Windows 11 ridurrà i riavvii

Grazie alle “patch a caldo” il reboot dopo l'installazione di ogni aggiornamento di sicurezza non sarà più necessario.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-02-2024]

Uno degli aspetti più seccanti degli aggiornamenti di Windows è la loro abitudine di installarsi a proprio piacimento e, una volta completata l'operazione, richiedere insistentemente il riavvio del PC, operazione che a volte viene pure compiuta all'insaputa dell'utente, che può anche rischiare di perdere dei dati.

Per questo motivo diversi utenti cercano di rimandare gli aggiornamenti il più possibile, sospendendoli tramite le opzioni offerte da Windows Update o affidandosi a strumenti di terze parti, ma esponendosi al poco piacevole effetto collaterale di adoperare un sistema non protetto con le ultime patch di sicurezza.

Secondo quanto rivela Windows Central, Microsoft è cosciente di questa situazione e sta lavorando a un modo per installare gli aggiornamenti del sistema operativo senza che questi comportino anche un riavvio del computer.

Questo comportamento, definito Hot patching (Patch a caldo), non è in realtà una novità assoluta per Windows: è già operante su alcune edizioni di Windows Server e su Xbox; ora però sta per debuttare sulla versione consumer del sistema, ossia Windows 11.

Microsoft spiega che il sistema di patch a caldo «Funziona applicando patch al codice in memoria dei processi in esecuzione senza dover riavviare il processo».

In Windows 11, questa modalità verrebbe adoperata per l'applicazione degli update mensili di sicurezza, ma non a tutti gli aggiornamenti in modo indiscriminato: anche quando sarà introdotta, quindi, ci saranno update che richiederanno un riavvio, ma il loro numero sarà decisamente inferiore rispetto a quello attuale.

Se tutto andrà come previsto, le patch a caldo saranno ufficialmente introdotto con il lancio di Windows 11 24H2, l'aggiornamento del sistema operativo previsto per la seconda metà di quest'anno.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Microsoft: l'Intelligenza Artificiale eliminerà i riavvii fastidiosi di Windows Update
Spegnere o riavviare il Pc evitando gli aggiornamenti
Disabilitare il riavvio automatico

Commenti all'articolo (2)

Personalmente ritengo che, considerata la notoria capacità di degli update di creare problemi, una cosa del genere potrebbe solo far aumentare i BSOD. :twisted:
2-3-2024 15:41

Per ridurre il numero dei riavvii di Windows 11 basta ridurre il numero dei computer su cui è installato windows 11! :twisted:
28-2-2024 17:16

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
E' corretto utilizzare i social network in ufficio?
Sì, perché offrono numerose occasioni per migliorare la propria produttività.
Sì, perché sono strumenti validi per condividere opinioni lavorative con amici e colleghi.
Sì ma con moderazione: una pausa di cinque minuti ogni tanto allenta la tensione e migliora la produttività.
No, perché la commistione tra aspetti privati e professionali generata dall'utilizzo di questi strumenti potrebbe causare problemi sul posto di lavoro.
No, perché non è corretto scambiare opinioni relative a questioni lavorative attraverso i social media.
No, perché hanno un impatto negativo sulla produttività.
Non saprei.

Mostra i risultati (2192 voti)
Aprile 2024
TIM, altre ''rimodulazioni'' in arrivo
L'algoritmo di ricarica che raddoppia la vita utile delle batterie
Hype e Banca Sella, disservizi a profusione
Falla nei NAS D-Link, ma la patch non arriverà mai
La navigazione in incognito non è in incognito
Le tre stimmate della posta elettronica
Amazon abbandona i negozi coi cassieri a distanza
Marzo 2024
Buone azioni e serrature ridicole
Il piano Merlyn, ovvero la liquidazione di Tim
Falla nelle serrature elettroniche, milioni di stanze d'hotel a rischio
L'antenato di ChatGPT in un foglio Excel
La valle inquietante
La crisi di Tim e la divisione sindacale
La fine del mondo, virtuale
WhatsApp e Messenger aprono agli altri servizi di chat
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 22 aprile


web metrics