Giornalista accusa: lavorare da Amazon è come essere in prigione

Non c'è nemmeno il tempo per la toilette.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-04-2018]

amazon prigione

È difficile ignorare la comodità di Amazon: un negozio sempre aperto, dove si trova pressoché di tutto, spesso a prezzi inferiori a quelli praticati altrove, e che è in grado di recapitare la merce a casa dei clienti il giorno immediatamente successivo all'ordine. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Puoi scegliere una sola pillola: quale delle tre?
Pillola blu: rimani giovane per sempre
Pillola verde: 1.000.000.000 euro in contanti
Pillola rossa: puoi viaggiare nel tempo in qualsiasi istante

Mostra i risultati (2248 voti)
Leggi i commenti (22)
Non è dunque un caso se Jeff Bezos è diventato l'uomo più ricco del mondo, con un patrimonio stimato di 112 miliardi di dollari.

Se la vita al vertice della catena di comando è decisamente rosea, viene da chiedersi come ci si trovi quando si sta al lato opposto: in altre parole, come vivono i dipendenti di Amazon impiegati nei magazzini?

James Bloodworth è un giornalista britannico che si è posto esattamente questa domanda, e per rispondere ha deciso di non limitarsi a intervistare i dipendenti: nel 2016 si è finto uno di loro per un mese, al fine di poter raccogliere i dati direttamente, facendosi assumere nel magazzino Amazon UK dello Staffordshire, nel Regno Unito.

Quindi ha raccontato la propria esperienza nel libro Hired: Six Months Undercover in Low-Wage Britain, che peraltro si trova in vendita anche su Amazon.

La descrizione delle condizioni di lavoro operata da Bloodworth è piuttosto raccapricciante: in una parola, il giornalista definisce il magazzino »una prigione».

«Il lavoro in sé è davvero pessimo» ha dichiarato Bloodworth in un'intervista. «Avevo già lavorato in un magazzino, ma stavolta ho trovato qualcosa che non avevo mai sperimentato. Non ci sono nemmeno delle vere pause: quando si riesce ad arrivare in mensa, si hanno a disposizione soltanto 15/20 minuti per il pranzo su una giornata di 10 ore e mezza di lavoro».

«Ogni volta che si lascia il magazzino si viene esaminati dalla sicurezza, e ciò aggiunge ulteriori cinque minuti. È come un aeroporto: si toglie la cintura, si toglie l'orologio. L'atmosfera è quella che immagino ci sia in una prigione. Ti sembra di camminare sulle uova».

Non è soltanto una questione di tempi ridotti per le pause, o di controlli severi. La produttività - sostiene Bloodworth - è l'unico dio al quale inchinarsi, davanti al quale ogni necessità diventa non soltanto secondaria, ma addirittura da eliminare.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Pipì in bottiglia per paura di perdere il lavoro

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Amazon, quando l'ambiente di lavoro è un inferno

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 21)

@uomoselvatico70 Io non ho detto che il reagire debba essere fatto da chi non c'entra nulla. Il reagire dev'essere fatto da chi è coinvolto in una determinata cosa che non lo soddisfa o che non è giusta. Un esempio: scioperano gli insegnanti? O i metalmeccanici? O i tranvieri? Una massa di gente dirà. Lavorare e tacere. Prendi poco? Io... Leggi tutto
4-10-2019 12:49

@Maary79: Secondo me invece, è parte della natura umana preoccuparsi solo delle cose che ci toccano direttamente ( per es, vedi il problema dei migranti, se si limitassero a crepare a casa loro, non ci sarebbe alcuna emergenza) L'essere umano è fatto così, inutile cercare di cambiarlo. Per quanto riguarda il discorso lavoro sono... Leggi tutto
3-10-2019 21:16

@uomoselvatico Sono tutti lavori da schiavi. Il lavoro è schiavitù, non è libertà. Ci hanno ingannati, ed ora cosa dovremo fare? Reagire come te, e pensare che sia giusto essere sfruttati tutti, o incitare la gente a lottare per i propri diritti e a non scendere a compromessi? Secondo me, la seconda.
3-10-2019 12:46

Lavorare da Amazon sarebbe da "schiavi"..... :lol: E allora i lavori che ho fatto io in cantiere d'inverno a tirar su i quintali alle 7 del mattino con meno 10 sotto zero oppure sui tetti in luglio con 40 gradi ? E quando sono stato in fonderia? E a raccogliere il tabacco per 10 ore al giorno sotto il sole con i negri? E... Leggi tutto
1-10-2019 20:03

{paolo del bene}
Last schiavitù è finita da un bel Pezzo, non vedo perchè bisogna farsi sfruttare.
30-5-2018 19:24

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (402 voti)
Agosto 2022
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 12 agosto


web metrics