11 milioni di siti HTTPS a rischio

Una vulnerabilità vanifica la crittografia TLS e colpisce anche i server email.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-03-2016]

falla ssl tls

Il protocollo SSL, che ha ormai 21 anni, è stato da soppiantato dal suo successore TLS perché ritenuto troppo insicuro. Eppure, continua a fare danni.

È stato infatti appena scoperto un nuovo attacco in grado di violare le comunicazioni crittografate dei siti che adottano TLS (se le comunicazione è cifrata, il protocollo indicato nella barra degli indirizzi del browser passa da HTTP a HTTPS) proprio a causa dell'"eredità" di SSL.

Il problema interessa quei siti che adoperano il protocollo TLS e l'algoritmo RSA. A causa della vulnerabilità, un hacker può tentare ripetutamente di connettersi usando SSLv2, ottenendo ogni volta alcune informazioni sulla chiave crittografica.

Alcune implementazioni di TLS, mal configurate, mantengono infatti il supporto a SSLv2 per rispondere alle richieste dei computer client che ne richiedano esplicitamente l'uso: pertanto, la rimozione del supporto a SSL dai client non è sufficiente se non si controlla attentamente anche la configurazione di TLS.

Come segnala RedHat, il problema riguarda anche la libreria OpenSSL, che fino all'ultimo aggiornamento risultava vulnerabile: chi gestisce un server farà bene a controllare di avere installata la versione 1.0.2g, rilasciata lo scorso 1 marzo.

drown explainer
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

Una recente scansione rivela che sono 5,9 milioni i server web che supportano direttamente SSLv2 e quasi 1 milione i server email configurati allo stesso modo. Inoltre, un web server che non supporta SSL risulta comunque vulnerabile se per esempio sulla stessa macchina è presente un mail server che lo supporta, se le chiavi di cifratura RSA sono le stesse per entrambi i servizi.

Sondaggio
Un sito Internet richiede che la password sia più complicata. Cosa fai per ricordarla?
La scrivo su un foglio di carta
Faccio di tutto per memorizzarla
La salvo sul browser e utilizzo il Completamento automatico
La salvo sullo smartphone
La salvo come nota sul computer
Impiego una utility specifica per l'immagazzinamento password

Mostra i risultati (2108 voti)
Leggi i commenti (11)

Il risultato di tutto ciò è che circa 11,5 milioni di siti protetti con HTTPS sono vulnerabili all'attacco, e anche un buon numero di mail server.

IIS, il server web di Microsoft, a partire dalla versione 7.0 disabilita SSLv2 per impostazione predefinita e si può quindi considerare sicuro; anche la versione 3.13 (e successive) della libreria NSS non usa più SSL.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Falla DROWN, cosa c'è da sapere (niente panico)

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Chrome dichiara guerra a Http
Https e OpenVpn sotto attacco
Transazioni sul web e comunicazioni criptate a rischio
Firefox, trafugati dati riservati sulle sue falle
Poodle, vulnerabilità in tutti i browser
LinkedIn, il bug SSL non è stato ancora corretto
Cifratura HTTPS compromessa in 30 secondi

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Questo sondaggio è stato visto sul sito di un ristorante a domicilio: Qual è il motivo principale per cui hai fatto un ordine nel nostro ristorante online?
Ho cliccato su un annuncio o un banner pubblicitario.
Avevo un coupon o un buono sconto.
Me l'ha raccomandato un amico o un parente.
Me l'ha suggerito un collega di lavoro.
Avevo già ordinato qui e mi ero trovato bene.
Dalle immagini i piatti proposti sembravano appetitosi.
Altro, specificare --> "AVEVO FAME"

Mostra i risultati (414 voti)
Ottobre 2017
Ceo di GitHub: i programmatori sono condannati all'estinzione
Il ransomware per Android che blocca lo smartphone due volte
Il falso Adblock che ha ingannato decine di migliaia di utenti
Windows Media Player sparisce da Windows 10
Disqus violato, rubati i dati di 17,5 milioni di utenti
Il caso dell'iPhone 8 che si gonfia mentre è in carica
Gli auricolari di Google che traducono le conversazioni in tempo reale
La falla in Windows Defender che a Microsoft non interessa
Con un salto quantico, Firefox diventa più veloce di Chrome
Settembre 2017
Internet Explorer spiffera quel che digitiamo nella barra
Windows, gli ultimi aggiornamenti bloccano gli account utente
Violazione di CCleaner, guai più gravi del previsto
Il primo smartphone con Linux davvero libero
Falla nel Bluetooth, vulnerabili 5 miliardi di dispositivi
Se il robot sessuale diventa un terminator
Tutti gli Arretrati


web metrics