Chi difende gli adulti?

Cassandra Crossing/ Gli automatismi e il tecnocontrollo che portiamo anche in tasca sono pericolosi? In che modo? E cosa vuol dire in pratica “essere un falso positivo”?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-08-2022]

eye europe

Ci sono storie che appaiono e scompaiono tra le notizie, e che invece restano indelebilmente stampate nella mente di Cassandra, come suoi peccati; profezie che ha enunciato, ma non con abbastanza forza. Ci sono storie che per fortuna hanno un lieto fine, che tuttavia, a volerlo ben esaminare, tanto lieto non è, e che proprio per questo hanno una morale evidente. Ci sono storie che alla fine contengono anche una seconda morale, ben nascosta e ancora più importante, importante per tutti noi.

È il caso di questa notizia, apparsa per la prima volta il 21 agosto sul New York Times e immediatamente ripresa da Slashdot, e che i distrattissimi media nazionali non hanno per ora mai considerato. I fatti risalgono a febbraio, e riguardano la storia di due genitori americani il cui figlio piccolo un giorno si è ammalato, ma invece del solito mal di gola o dolore di pancia ha manifestato una preoccupante irritazione ai genitali.

Cosa avreste fatto nei loro panni? Avreste telefonato al medico. Il medico non c'era, e la segretaria, molto opportunamente, dopo essersi fatto spiegare il problema, ha suggerito di mandare una foto al dottore in modo che potesse anticipare la diagnosi. Così hanno fatto; il dottore ha prescritto un antibiotico e tutto si è risolto nel migliore dei modi. Solo dal punto di vista medico, però.

Sì, perché le foto dell'inguine e annessi del bambino sono state scattate con uno smartphone Android. Lo smartphone Android utilizzava il backup nel cloud, che Google cerca in tutti i modi di far abilitare ai propri utenti, chissà perché.

Le foto sono quindi finite nel cloud dove, nel caso non lo sapeste, sono state scansionate da un sistema di verifica di contenuti pedopornografici. I famosi "filtri dei contenuti". Chissà, forse un'Intelligenza Artificiale.

Le foto in questione apparivano tali, e quindi sono state passate a una verifica manuale. Probabilmente a un "consulente" stressatissimo in un paese remoto dove la manodopera costa poco, un poveraccio con la testa piena (per motivi "professionali") di schifezze. Il poveretto non si è accorto dell'irritazione cutanea, ha padellato la valutazione e ha fatto partire le procedure di Google del caso.

L'account è stato sospeso con una mail di comunicazione minacciosa ma generica, e una copia di tutti i dati dell'account è stata inviata alla polizia, che ha cominciato un'indagine criminale. Nel frattempo i genitori, che avevano affidato tutte le loro informazioni digitali a Google e solo a Google (madornale errore!), si sono trovati improvvisamente privati di tutta la loro vita digitale.

Dopo un mese, diciamo "per fortuna", è arrivata la comunicazione delle indagini in corso con relativa convocazione, cosa che ha finalmente permesso ai genitori di presentare le loro ragioni senza continuare a rimbalzare su muri di gomma. Si erano fatti preparare una dichiarazione del medico che ha subito convinto l'investigatore; quindi, con i tempi dovuti, supersonici rispetto a quelli italiani, è stato comunicato il non luogo a procedere.

Lieto fine? Certamente, considerando il fatto che se l'investigatore fosse stato distratto come l'impiegato di Google, i genitori potevano vedersi sottratto il figlio dai servizi sociali, e anche finire in galera, in isolamento, perché non è sano essere in mezzo ad altri detenuti con la reputazione di molestatori di bambini.

No, nessun lieto fine, solo il meno peggiore, per due buoni motivi. Il primo motivo è quello che Matteo Flora chiamerebbe in maniera asettica "danno reputazionale", cioè il fatto che la notizia è comunque trapelata, e quella successiva del non luogo a procedere non si diffonderà mai con la stessa ampiezza.

Il secondo motivo, e questa è la "morale nascosta", è che Google si è rifiutata ufficialmente e decisamente di riattivare l'account, malgrado la prova incontrovertibile che la loro segnalazione era totalmente errata. Lo scarno messaggio informava che l'account era stato permanentemente cancellato, e che il giudizio di Google è inappellabile. Interrogati nuovamente su questo punto, l'inappellabilità e la cancellazione totale dell'account sono state confermate.

