Sms alla guida di un'auto? Non solo

Chi guida fa di tutto: usa Facebook, manda email, chatta in video e pensa di farlo in tutta sicurezza.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-05-2015]

smartphone al volante

Quando si parla di comportamenti pericolosi comunemente tenuti durante la guida, l'invio di Sms è il primo che balza alla mente.

Tuttavia, l'aumentare delle possibilità offerte della tecnologia ha ampliato il numero di tali comportamenti.

AT&T ha condotto un sondaggio dal quale è emerso che chi possiede uno smartphone quando si trova al volante fa un po' di tutto, meno che essere attento alla strada.

L'attività più gettonata è sempre costituita dall'invio/ricezione di messaggi: leggerli o scriverli durante la guida è un'abitudine per il 61% degli intervistati.

Al secondo posto viene la gestione delle email: pare che la guida aiuti nella loro stesura o lettura il 33% del campione.

Un buon 28%, evidentemente annoiato dal paesaggio o dalle altre auto, si distrae navigando in Rete in generale, mentre il 27% si dedica in particolare a Facebook (leggendo i post degli altri o pubblicando contenuti propri).

Sondaggio
Se fossi il passeggero in un'auto il cui conducente sta leggendo o inviando un Sms, protesteresti?
Sì, ma solo se sono in confidenza con l'autista. E comunque non mi sentirei molto tranquillo.
Sì, per la sicurezza di tutti.
No, se lo fa in un rettilineo o comunque in condizioni di sicurezza.
No, se il conducente è attento: non c'è motivo di protestare.
No, se sta solo leggendo. Sì, se sta inviando un messaggio.

Mostra i risultati (2397 voti)
Leggi i commenti (15)

Il social network in blu è il più amato dagli automobilisti ma non è il solo: il 14% usa Twitter e altrettanti usano Instagram, mentre il 17% trova che trovarsi alla guida sia il momento migliore per scattarsi un selfie.

Altre attività sono la registrazione di un video (scelta dal 12% del campione), usare Snapchat (11%) o una videochat (10%).

smartphone al volante

È poi interessante notare come il 62% degli intervistati affermi di tenere lo smartphone a portata di mano mentre guida, e per questo c'è un motivo: il 30% che usa Twitter al volante ammette di farlo «costantemente», e il 22% sostiene che il proprio comportamento pericoloso sia dovuto alla dipendenza da social network.

Il 27%, infine, ritiene che registrare video mentre si guida non sia un problema: loro infatti ritengono di essere capaci di farlo in tutta sicurezza.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Multata perché usava l'Apple Watch in auto
La Modalità Guida che blocca lo smartphone in auto
Apple, un brevetto per bloccare gli smartphone in auto
Apple blocca gli Sms al volante
Sempre connessi? Consigli per il viaggiatore moderno
La tecnologia per impedire gli SMS al volante esiste
SMS guidando, li invia quasi un automobilista su tre
Sms al volante? Li invia un automobilista su quattro
Invia Sms guidando l'auto e causa incidente mortale
Guidare parlando al cellulare è pericoloso, anche con il vivavoce
Il cellulare che non funziona in auto

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 15)

Sono senza parole...
25-5-2015 19:27

Sarà, ma io a questo lo amo... [video]http://www.youtube.com/watch?v=RKd7kr2BHtM[/video]
24-5-2015 21:52

Sospetto che molti, avendo un'intelligenza inferiore a quella del proprio smartphone, ritengano necessario accendere solo quest'ultimo. :evil: Leggi tutto
24-5-2015 11:10

Francamente mi sembra molto simile a: Non so di cosa sto parlando ma devo a tutti i costi dire la mia per scaricare le responsabilità degli idioti su una non ben definità entittà. Leggi tutto
24-5-2015 11:06

Io questi tipi ipertecnologici quando li vedo in azione alla guida mi vedo bene di spostarmi perchè sono diventati un pericolo pubblico nelle strade! :blackhumour:
24-5-2015 01:38

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1309 voti)
Maggio 2022
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Localizzazione al chiuso grazie al 5G
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Apple, Google e Microsoft svelano il sistema che eliminerà le password
Una storia di phishing bancario diversa dal solito: il ladro beffato
Aprile 2022
Una dura lezione dall'Internet delle Cose
Bug nell'app Messaggi, e la batteria si scarica in fretta
Gli USA ottengono l'estradizione di Assange
L'utility che ripulisce Windows 11 è in realtà un trojan
Hacker cinesi sfruttano VLC per diffondere malware
Quando l'intelligenza artificiale bara: l'aneddoto degli husky scambiati per lupi
Che si fa con Telegram? È russo
Lapsus$, arrestati due hacker: sono adolescenti
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 22 maggio


web metrics