Da Microsoft un notebook per la scuola con Windows 11 SE

Il sistema operativo per gli studenti debutta insieme al Surface Laptop SE, dal costo davvero economico.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-11-2021]

Windows 11 SE Surface Laptop

Se ne parlava da un po', ma ora Microsoft ha deciso di annunciarlo ufficialmente: Windows 11 SE esiste.

SE non sta per Second Edition, come chi utilizzava i PC al tempo di Windows 98 potrebbe pensare, ma, pur non possedendo uno scioglimento ufficiale, dovrebbe stare per Student Edition o School Edition: i destinatari primari, infatti, sono quanti operano nel campo dell'educazione, come annunciato sulla pagina dedicata del sito di Microsoft.

Dal punto di vista delle funzionalità, si tratta del successore di Windows 10 S, rispetto al quale però dovrebbe essere meno limitante, pur offrendo soltanto un sottoinsieme delle possibilità del sistema operativo completo.

Windows 11 SE infatti non obbliga l'utente a installare soltanto le applicazioni presenti nel Microsoft Store: la compatibilità con tutte le applicazioni Microsoft per Windows è garantita, e anche il supporto a certe applicazioni di terze parti (come Chrome o Zoom, in tempi recenti diventato importante per la didattica) è presente, anche se l'elenco completo delle app utilizzabili non è ancora stato svelato.

Le limitazioni di Windows 11 SE si riscontrano pure nell'interfaccia, che è stata modificata con l'intento dichiarato di renderla maggiormente "pulita" al fine di evitare le distrazioni durante le lezioni: non ci sono i widget, per esempio, e ogni applicazioni si avvia a schermo intero; pare che quest'ultima caratteristica sia stata inserita dietro un'esplicita richiesta avanzata da studenti e insegnanti ascoltati durante la fase di sviluppo.

In generale, questa incarnazione di Windows dovrebbe inoltre essere meno avida di risorse rispetto a quella principale, così da funzionare su notebook "leggeri" (ossia dotati di componenti meno potenti e, pertanto, più economici) e, a tutti gli effetti, vorrebbe insidiare la posizione dominante che i Chromebook hanno conquistato tra gli studenti, specialmente negli Stati Uniti.

I primi dispositivi di terze parti equipaggiati con Windows 11 SE inizieranno ad apparire nelle prossime settimane e nel corso dei primi mesi del 2022, ma in occasione della rivelazione Microsoft ha già presentato la propria proposta, che prende il nome di Surface Laptop SE (e che sarà in vendita all'inizio del prossimo anno).

Venduto ad appena 249 dollari, offre un display da 11 pollici con risoluzione di 1366x768 pixel, processore Intel Celeron N4020 o N4120, 4 o 8 Gbyte di RAM, 64 o 128 GB di memoria interna eMMC, webcam da 1 megapixel, una porta USB-C, una porta USB-A e jack da 3,5 millimetri.

Si tratta di una dotazione evidentemente molto essenziale ma generalmente sufficiente per l'esecuzione delle applicazioni scolastiche; inoltre il costo davvero contenuto potrebbe rendere il Surface Laptop SE una scelta interessante per quanti si devono dotare di un computer portatile per la scuola ma non hanno le risorse per puntare a un modello tradizionale, o per quegli istituti che intendano acquistare in blocco molti esemplare da dare agli studenti.

Un ulteriore dettaglio interessante che Microsoft sottolinea di questo prodotto è l'elevata riparabilità: se i Surface visti sino ad ora costituiscono un incubo per chi deve metterci le mani, il Surface Laptop Se è realizzato in maniera tale da poter essere smontato con facilità dai responsabili IT delle scuole e affinché i singoli componenti possano essere sostituiti senza troppa pena.

Qui sotto, il video di presentazione del Surface Laptop Se.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Microsoft, ecco i primi laptop con processore Arm
Schermo doppio, tastiera Bluetooth e Windows 10X
Windows Lite: un Windows 10 leggero per far guerra a Chrome OS
La versione snella di Windows 10, senza sfondi né app superflue
Microsoft: tutti i nuovi Pc con Windows 10 saranno limitati alla modalità S
Windows 10 diventa Polaris: modulare e leggerissimo, ma non retro compatibile
Windows 10 S violato in appena tre ore con le macro di Word
Windows 10 su Arm? Intel non ci sta
Arriva Windows 10 S, il sistema operativo per studenti
Windows 10 Cloud, la risposta di Microsoft a Chrome OS
Con il tablet Surface RT Microsoft ti regala la tastiera
Windows RT, prezzo in ribasso per favorire vendite tablet
HTC non produrrà tablet 12" con Windows RT: poca domanda
Microsoft, il mouse con il tasto Start
Microsoft Surface RT debutta in Italia tra i bug
Microsoft addestra i suoi a distinguere tra Windows 8 e RT
Niente macro e VBA per Office RT

Commenti all'articolo (1)

Messa così sembra quasi meglio della versione completa... Leggi tutto
21-11-2021 14:11

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è l'affidabilità dell'informazione su internet?
La rete è piena di giornalisti non professionisti che scrivono per lo più sulla base del sentito dire, senza una reale verifica dei dati.
Può andar bene per farsi un'idea velocemente, ma è carente se dall'informazione si vuole approfondimento e commento.
L'informazione reperibile in rete è del tutto paragonabile per contenuti e affidabilità a quella dei media tradizionali.
La qualità dell'informazione su internet è certamente più varia di quella offerta dai media tradizionali, ma sapendo scegliere siti e fonti giuste può essere superiore.
Internet è l'ultima frontiera dell'informazione libera e non irreggimentata.

Mostra i risultati (3268 voti)
Gennaio 2022
Iliad e Vodafone, fusione in vista
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Il nuovo, vecchio e doppio laptop di Cassandra
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 25 gennaio


web metrics