Quei messaggi nascosti nei Bitcoin

All'interno della valuta virtuale è possibile inserire messaggi segreti: una curiosità che sta trasformandosi in un problema molto serio.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-05-2013]

bitcoin messaggi segreti

C'è una caratteristica poco nota di Bitcoin, la moneta virtuale che ultimamente sta conoscendo un buon successo: la possibilità di inserire messaggi segreti.

Grazie a una particolarità propria del progetto Bitcoin stesso, ogni miner può inserire dei dati in un nuovo blocco, e chiunque può inserire un messaggio in una transazione (con un effetto collaterale: in questo modo il denaro diventa inutile).

Satoshi Nakamoto, l'inventore di Bitcoin, è stato il primo a inserire un messaggio nascosto; leggerli, peraltro, non è difficile: basta utilizzare il client Bitcoin originale e eseguire il comando Unix strings sui file blockchain.

Con il crescere della popolarità di Bitcoin e della conseguente difficoltà nell'eseguire il mining, inserire nuovi messaggi è diventato più difficile.

Negli ultimi tempi è però emerso un nuovo modo di utilizzare questa possibilità: la distribuzione di informazioni controverse (come i cablogrammi di Wikileaks) nei Bitcoin, che diventano così difficili da rilevare e condivisi tra migliaia di client, e quindi praticamente impossibili da eliminare.

Sondaggio
Qual è il motivo principale che ti può far desistere (oppure no) dal compiere un acquisto online?
La scarsa accessibilità del sito di ecommerce.
I tempi di consegna non certi.
La scomodità di dover rimanere a casa o di dover concordare la consegna con il corriere.
La possibilità che il pacco vada perso, se la spedizione non è tracciata.
La poca fiducia riposta nel negozio online.
Il prezzo maggiore del prodotto.
Le spese di spedizione elevate.
Il sovrapprezzo applicato per la spedizione contrassegno.
La scomodità di dover rispedire il pacco qualora la merce ricevuta sia danneggiata o difettosa.
La maggior difficoltà a far valere le condizioni di garanzia.
L'impossibilità di trattare sul prezzo o di chiedere uno sconto.
La poca fiducia riposta nei sistemi di pagamento online disponibili.

Mostra i risultati (2322 voti)
Leggi i commenti (10)

Ovviamente, una volta che questa possibilità è diventata nota sono nati anche i primi problemi: qualcuno ha provato a inserire nei Bitcoin link a materiale pedopornografico.

Ciò rappresenta un problema serio per l'intero sistema: chi lo utilizza rischia infatti di scaricare e ridistribuire, senza nemmeno saperlo, pedopornografia; se viene scoperto, rischia conseguenze molto serie senza in realtà aver fatto qualcosa di male in maniera cosciente.

Qualcuno, inoltre, ha già paventato l'ipotesi che qualche governo possa utilizzare questa debolezza come scusa per mettere fuorilegge Bitcoin nel suo complesso.

Qui sotto, un esempio di messaggio inserito nei Bitcoin, inserito quale esperimento con le transazioni nel 2011 dal ricercatore Dan Kaminsky.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Allarme, c'è un bug nei Bitcoin
Quei messaggi nascosti nei Bitcoin
Bitcoin, la bolla sta per scoppiare?
Pagamenti digitali, MasterCard migliora il PayPass
Da Mastercard la carta di credito con display e tastiera
Gli Sbornia Bond e la crisi economica
Milano pioniera nei pagamenti col telefonino
UE: chi vince premi non deve sostenere spese
Google Wallet dismette la carta prepagata
Servizi gratuiti, utenti più maleducati
MasterCard e la carta prepagata con BitCoin
Garante privacy, niente conti correnti aperti al Fisco
Sgominata banda di phisher con base in Romania
UK, pagamenti con un adesivo da attaccare al telefonino
Un milione e mezzo di carte di credito rubate
MasterCard mostra la roadmap dei pagamenti elettronici

Commenti all'articolo (1)


Dovranno inventare una variante senza messaggi nascosti? :?
15-5-2013 12:59

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qui sotto trovi in ordine alfabetico i 20 marchi più pregiati nel 2014, secondo la celebre classifica compilata da Millward Brown. Secondo te qual è il più pregiato? Confronta poi il tuo voto con questo link.
Amazon
Apple
AT&T
China Mobile
Coca-Cola
GE
Google
IBM
Industrial and Commercial Bank of China
McDonald's
Marlboro
Mastercard
Microsoft
SAP
Tencent
UPS
Verizon
Visa
Vodafone
Wells Fargo

Mostra i risultati (2414 voti)
Giugno 2021
Windows 11, l'ISO del sistema finisce in Rete
Windows 11, i primi screenshot sfuggono in Rete
Tutti gli indizi che puntano a Windows 11
Gli hard disk al grafene sono 10 volte più capienti
Microsoft nasconde la fotocamera sotto lo schermo che forma il logo di Windows
Il nuovo Windows 10 si svela a fine mese
Nuova tecnica contro il ransomware: ingannare il sistema di pagamento
Maggio 2021
Malvivente condannato grazie a una foto delle dita pubblicata online
Annunciata la prossima generazione di Windows
Guidi male? Forse è un primo segno di demenza
Scarsità di chip, televisori più cari del 30%
Android 12: veloce, attento alla privacy e personalizzabile
Nella Tesla schiantatasi con “nessuno” al volante c’era qualcuno al volante
WhatsApp, funzionalità ridotte se non si vogliono regalare i dati a Facebook
La scorciatoia da tastiera che scongela il Pc
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 19 giugno


web metrics