Questo è tutto per quanto riguarda la cronaca. Vediamo ora la lezione da apprendere e la morale "nascosta" sottostante. Si tratta di un ottimo e purtroppo normale esempio di cosa gli utenti sono per le multinazionali dell'informatica. Merce da vendere, e in casi come questi "falsi positivi" dei loro filtri automatici. Mai esseri umani, men che mai clienti, figuriamoci vittime innocenti di errori. Quindi indegni di protezione, privi di diritti, "ammanettati" da decine di migliaia di parole delle condizioni d'uso sempre in continuo mutamento.

L'unica possibilità per gli incauti genitori (incauti dal punto di vista informatico, per la mancanza di backup, e per la scarsa tutela della privacy loro e del figliuolo) di riavere la propria vita digitale è stata quella di chiederlo alla polizia, che è l'unica detentrice di una copia integrale dei dati del loro account.

E sapete la buona notizia? Molto più umanamente di Google, la polizia ha assicurato che faranno tutto il possibile per aiutarli. Forse loro si sentono leggermente in colpa per aver perseguito degli innocenti. Google invece evidentemente no, malgrado un antico "Don't be evil".

Ma questo è del tutto naturale, perché le multinazionali ovviamente non hanno una coscienza. Sono esseri non umani, il cui unico scopo è pagare i dividendi agli azionisti. Fanno tanta pubblicità sui temi politically correct del momento, ma solo come investimento per le public relations; sotto sotto restano schiacciasassi, macinatori di profitti e, quando capita, di persone.

L'unica possibilità di cambiare qualcosa è in mano ai consumatori/elettori. Devono usare la stessa cura nella scelta dei cellulari e dei servizi internet che usano per fare la spesa al supermercato o per scegliere l'automobile. E pretendere di essere rispettati come cittadini, e non massacrati da un crescente tecnocontrollo, risibilmente mascherato da buone intenzioni.

L'Unione Europea sta per farlo con Chatcontrol 2, bisognerebbe cominciare da li.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Genitori indagati dopo aver mandato foto dei figli ai medici

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Zoom e la privacy ''alla cinese''

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 15)

In quel caso direi sia pure reiterazione del reato...
17-9-2022 15:16

Ma non è solo il reato, E anche una stronza nel voler pervicacemente pretendere di avere ragione.....
17-9-2022 15:09

@zeross Sì, certo, non mi sono espresso correttamente, non è una stronza ma un reato che, purtroppo, in un paese dove i soldi fanno vincere o perdere le cause più che in altri paesi, resterà impunito per le ragioni da te espresse.
17-9-2022 11:49

No Gladiator, Google non ha fatto una stron2ata, ha commesso, mediante i suoi dipendenti un o più reati penali! Se sapevano che erano innocenti ha compiuto il reato di Callunnia e diffamazione; se invece credevano veramente a quello che hanno scritto, allora hanno compiuto il reato di simulazione. In ogni caso negli stati unti non c'è la... Leggi tutto
13-9-2022 15:58

Posso capire ed essere anche d'accordo ma, a mio giudizio, la str... più grossa l'ha fatta Google, i genitori possono peccare di ingenuità o scarsa preparazione - non è molto giustificabile ma possibile - Google dovrebbe verificare con più accortezza prima di accusare qualcuno di pedo pornografia e, a maggior ragione, sistemare le cose... Leggi tutto
9-9-2022 17:20

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste minacce all'ambiente ritieni che sia quella da affrontare con maggiore urgenza?
La drastica riduzione della biodiversità: alcune stime ritengono che oltre cento specie ogni giorno si estinguano, compromettendo l'ecosistema in maniera irreversibile.
L'assottigliamento della fascia dell'ozono che protegge dagli ultravioletti dannosi: l'utilizzo di certi materiali (come i CFC) assottiglia lo strato di ozono mettendo in pericolo l'intero pianeta.
I cambiamenti climatici: l'aumento della temperatura causato dai gas serra può portare all'innalzamento dei mari e ad altre catastrofi, come inondazioni, siccità e tempeste.
I rifiuti tossici: dai pesticidi agli erbicidi fino alle scorie nucleari, tutti questi scarti hanno effetti dannosi sull'ambiente per molti anni dopo la loro produzione, contaminando acqua, aria e terra (e tutto quanto vi cresce).
L'impoverimento degli oceani: la pesca eccessiva ha decimato la fauna ittica, colpendo in particolare i grandi pesci predatori. A questa si aggiungono i rifiuti (specialmente in plastica) scaricati negli oceani e l'aumento dell'acidità dei mari.

Mostra i risultati (1859 voti)
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
La truffa del cosmonauta bloccato nello spazio
Windows 11, inizia la seconda fase degli update
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 27 novembre


web metrics