti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-10-2021]

squid game app malware joker

«Per tutto c'è un'app» diceva Apple agli albori dell'era dell'iPhone, e la convinzione che davvero esista un'app legata a ogni singolo evento o situazione, specialmente se di grande popolarità, è rimasta.

Così, a seguito del grande successo della miniserie Netflix Squid Game , i numerosi fan si sono precipitati sul loro app store preferito e hanno scaricato quella che pareva l'app ufficiale, senza preoccuparsi troppo di verificarne la provenienza o di leggerne le recensioni.

Così facendo hanno installato sul proprio smartphone l'apparentemente immortale malware Joker, che da tempo infesta il Play Store nonostante i tentativi di Google di rimuoverlo.

Non tutte le app che affermano di essere legate a Squid Game contengono il malware. Sebbene un'app ufficiale non esista, per la maggior parte si tratta di innocui software creati sull'onda del successo della serie e che altro non fanno se non mostrare delle pubblicità, giustificando la propria esistenza con la fornitura di qualche sfondo ricavato da screenshot presi dagli episodi o con altri piccoli "servizi" del genere.

In qualche caso, però, come ha scoperto l'esperto di sicurezza Lukas Stefanko, il pericolo è ben più reale.

Joker, infatti, oltre a dimostrare una notevole abilità nello sfuggire ai rilevamenti, una volta installatosi sul dispositivo della vittima va a colpire il portafogli, attivando sottoscrizioni a servizi a pagamento, e la privacy, sottraendo messaggi di testo, contatti e informazioni sullo smartphone.

Al momento in cui scriviamo l'app indicata da Stefanko è già stata rimossa dal Play Store (dopo essere stata scaricata oltre 5.000 volte), ma le varianti di Joker non fanno che moltiplicarsi e, come abbiamo visto, non faticano a intrufolarsi tra i milioni di app legittime.

Gli utenti faranno bene quindi a stare attenti prima di installare un'app, anche se dall'aria ufficiale, aiutandosi con le recensioni e informandosi innanzitutto per capire se davvero esista un'app ufficiale per quel dato evento o quella data situazione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il malware che si diffonde col software pirata
Apple: il livello di malware per macOS è inaccettabile
Il malware misterioso che ha già infettato 30.000 Mac
Sgominato Emotet, la madre di tutti i malware
Campagna malware ancora in corso colpisce Linux, soprattutto in Italia
Come si vendono i malware sul dark web? La storia del nuovo Rogue
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Malware e codici QR: smartphone bersagli interessanti, utenti distratti
Malware negli smartphone a basso costo ruba dati e denaro
Il giustiziere mascherato che sostituisce il malware con Gif animate
Intel annuncia i processori con anti-malware incorporato
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema

Commenti all'articolo (3)


L'eterna lotta tra il bene ed il male... anzi il malware. :wink:
23-10-2021 15:18

{warum}
Non dovrebbe essere l'utente a farsi carico di capire se un'app contiene malware. Cosa ne sa un utente di informatica, e specificamente di malware? Da cosa capisce che c'è un malware? Dalle recensioni?!? Forse per qualche app, ma certamente non per la loro stragrande maggioranza. Semplicemente Google non fa il... Leggi tutto
23-10-2021 08:45

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Saresti favorevole a una "tassa sull'ADSL" per poter scaricare film e musica liberamente?
S
No
Non lo so.

Mostra i risultati (13348 voti)
Dicembre 2021
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 8 dicembre


web metrics