Galaxy S10, lettore di impronte ingannato da una stampa 3D



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-04-2019]

Galaxy s10 lettore impronte ingannato

Che i sistemi di riconoscimento biometrico non siano a prova di malintenzionato dovrebbe essere ormai cosa nota, ma un utente di Imgur ha dimostrato come violare anche le più recenti implementazioni sia questione di pochi minuti.

È pur vero che serve un'attrezzatura che non tutti possono avere a disposizione, ma non si tratta di apparecchi particolarmente costosi o complicati da usare.

L'utente in questione, che si fa chiamare darkshark sostiene di essere riuscito a ingannare il lettore di impronte digitali del Galaxy S10 usando la stampa 3D di un'impronta.

Lo smartphone di Samsung usa un lettore integrato nel display, scelta che, se da un lato permette di avere più spazio per lo schermo, dall'altro ha già dimostrato di creare qualche difficoltà agli utenti a causa di incompatibilità con alcune pellicole protettive.

Il funzionamento del lettore si basa sugli ultrasuoni: questi vengono usati per individuare le creste delle impronte digitali, e tale sistema dovrebbe essere più sicuro di quello tradizionalmente usato.

Esso infatti non può essere ingannato adoperando una semplice foto dell'impronta del proprietario, come è capitato in passato con gli altri lettori. Eppure, evidentemente, qualche debolezza c'è.

Darkshark afferma di aver dapprima scattato una foto della propria impronta, ricavata da un bicchiere. Poi l'ha elaborata con un programma di ritocco fotografico per aggiungere profondità e quindi ha stampato il risultato con una stampante 3D a resina, la Anycubic Photon LCD (che si trova in vendita a meno di 500 euro).

Sondaggio
I bambini sempre più spesso entrano in contatto con la tecnologia a una tenera età (per giocare, comunicare e cercare informazioni), anche grazie alla diffusione di smartphone e tablet. Quale dovrebbe essere la maggiore preoccupazione dei genitori?
Potrebbero visionare materiale inappropriato o visitare siti inopportuni.
Potrebbero comunicare con sconosciuti o persone non ritenute affidabili.
Potrebbero essere vittime di cyberbullismo, sui social network o altrove.
Potrebbero spendere denaro online senza che i genitori lo sappiano, anche a causa delle app che richiedono acquisti online durante i giochi.
Potrebbero diffondere dati personali (compresi foto e filmati) senza essere coscienti dei rischi.
Potrebbero incorrere in difficoltà a relazionarsi con amici dal vivo, nascondendosi dietro relazioni disintermediate dal mezzo informatico.

Mostra i risultati (1282 voti)
Leggi i commenti (13)

Sono occorsi alcuni tentativi prima di riuscire a ottenere una copia perfetta dell'impronta, ma in appena 13 minuti il risultato è stato ottenuto, ingannando senza problemi il Galaxy S10.

Come Darkshark stesso spiega, venire in possesso dell'impronta di un utente non è un compito troppo difficile. Dato che ogni smartphone raccoglie le impronte sulla propria superficie per il semplice fatto di venire usato, rubare un telefonino e accedervi con il sistema descritto è un po' laborioso ma non richiede una grandissima fatica, e a chi sa quel che fa può bastare un quarto d'ora.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Samsung, aggiornamento urgente per lettore di impronte del Galaxy S10
Lo smartphone che identifica il proprietario dal sudore
Galaxy S8, per ingannare la scansione dell'iride basta una foto
La banca con il riconoscimento biometrico della voce
Amazon brevetta lo sblocco con l'orecchio
Per rubare le impronte digitali basta una foto
Le orecchie sono meglio delle impronte digitali
Il nostro odore è l'ultima tecnica di riconoscimento biometrico

Commenti all'articolo (2)

E' scomodo e obsoleto... :wink:
20-4-2019 15:08

Mi chiedo cosa ci sia di così brutto ad usare il PIN...
12-4-2019 07:37

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il tuo approccio nei confronti del navigatore satellitare?
Mi affido al navigatore solo in caso di necessità.
Sono diffidente e non mi baso totalmente sulle indicazioni del dispositivo.
Non mi metto al volante prima di aver acceso il magico schermo.
Non ne ho mai avuto uno.
Preferisco fermarmi a chiedere informazioni ai passanti.
Non mi interessano le indicazioni: in fondo a volte è bello anche basarmi sul mio istinto e nel caso sbagliare strada.

Mostra i risultati (3343 voti)
Settembre 2019
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Il bug di Windows 10 che tinge di rosso gli screenshot
Antibufala: le foto di raggi spaziali che causano incendi nei boschi
Lo smartphone etico attento alle persone e al pianeta
Storie di hacker, campeggi e libertà
USB 4 è ufficiale e raggiunge i 40 Gbit/s
5 consigli (più uno) per non farsi lasciare a piedi dal PC
La lotta al ransomware procede silenziosa ma con successo
La maledizione dei connettori USB
Agosto 2019
GIMP è un insulto: sviluppatori ribelli fondano il fork Glimpse
Sextortion, il malware che registra davvero chi guarda video a luci rosse
Misteriosa malattia colpisce i fumatori di sigarette elettroniche
Tutti gli Arretrati


web metrics