La miglior distro Linux? È quella dei Raspberry Pi

''Pixel è quello che gli utenti vogliono da un ambiente desktop'' spiega il creatore, che l'ha resa disponibile per PC.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-12-2016]

pixel 01
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

«Per dirla in modo semplice, è lo GNU/Linux che tutti vorremmo usare»: così Eben Upton, fondatore della Raspberry Pi Foundation, definisce Pixel, la distribuzione Linux nata per funzionare sui Raspberry Pi e ora disponibile anche per architettura x86, ossia sui normali PC.

Pixel, il cui nome significa Pi Improved Xwindows Environment, Lightweight è stata rilasciata lo scorso settembre, si basa su Debian 8.6 e sfrutta una variante dell'ambiente desktop LXDE.

Pixel è sostanzialmente una distribuzione live: dopo aver scaricato l'immagine ISO si può creare un DVD oppure una chiavetta USB avviabile.

Se si utilizza un DVD, ogni cambiamento apportato al sistema viene perso quando si riavvia il computer; nel caso della chiavetta USB, invece, è possibile salvare le impostazioni personalizzate.

Qualora poi il progetto dovesse riscuotere abbastanza interesse, il team di sviluppo di Pixel si impegnerà anche nella realizzazione di una versione installabile.

Sondaggio
Qual è l'ambiente Linux che preferisci?
Gnome
Kde
Unity
Xfce
Lxde
Cinnamon
Mate
Un altro
Non uso Linux

Mostra i risultati (3685 voti)
Leggi i commenti (25)

Per quanto riguarda i motivi che hanno spinto la Raspberry Pi Foundation ad effettuare il porting per x86, valgono sempre le parole di Upton: «Pixel è la nostra ipotesi migliore per quanto riguarda ciò che la maggioranza degli utenti cerca in un ambiente desktop».

In buona sostanza, Pixel si presenta come una distribuzione leggera ma allo stesso tempo completa: il suo obiettivo non è insomma tanto costituito dai PC ultimo modello, quanto piuttosto dalla possibilità di dare nuova vita a hardware vecchiotto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La stampante che intercetta i cellulari
Come creare la mappa Wi-Fi di una città usando un Raspberry Pi
Il Pc da 9 dollari
Pi-Top, il notebook stampato 3D con Raspberry Pi
Due milioni di Raspberry Pi
Raspberry Pi e gli altri
Il PC da 15 euro su chiavetta USB

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

@rey042008 Sono d'accordo: pensare a GNU / Linux come a un sistema operativo adatto soltanto a "macchine secondarie, non di produzione e da utilizzarsi solo per curiosità o per togliersi un pallino, [...] macchine con HW datato e/o limitato" sarebbe un grossolano errore. Il potenziale di una distribuzione attuale può essere... Leggi tutto
27-12-2016 18:32

Condivido totalmente la disamina del "sofisma", sembrerebbe chiarissimo che non lo è, eppure.... Sono d'accordo anche con la seconda parte del post. Aggiungo che sarebbe ora di smetterla di considerare GNU /Linux come un S.O. adatto per macchine secondarie, non di produzione e da utilizzarsi solo per curiosità o per... Leggi tutto
27-12-2016 12:22

{Paolo Del Bene}
La distribuzione per Rapsberry non è 100 per cento Software Libero, al contrario lo è GNU/linux LibreCMC per l'embedded. distribuzioni ®Software Libero per lx86 sono: GNU/linux Blag, GNU/linux Dragora, GNU/linux Dynebolic, GNU/linux gNewSense, GNU/linux GuixSD, GNU/linux Musix, GNU/linux Parabola, GNU/linux Trisquel, GNU/linux Ututo... Leggi tutto
26-12-2016 12:38

{zeno}
@anabasi Ma si, ho voluto fare un po' di spirito di patate, letteralizzando il contenuto delle frasi. Solo un po' di ironia...
26-12-2016 12:30

@zeno Non sono riuscito a individuare il sofisma che tu invece hai visto con tanta chiarezza. Per me il ragionamento di Eben Upton non è contraddittorio: "Pixel si presenta come una distribuzione leggera ma allo stesso tempo completa", adatta pertanto a un "hardware vecchiotto" e contemporaneamente in grado di offrire... Leggi tutto
25-12-2016 21:10

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanità, in ambito scientifico?
Il futuro è nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietà intellettuale è solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrà più essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietà intellettuale è uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti più truci.
Lo scenario più probabile è un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirà i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'è il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanità.

Mostra i risultati (1139 voti)
Settembre 2017
Violazione di CCleaner, guai più gravi del previsto
Il primo smartphone con Linux davvero libero
Falla nel Bluetooth, vulnerabili 5 miliardi di dispositivi
Se il robot sessuale diventa un terminator
I consigli di Linus Torvalds per gli hacker
L'appuntamento online più imbarazzante della storia?
Bug in Android Oreo consuma tutto il traffico dati
Addio torrent, i pirati ora sono su Google Drive
YouTube Mp3 si arrende alle major
iPhone 8, Apple fissa la data di lancio
Agosto 2017
Il BlackBerry che soppianterà iPhone e Galaxy
40 anni di ''segnale Wow''
Antibufala: Barcellona, venditori ambulanti preavvisati dell’attentato!
Il ''cop button'' di iOS 11 dà manforte ai criminali
Motorola brevetta lo schermo che si ripara da solo
Tutti gli Arretrati


web metrics